Home > Mondo

Anche Israele dice addio all'Unesco

12.10.2017 - aggiornato: 12.10.2017 - 20:27

Bufera sull'Unesco, dopo l'abbandono degli USA anche Israele annuncia il ritiro dopo mesi di tensione sul nodo del Medio Oriente.

Proprio nella settimana in cui a Parigi è riunito il 'conclave' dei 58 Stati membri dell'organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura per eleggere il successore della direttrice generale uscente, Irina Bokova, gli Usa e Israele hanno annunciato il ritiro dall'organizzazione dopo mesi di tensioni sul nodo del Medio Oriente.
La decisione, è stata presa in seguito alle recenti risoluzioni dell'Unesco, che hanno condannato lo Stato ebraico e gli insediamenti, considerate da Washington 'anti-israeliane'. È dal 2011, quando la Palestina venne riconosciuta come membro a pieno titolo dell'organizzazione, che gli Usa hanno smesso di finanziarla pur mantenendo un ufficio nel quartier generale di Parigi e un'influenza dietro le quinte sulle sue politiche. L'odierna decisione entrerà in vigore il 31 dicembre 2018. Gli Stati Uniti - ha precisato il Dipartimento di Stato - intendono diventare in seguito un osservatore permanente della missione per "contribuire alle visioni, prospettive e competenze americane su alcune delle importanti questioni affrontate dall'organizzazione inclusa la tutela del patrimonio dell'umanità, la difesa della libertà di stampa e la promozione della collaborazione scientifica e dell'educazione".
A stretto giro, anche il premier Benyamin Netanyahu ha dato istruzioni di "preparare l'uscita di Israele dall'Unesco in parallelo con gli Usa". Netanyahu ha poi reso omaggio alla scelta del presidente americano. "La decisione di Trump - ha detto - è coraggiosa e morale, perché l'Unesco è diventato un teatro dell'assurdo e perché piuttosto che preservare la storia la distorce". Poco prima, l'ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, Danny Danon, aveva dichiarato che "c'è un prezzo da pagare per la discriminazione contro Israele...La decisione di oggi rappresenta un punto di svolta: le risoluzioni assurde e vergognose dell'organizzazione contro il nostro Paese hanno conseguenze". Apprezzamento è stato espresso anche dall'ex ministra degli Esteri israeliana Tizpi Livni.
La grande fuga dall'Unesco ha suscitato reazioni in tutto il mondo. Rammaricata la numero uno uscente dell'organismo Irina Bokova. "È una perdita per l'Unesco, una perdita per la famiglia delle Nazioni Unite, una perdita per il multilateralismo". Ma "il compito dell'Unesco non è finito e continueremo ad andare avanti per costruire un 21esimo secolo più giusto, più pacifico e più equo, e per questo l'Unesco ha bisogno dell'impegno di tutti gli Stati".
Di "triste notizia" ha parlato il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitri Peskov. E anche Parigi ha deplorato la decisione pur tirando subito acqua al suo mulino. In "queste circostanze" - ha detto il Quai d'Orsay - la candidatura dell'ex ministra degli Esteri francese, Audrey Azoulay, attualmente gomito a gomito con l'omologo del Qatar, Hamad Bin Abdulaziz Al-Kawari per succedere a Bokova, "assume un nuovo significato. L'Unesco - argomenta Parigi - ha più che mai bisogno di un progetto nel quale tutti gli Stati membri possano riconoscersi, che ripristini la fiducia e superi le divisioni politiche ponendosi unicamente a servizio" delle sue missioni "essenziali". "Questo è il progetto che la Francia promuove oggi attraverso la candidatura di Audrey Azoulay". Salvo nuove sorprese, la data limite per lo scrutinio è prevista per domani.

Ats
 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg