Home > Mondo

Anche Israele dice addio all'Unesco

12.10.2017 - aggiornato: 12.10.2017 - 20:27

Bufera sull'Unesco, dopo l'abbandono degli USA anche Israele annuncia il ritiro dopo mesi di tensione sul nodo del Medio Oriente.

Proprio nella settimana in cui a Parigi è riunito il 'conclave' dei 58 Stati membri dell'organismo Onu per Scienza, Educazione e Cultura per eleggere il successore della direttrice generale uscente, Irina Bokova, gli Usa e Israele hanno annunciato il ritiro dall'organizzazione dopo mesi di tensioni sul nodo del Medio Oriente.
La decisione, è stata presa in seguito alle recenti risoluzioni dell'Unesco, che hanno condannato lo Stato ebraico e gli insediamenti, considerate da Washington 'anti-israeliane'. È dal 2011, quando la Palestina venne riconosciuta come membro a pieno titolo dell'organizzazione, che gli Usa hanno smesso di finanziarla pur mantenendo un ufficio nel quartier generale di Parigi e un'influenza dietro le quinte sulle sue politiche. L'odierna decisione entrerà in vigore il 31 dicembre 2018. Gli Stati Uniti - ha precisato il Dipartimento di Stato - intendono diventare in seguito un osservatore permanente della missione per "contribuire alle visioni, prospettive e competenze americane su alcune delle importanti questioni affrontate dall'organizzazione inclusa la tutela del patrimonio dell'umanità, la difesa della libertà di stampa e la promozione della collaborazione scientifica e dell'educazione".
A stretto giro, anche il premier Benyamin Netanyahu ha dato istruzioni di "preparare l'uscita di Israele dall'Unesco in parallelo con gli Usa". Netanyahu ha poi reso omaggio alla scelta del presidente americano. "La decisione di Trump - ha detto - è coraggiosa e morale, perché l'Unesco è diventato un teatro dell'assurdo e perché piuttosto che preservare la storia la distorce". Poco prima, l'ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, Danny Danon, aveva dichiarato che "c'è un prezzo da pagare per la discriminazione contro Israele...La decisione di oggi rappresenta un punto di svolta: le risoluzioni assurde e vergognose dell'organizzazione contro il nostro Paese hanno conseguenze". Apprezzamento è stato espresso anche dall'ex ministra degli Esteri israeliana Tizpi Livni.
La grande fuga dall'Unesco ha suscitato reazioni in tutto il mondo. Rammaricata la numero uno uscente dell'organismo Irina Bokova. "È una perdita per l'Unesco, una perdita per la famiglia delle Nazioni Unite, una perdita per il multilateralismo". Ma "il compito dell'Unesco non è finito e continueremo ad andare avanti per costruire un 21esimo secolo più giusto, più pacifico e più equo, e per questo l'Unesco ha bisogno dell'impegno di tutti gli Stati".
Di "triste notizia" ha parlato il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitri Peskov. E anche Parigi ha deplorato la decisione pur tirando subito acqua al suo mulino. In "queste circostanze" - ha detto il Quai d'Orsay - la candidatura dell'ex ministra degli Esteri francese, Audrey Azoulay, attualmente gomito a gomito con l'omologo del Qatar, Hamad Bin Abdulaziz Al-Kawari per succedere a Bokova, "assume un nuovo significato. L'Unesco - argomenta Parigi - ha più che mai bisogno di un progetto nel quale tutti gli Stati membri possano riconoscersi, che ripristini la fiducia e superi le divisioni politiche ponendosi unicamente a servizio" delle sue missioni "essenziali". "Questo è il progetto che la Francia promuove oggi attraverso la candidatura di Audrey Azoulay". Salvo nuove sorprese, la data limite per lo scrutinio è prevista per domani.

Ats
 

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalita sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

Messico: i morti sono oltre 90

Ancora provvisorio il bilancio delle vittime del sisma

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Mondo

Addio al padre della nouvelle cuisine

È morto a 88 anni Christian Millau, fondatore in Francia delle guide ai ristoranti Gault & Millau.

Mondo

Brasile, si vota l'impeachment

Mercoledì il Parlamento del Brasile voterà sull'incriminazione del presidente Michel Temer.
Mondo

È morta Jeanne Moreau

Icona della Nouvelle Vague, l'attrice francese è stata ritrovata questa mattina senza vita nella sua casa di Parigi. Aveva 89 anni.

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Mondo

Nuove sanzioni a Pyongyang

Ma la Corea del Nord continua i lavori per il suo arsenale nucleare.

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

Autostrade italiane: sciopero dei casellanti

Da lunedì sera alle 22.00 fino a martedì alle 22.00, possibili disagi.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg