Home > Mondo

"7 anni e un'impunità totale: inaccettabile"

18.09.2017 - aggiornato: 19.09.2017 - 07:26

Così Carla Del Ponte nella sua ultima apparizione quale membro della Commissione d'inchiesta indipendente dell'Onu sulla Siria, che ha deciso di lasciare.

© Swissinfo

Carla Del Ponte lascia la Commissione d'inchiesta indipendente dell'Onu sulla Siria ribadendo il suo appello contro l'impunità. Davanti al Consiglio dei diritti umani, ha chiesto oggi a Ginevra un tribunale speciale per crimini commessi in circa sette anni di conflitto. "Sette anni e un'impunità totale: è inaccettabile", ha detto la ex procuratrice ticinese nella sua ultima apparizione quale membro della Commissione.

Del Ponte aveva annunciato all'inizio di agosto il suo ritiro in particolare a causa dell'inazione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, che ha di nuovo preso di mira oggi. "Vogliamo la giustizia", "abbiamo bisogno di un tribunale", ha insistito. Facendo appello agli Stati membri de Consiglio dei diritti umani che hanno condannato l'attacco chimico di aprile a Khan Shaykhun ha chiesto aiuto per l'istituzione di una tale istanza.

Precedentemente l'ambasciatore siriano al Consiglio dei diritti umani aveva nuovamente denunciato Del Ponte, senza nominarla, per aver accusato il regime di essere responsabile di questo raid. Nel suo ultimo rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Siria, pubblicato una decina di giorni fa, la Commissione ha chiaramente chiamato in causa l'aviazione siriana.

Oggi il Consiglio dei diritti umani ha ringraziato Carla Del Ponte per il suo mandato. La ticinese - ex procuratrice generale del Tribunale penale internazionale dell'Aja per l'ex Jugoslavia nonché di quello che si è occupato del genocidio in Ruanda - lo ha da parte sua definito una "esperienza speciale". L'ambasciatore elvetico presso l'Onu a Ginevra, Valentin Zellweger, ha lodato il suo "lavoro impegnato".

Zellweger ha condannato l'attacco di Khan Shaykhun, ma anche il ricorso "sproporzionato" alla forza contro i civili a Raqqa da parte della coalizione contro lo Stato islamico (Isis) sostenuta dagli Stati Uniti. Si è detto anche preoccupato per i trasferimenti forzati dopo accordi in diverse zone assediate.

Da parte sua l'ambasciatore siriano ha nuovamente ribadito di ritenere che la Commissione vada oltre il suo mandato lanciando "accuse politiche". E ha chiesto che siano rivelati la nazionalità e il profilo di tutte le persone che hanno contribuito alla redazione del rapporto.

Sempre oggi i membri della Commissione hanno incontrato per la prima volta Catherine Marchi-Uhel, responsabile del nuovo Meccanismo internazionale incaricato di raccogliere le prove sui crimini più gravi in Siria. Con Marchi-Uhel hanno discusso la collaborazione con questa nuova entità.

(Ats)

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

È morto Johnny Hallyday

Il più popolare musicista di Francia combatteva da tempo contro un tumore ai polmoni. Nonostante la malattia mantenne l'impegno di cantare in tournée l' …

Mondo

Germania: si torna al passato?

Il presidente Steinmeier convoca i capi dei partiti giovedì prossimo e spinge perché torni la Grosse Koalition tra CDU e SPD.

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg