Home > Mondo

«Aleppo è distrutta, aiutateci a rimanere»

17.09.2015 - aggiornato: 09.12.2015 - 14:24

Bastano 20 franchi per sfamare giornalmente una famiglia di quattro persone in questa bellissima città siriana oggi devastata da quasi cinque anni di guerra. Padre Ibrahim Alsabagh, francescano, e i suoi confratelli si occupano di un centro di accoglienza, di un oratorio e di ricostruire l’ospedale distrutto dai bombardamenti. Per farlo, hanno bisogno anche del nostro aiuto. Ecco come.

Padre Ibrahim ad Aleppo.

di Maria Acqua Simi

La gente di Aleppo non solo resiste. Vive. Vive nonostante l’acqua e il cibo non ci siano quasi più; vive nonostante manchino l’elettricità, il lavoro, gli ospedali. Quello che non manca - in questa città siriana martoriata da quattro anni di guerra - è la dose quotidiana di bombardamenti, cecchini, granate, morti.  Moltissime famiglie sono fuggite, sfollate in altre zone della Siria o emigrate in Libano, Giordania, Turchia. Molti, invece, sono rimasti. 

 

Ci sono giovani studenti che vorrebbero continuare la scuola, ma i soldi per pagare gli studi non ci sono. E poi vi sono famiglie intere rimaste senza casa, a causa delle bombe e delle esplosioni. Anche i cimiteri, le chiese, le moschee e gli ospedali sono stati distrutti. Il costo della vita è altissimo e in forte crescita per via dell’embargo imposto alla Siria che vieta ogni tipo di scambio commerciale con l’estero, come ad esempio la vendita di cibo e medicine. A

questo si aggiunge il cambio ufficiale con il dollaro imposto dal Governo del presidente Bashar al Assad, che sta mettendo in ginocchio la popolazione. «In mezzo a questo disastro noi, la Chiesa di Cristo, cerchiamo di essere quella rete di relazioni che impedisce all’uomo di crollare», ci dice padre Ibrahim Alsabagh, 44 anni, francescano della Custodia di Terra Santa, che nella città si occupa di gestire un centro di accoglienza per famiglie e di ricostruire l’ospedale e pure dell’oratorio del convento di San Francesco, che quest’estate contava oltre 200 bambini. Lui e i suoi confratelli sono rimasti in Siria, nonostante i rischi. «C’è speranza», continua a ripetere.

Le sue giornate passano nella preghiera e nell’assistenza della popolazione locale: distribuire l’acqua dei pozzi alle famiglie che non riescono a rifornirisi, cercare il cibo per le famiglie, procurare i soldi necessari per pagare le rette scolastiche e universitarie dei giovani. Con l’avvicinarsi dell’inverno diventa anche necessario procurare vestiario adeguato per la gente, stufette e soprattutto reperire i fondi per ricostruire l’ospedale e fornire alle famiglie dei kit igienici. Proprio per aiutare la sua opera e l’ospedale, noi del GdP abbiamo deciso di lanciare una colletta in favore dell’opera di padre Ibrahim.

L’ospedale oggi ha bisogno di un generatore elettrico, di uno stabilizzatore, di un ventilatore per la terapia intensiva, dell’attrezzatura per le due sale operatorie e di un fondo per gli interventi urgenti e per i ricoveri non retribuiti. Lo facciamo con gioia, quella stessa letizia che ci ha comunicato padre Ibrahim in una delle ultime lettere inviateci dalla Siria. Scrive: «Carissimi, le persone ad Aleppo subiscono quotidianamente grandi umiliazioni. Ma ieri nell’omelia della Santa Messa domenicale, ho chiesto loro di portare la croce con gioia, con il sorriso invece che con il muso lungo, e di saper ringraziare Dio per il dono dell’acqua che ritorna invece di lamentarsi perché essa manca per settimane intere. È un lungo cammino in salita quello che stiamo facendo, ma il Signore stesso ci offre delle occasioni per santificarci, progredendo e crescendo in tutte le virtù, in special modo quella della pazienza e dell’abbandono fiducioso».

Poi un saluto per chi ha deciso di aiutare - anche economicamente - i cristiani e i bisognosi di Aleppo: «Vi ricordo con grande affetto e gratitudine, ogni volta che penso quanto desiderate partecipare alle nostre sofferenze, raccogliendo del vostro per andare incontro ai bisogni della gente di qua che non conoscete personalmente: ecco, voi siete pienamente partecipi della mia missione ad Aleppo! Grazie di cuore, amici».

 

 

COLLETTA DEL GDP «Aiutateci  a restare qui»

 

Per aiutare l’opera di padre Ibrahim ad Aleppo e permettere ai siriani di rimanere nella loro patria è possibile effettuare (una tantum, ma se si vuole anche più volte) tre tipi di donazione:

  • 20 FRANCHI -  sostentamento per un giorno per una famiglia di quattro persone
  • 50 FRANCHI -  materiale per l’inverno (vestiti, coperte, kit per l’igiene) 
  • 100 FRANCHI -  contributi per la risistemazione dell’ospedale di Aleppo (costo totale, 370mila franchi) 

 

Le offerte possono essere versate sul conto del Giornale del Popolo, che poi provvederà a far giungere i soldi alla parrocchia di padre Ibrahim.

 

Per versamenti   

Nuova Società Editrice del Giornale del Popolo SA,
6900 Massagno - Ccp 65-235063-4
Menzione “Colletta GdP”

 

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalita sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

Messico: i morti sono oltre 90

Ancora provvisorio il bilancio delle vittime del sisma

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Mondo

Addio al padre della nouvelle cuisine

È morto a 88 anni Christian Millau, fondatore in Francia delle guide ai ristoranti Gault & Millau.

Mondo

Brasile, si vota l'impeachment

Mercoledì il Parlamento del Brasile voterà sull'incriminazione del presidente Michel Temer.
Mondo

È morta Jeanne Moreau

Icona della Nouvelle Vague, l'attrice francese è stata ritrovata questa mattina senza vita nella sua casa di Parigi. Aveva 89 anni.

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Mondo

Nuove sanzioni a Pyongyang

Ma la Corea del Nord continua i lavori per il suo arsenale nucleare.

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

Autostrade italiane: sciopero dei casellanti

Da lunedì sera alle 22.00 fino a martedì alle 22.00, possibili disagi.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg