Home > Mondo

Brexit al tavolo dei negoziati

19.06.2017 - aggiornato: 19.06.2017 - 16:17

A un anno dal referendum sono cominciati i negoziati ufficiali per il divorzio tra Regno Unito e Ue. La premier May si presenta indebolita dopo il voto dell'8 giugno

© Emmanuel Dunand, Pool Photo via AP

A un anno di distanza dal referendum con il quale i cittadini britannici hanno votato per la Brexit sono cominciati oggi i negoziati tra Ue e Gran Bretagna. "Ci saranno molte discussioni, sul denaro e sul resto, ma dobbiamo alzare la prospettiva e guardare al futuro: siamo amici" e "l'intero processo porterà ad una risoluzione felice del rapporto" cosa che "può essere fatta con profitto ed onore per entrambe le parti". Lo ha detto Boris Johnson all'arrivo al Consiglio dei ministri degli esteri europei a Lussemburgo. Mentre il capo negoziatore Ue sulla Brexit Michel Barnier, accogliendo il ministro britannico David Davis alla Commissione europea, afferma che "oggi diamo il via ai negoziati per un ritiro ordinato della Gran Bretagna dall'Ue. Dobbiamo affrontare le incertezze causate dalla Brexit, per i cittadini, per i beneficiari delle politiche" europee, e per la questione delle frontiere, in particolare quelle irlandesi". "Spero che si possano identificare priorità e calendario che mi permetta di riferire al Consiglio europeo, che abbiamo avuto un apertura costruttiva dei negoziati", ha aggiunto Barnier.

Iniziamo con tono positivo e costruttivo

Per il ministro britannico David Davis, arrivando alla Commissione Ue per il primo round di discussioni sulla Brexit, si iniazia questo negoziato con un tono costruttivo e positivo, determinati a costruire una partnership speciale con i nostri amici e alleati. Questo poiché “sebbene ci siano senza dubbio tempi di sfida davanti a noi, faremo tutto il possibile per dare un accordo che sia nel miglior interesse di tutti i cittadini”.

La premier May si presenta indebolita

È un governo britannico neanche nato eppure già in agonia quello che si affaccia all'appuntamento con la storia: l'avvio formale del negoziato con Bruxelles per il divorzio del Regno dall'Ue. La premier Tory, Theresa May, pare si sia vista dare "i 10 giorni" dal suo partito, a leggere il Sunday Times, come fosse una domestica del tempo andato.

Di certo si presenta indebolita ai limiti del tracollo: azzoppata dal risultato boomerang del voto dell'8 giugno, dalla malcerta alleanza con la destra unionista nordirlandese, dalle risorgenti divisioni - nel Paese e tra i conservatori stessi - sulla natura della Brexit, ma soprattutto dall'immagine fallimentare riflessa nelle fiamme del disastroso incendio della Grenfell Tower, con gli almeno 79 'morti presunti'. Una catastrofe su cui, accusa il sindaco di Londra, Sadiq Khan, incombono come un macigno proprio "le negligenze" dell'esecutivo, a dispetto delle 5.500 sterline promesse ora a ciascuna famiglia coinvolta. E che, lungi dal poter essere archiviata come una fatalità, "si sarebbe potuta prevenire".

Insomma un congiuntura nera, a cercare di scaricare la colpa sugli astri, per la donna che avrebbe voluto affrontare la partita della Brexit con l'Europa con piglio ferreo. E che invece manderà il suo ministro David Davis a fare la prima mossa col negoziatore francese Michel Barnier senza aver messo in cassaforte neppure il voto di fiducia: atteso mercoledì dopo il Queen's Speech, il discorso in cui Elisabetta II leggerà il programma di governo aprendo la nuova sessione parlamentare.

Secondo la stampa dell'isola, è ormai lo stesso Partito Conservatore a essere in subbuglio. I passi falsi di lady Theresa - su cui pesa il paragone impietoso tracciato da Adam Bolton sul Times con la regina "nostra consolatrice in capo", assai più attenta di lei alle sensibilità popolare dopo la 'lezione' dei giorni della morte della principessa Diana - sono stati troppi. E nel gruppo parlamentare sembra non si escluda più addirittura l'ipotesi d'una sfiducia immediata, se nel giro di dieci giorni o giù di lì il primo ministro "non riprenderà l'iniziativa", come ammette anche il Telegraph, giornale amico.

Il progressista Guardian, da parte sua, riferisce ormai di "scontri accesi" nel medesimo consiglio dei ministri. Ma sono soprattutto i deputati ad agitarsi. Con lo zoccolo duro dei 'brexiteers' che pretende rinnovate garanzie su un'uscita dall'Ue senza compromessi, evocando altrimenti un passaggio di mano della leadership: col solito Boris Johnson in pole.

Sul fronte opposto, provano d'altronde a riemergere le 'colombe': in primis il cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, il quale in un'intervista ad Andrew Marr sulla Bbc difende il governo dalle accuse di aver rinviato nei mesi scorsi l'attuazione di nuove norme di sicurezza anti-incendio in edifici come la Grenfell Tower. Ma al contempo si smarca sulla Brexit (che i 'falchi' insistono a voler portare avanti a spron battuto, come dimostra l'annuncio della cancellazione del prossimo Queen's Speech del 2018, quasi a evitare 'intralci' dal Parlamento), chiedendo semmai maggiore attenzione ai temi dell'economia e alle proteste della gente comune "stanca di tagli di spesa".

Un sondaggio Survation certifica che fra i britannici cresce del resto la voglia di un divorzio "soft" dall'Europa e persino un capovolgimento sull'ipotesi, auspicata adesso da ben un 54%, d'un referendum bis fra due anni sull'accordo finale. Segnali a cui strizzano l'occhio i laburisti di Jeremy Corbyn. All'attacco su Grenfell Tower, dopo che la piazza ha preso di mira direttamente May, come pure sulla Brexit.

Il governo Tory, "indebolito e diviso", non ha più l'autorità di negoziarla, taglia corto oggi Corbyn sul Mirror, offrendo in alternativa una ricetta targata Labour che mirerebbe a salvare per quanto possibile "i benefici del mercato unico e dell'unione doganale". Pur nel quadro di "un'immigrazione regolata" e di "una libertà di movimento destinata a finire".

(Red/Ats)

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Mondo

Asta da record per la "musa d'oro" di Picasso

Il quadro "Femme au béret età la robe quadrillée", ispirato a Marie-Thérèse Walter, è stato battuto a Sothebys's per …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg