Home > Mondo

Brexit al tavolo dei negoziati

19.06.2017 - aggiornato: 19.06.2017 - 15:17

A un anno dal referendum sono cominciati i negoziati ufficiali per il divorzio tra Regno Unito e Ue. La premier May si presenta indebolita dopo il voto dell'8 giugno

© Emmanuel Dunand, Pool Photo via AP

A un anno di distanza dal referendum con il quale i cittadini britannici hanno votato per la Brexit sono cominciati oggi i negoziati tra Ue e Gran Bretagna. "Ci saranno molte discussioni, sul denaro e sul resto, ma dobbiamo alzare la prospettiva e guardare al futuro: siamo amici" e "l'intero processo porterà ad una risoluzione felice del rapporto" cosa che "può essere fatta con profitto ed onore per entrambe le parti". Lo ha detto Boris Johnson all'arrivo al Consiglio dei ministri degli esteri europei a Lussemburgo. Mentre il capo negoziatore Ue sulla Brexit Michel Barnier, accogliendo il ministro britannico David Davis alla Commissione europea, afferma che "oggi diamo il via ai negoziati per un ritiro ordinato della Gran Bretagna dall'Ue. Dobbiamo affrontare le incertezze causate dalla Brexit, per i cittadini, per i beneficiari delle politiche" europee, e per la questione delle frontiere, in particolare quelle irlandesi". "Spero che si possano identificare priorità e calendario che mi permetta di riferire al Consiglio europeo, che abbiamo avuto un apertura costruttiva dei negoziati", ha aggiunto Barnier.

Iniziamo con tono positivo e costruttivo

Per il ministro britannico David Davis, arrivando alla Commissione Ue per il primo round di discussioni sulla Brexit, si iniazia questo negoziato con un tono costruttivo e positivo, determinati a costruire una partnership speciale con i nostri amici e alleati. Questo poiché “sebbene ci siano senza dubbio tempi di sfida davanti a noi, faremo tutto il possibile per dare un accordo che sia nel miglior interesse di tutti i cittadini”.

La premier May si presenta indebolita

È un governo britannico neanche nato eppure già in agonia quello che si affaccia all'appuntamento con la storia: l'avvio formale del negoziato con Bruxelles per il divorzio del Regno dall'Ue. La premier Tory, Theresa May, pare si sia vista dare "i 10 giorni" dal suo partito, a leggere il Sunday Times, come fosse una domestica del tempo andato.

Di certo si presenta indebolita ai limiti del tracollo: azzoppata dal risultato boomerang del voto dell'8 giugno, dalla malcerta alleanza con la destra unionista nordirlandese, dalle risorgenti divisioni - nel Paese e tra i conservatori stessi - sulla natura della Brexit, ma soprattutto dall'immagine fallimentare riflessa nelle fiamme del disastroso incendio della Grenfell Tower, con gli almeno 79 'morti presunti'. Una catastrofe su cui, accusa il sindaco di Londra, Sadiq Khan, incombono come un macigno proprio "le negligenze" dell'esecutivo, a dispetto delle 5.500 sterline promesse ora a ciascuna famiglia coinvolta. E che, lungi dal poter essere archiviata come una fatalità, "si sarebbe potuta prevenire".

Insomma un congiuntura nera, a cercare di scaricare la colpa sugli astri, per la donna che avrebbe voluto affrontare la partita della Brexit con l'Europa con piglio ferreo. E che invece manderà il suo ministro David Davis a fare la prima mossa col negoziatore francese Michel Barnier senza aver messo in cassaforte neppure il voto di fiducia: atteso mercoledì dopo il Queen's Speech, il discorso in cui Elisabetta II leggerà il programma di governo aprendo la nuova sessione parlamentare.

Secondo la stampa dell'isola, è ormai lo stesso Partito Conservatore a essere in subbuglio. I passi falsi di lady Theresa - su cui pesa il paragone impietoso tracciato da Adam Bolton sul Times con la regina "nostra consolatrice in capo", assai più attenta di lei alle sensibilità popolare dopo la 'lezione' dei giorni della morte della principessa Diana - sono stati troppi. E nel gruppo parlamentare sembra non si escluda più addirittura l'ipotesi d'una sfiducia immediata, se nel giro di dieci giorni o giù di lì il primo ministro "non riprenderà l'iniziativa", come ammette anche il Telegraph, giornale amico.

Il progressista Guardian, da parte sua, riferisce ormai di "scontri accesi" nel medesimo consiglio dei ministri. Ma sono soprattutto i deputati ad agitarsi. Con lo zoccolo duro dei 'brexiteers' che pretende rinnovate garanzie su un'uscita dall'Ue senza compromessi, evocando altrimenti un passaggio di mano della leadership: col solito Boris Johnson in pole.

Sul fronte opposto, provano d'altronde a riemergere le 'colombe': in primis il cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, il quale in un'intervista ad Andrew Marr sulla Bbc difende il governo dalle accuse di aver rinviato nei mesi scorsi l'attuazione di nuove norme di sicurezza anti-incendio in edifici come la Grenfell Tower. Ma al contempo si smarca sulla Brexit (che i 'falchi' insistono a voler portare avanti a spron battuto, come dimostra l'annuncio della cancellazione del prossimo Queen's Speech del 2018, quasi a evitare 'intralci' dal Parlamento), chiedendo semmai maggiore attenzione ai temi dell'economia e alle proteste della gente comune "stanca di tagli di spesa".

Un sondaggio Survation certifica che fra i britannici cresce del resto la voglia di un divorzio "soft" dall'Europa e persino un capovolgimento sull'ipotesi, auspicata adesso da ben un 54%, d'un referendum bis fra due anni sull'accordo finale. Segnali a cui strizzano l'occhio i laburisti di Jeremy Corbyn. All'attacco su Grenfell Tower, dopo che la piazza ha preso di mira direttamente May, come pure sulla Brexit.

Il governo Tory, "indebolito e diviso", non ha più l'autorità di negoziarla, taglia corto oggi Corbyn sul Mirror, offrendo in alternativa una ricetta targata Labour che mirerebbe a salvare per quanto possibile "i benefici del mercato unico e dell'unione doganale". Pur nel quadro di "un'immigrazione regolata" e di "una libertà di movimento destinata a finire".

(Red/Ats)

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

È morto Johnny Hallyday

Il più popolare musicista di Francia combatteva da tempo contro un tumore ai polmoni. Nonostante la malattia mantenne l'impegno di cantare in tournée l' …

Mondo

Germania: si torna al passato?

Il presidente Steinmeier convoca i capi dei partiti giovedì prossimo e spinge perché torni la Grosse Koalition tra CDU e SPD.

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg