Home > Mondo

Catalani a Bruxelles per Puigdemont

07.12.2017 - aggiornato: 07.12.2017 - 21:32

Quasi 50 mila indipendentisti hanno invaso pacificamente la capitale europea per abbracciare il loro presidente auto-esiliatosi in Belgio.

© AP Photo/Virginia Mayo

Sotto il cielo grigio di Bruxelles, un fiume in piena di bandiere gialle, rosse e blu, di palloncini e sciarpe gialle: quasi 50 mila indipendentisti catalani hanno invaso pacificamente la capitale europea per abbracciare il loro 'president', il deposto Carles Puigdemont auto-esiliatosi in Belgio, e per fare sentire il proprio grido di 'llibertat' a un'Ue "che non dà risposte".

Il tam tam iniziato nei giorni scorsi ha dunque funzionato, anche grazie all'organizzazione portata avanti da associazioni come l'Anc, nazionalisti catalani: 250 i pullman noleggiati per portare la gente, cinque i voli charter, senza contare chi ha passato la notte in macchina o nel camper. Decine quelli parcheggiati intorno al punto di raccolta della manifestazione. Tra benzina, autostrada e albergo, c'è chi ha speso 600 euro pur di fare i 1.400 chilometri che separano Barcellona da Bruxelles.

Una marea umana la folla che si è riunita a metà mattina nel parco del Cinquantenario, a due passi dai palazzi delle istituzioni europee. Un'unica voce quando, fendendo la folla, è arrivato Puigdemont, acclamato al grido di 'president, president'. Il corteo si è snodato per quasi quattro ore nelle strade del quartiere europeo. Con una lunga pausa davanti al Palazzo Berlaymont, sede della Commissione Ue. I manifestanti, sotto le finestre del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, hanno cantato a squarciagola l'inno catalano 'Els segadors'. Migliaia le bandiere catalane fatte sventolare o indossate come un mantello, messe addosso persino a qualche cagnolino.

"La nostra vocazione è europeista - spiega Joan Grau, un manifestante arrivato da Fonollosa, vicino a Barcellona - ma l'atteggiamento della Commissione europea ci ha deluso. Dopo il referendum ci aspettavamo una risposta che non è arrivata". Accanto alle bandiere catalane, ovviamente la maggior parte, ha sventolato anche qualche stendardo fiammingo e qualche bandiera corsa. Persino i Quattro mori della Sardegna sono arrivati a Bruxelles, portati da un drappello del movimento separatista Sardigna Natzione Indipendentzia.

Alla fine del corteo, i 50.000 sono confluiti in una piazza dove Puigdemont è stato nuovamente acclamato. "L'Ue ascolti i cittadini - ha arringato dal palco il leader deposto -. L'Europa non dovrebbe avere paura di difendere i valori democratici fondamentali. La Catalogna vuole rimanere un Paese democratico".

(Ats)

 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg