Home > Mondo

Assad offre un'amnistia ai ribelli

01.03.2016 - aggiornato: 01.03.2016 - 19:39

Il  presidente siriano, nel terzo giorno di tregua nel Paese, ha offerto ai ribelli «un ritorno alla loro vita civile normale» a patto che «depongano le armi». 

(EPA/SANA)

"Faremo la nostra parte perché il tutto funzioni". Lo ha detto in una intervista alla tv tedesca ARD il presidente siriano Bashar al Assad, a proposito del cessate il fuoco in vigore da sabato scorso. Assad offre ai ribelli "un'amnistia" e "un ritorno alla loro vita civile normale" a patto che "depongano le armi". 

"Depongano semplicemente le armi - ha detto il presidente siriano -. Il fatto che vogliano partecipare a un processo politico, oppure che al contrario non siano affatto interessati a questo, o che non seguano un'agenda politica, per me non conta". "Per me l'importante dal punto di vista giuridico e costituzionale, nell'interesse del popolo siriano - ha continuato - è che non si ha il diritto di andare in giro con armi e blindati e indirizzarli contro i cittadini e i loro beni".

 

Terzo giorno di tregua

La tregua in Siria "regge" per il terzo giorno consecutivo, ma la guerra nel Paese continua a ritmi serrati visto che sono assai limitate le aree geografiche incluse nell'accordo per l'interruzione delle ostilità. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha espresso soddisfazione per la tenuta del cessate il fuoco, tanto da accennare alla possibilità di estendere l'accordo oltre le due settimane previste. Le agenzie dell'Onu annunciano ora un piano per portare aiuti a oltre 150 mila civili intrappolati a lungo in zone sotto assedio ma le operazioni rimangono complesse. Più calme sono le zone del sud della Siria, tra Daraa e Damasco, ma nel resto del Paese la violenza non accenna a diminuire.

 

L'Onu ha intanto oggi lanciato l'allarme per il rischio che "migliaia di persone rischiano di morire di fame" nelle zone da lungo tempo sotto assedio. In precedenza, sempre le Nazioni Unite avevano riferito che circa 450 mila civili, di fatto ostaggio in località circondate dei gruppi armati, hanno urgente bisogno di aiuto umanitario perché prive di cibo, medicinali e altri beni essenziali. 

 

Sfruttando la relativa calma in alcune aree coinvolte dalla tregua, l'Onu conta adesso di andare in soccorso di 154 mila persone nei prossimi cinque giorni. Verso Muaddamiya località a sud-ovest di Damasco assediata da oltre due anni dalle truppe governative, sono partiti oggi dalla capitale decine di camion della Mezzaluna rossa siriana, controllata dal governo e che si coordina con le Nazioni Unite. Il convoglio non trasporta cibo ma coperte, saponi, pannolini per bambini. 

 

 

(Red/Ats)

 

Articoli correlati:

In Siria per ora tacciono le armi

Tregua in Siria, "violazioni limitate"

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg