Home > Mondo

Chiude la Conferenza di Bonn sul clima

18.11.2017 - aggiornato: 18.11.2017 - 15:56

L'incontro di Bonn, a cui hanno partecipato una ventina di Paesi, ha permesso di definire le procedure per rivedere gli impegni per il taglio delle emissioni di gas serra.

© EPA/RONALD WITTEK

La Conferenza Onu sul clima di Bonn (Cop23) si è conclusa nelle prime ore di stamani, dopo una maratona notturna di negoziati sui dettagli tecnici dell'applicazione dell'Accordo di Parigi del 2015. Non ci sono risultati eclatanti, solo la definizione delle procedure per arrivare alla revisione degli impegni degli Stati per il taglio delle emissioni di gas serra.

Questi impegni, presi a Parigi due anni fa, sono insufficienti per raggiungere l'obiettivo dell'Accordo stesso (mantenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi dai livelli pre-industriali, possibilmente entro 1,5 gradi) e devono essere aggiornati. Questa revisione sarà l'obiettivo della prossima Conferenza Onu sul clima, la Cop24 di Katowice, in Polonia, nel novembre 2018. L'aggiornamento dei target nazionali di decarbonizzazione dovrà permettere all'Accordo di Parigi, quando entrerà in vigore nel 2020, di raggiungere almeno il suo obiettivo minimo.

Il premier delle Fiji, Frank Bainimarama, che ha presieduto la conferenza, ha chiuso i lavori alle sette del mattino. Bainimarama ha lodato i delegati per aver messo a punto le regole per l'applicazione dell'accordo di Parigi e aver definito un percorso per i paesi per aumentare i loro obiettivi per la riduzione delle emissioni di gas serra nei prossimi anni.

Il presidente della Conferenza nel documento finale ha istituto un tavolo di discussione detto "dialogo Talanoa" (da un termine della lingua delle Fiji che indica dialogare e decidere insieme), che partirà nel gennaio del 2018 per definire gli aggiornamenti dei target nazionali in vista della Cop24. A Bonn sono state indicate soprattutto quali azioni sulle emissioni vanno monitorate, in vista della valutazione dei risultati e della revisione. Rimane aperta la spinosa questione del Green Climate Fund, il fondo per aiutare i paesi più poveri a combattere il riscaldamento globale: la sua istituzione rimane ancora indefinita.

La Conferenza di Bonn ha visto una ventina di Paesi stringere un'alleanza per cessare la produzione di energia dal carbone. La cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron sono stati gli ospiti più importanti della Cop23.  Entrambi hanno ribadito il loro impegno alla decarbonizzazione. Merkel, ancora impegnata nella formazione del suo governo, non ha potuto indicare misure precise ed è stata per questo criticata dagli ambientalisti.

Gli Stati Uniti a Bonn hanno mostrato i loro due volti. Da un lato il governo di Washington ha detto di essere ancora disponibile a restare nell'Accordo di Parigi con una revisione degli impegni. I rappresentanti dell'amministrazione Trump hanno avuto toni concilianti e moderati, ma hanno giocato sostanzialmente un ruolo marginale. Ben altro ruolo hanno avuto stati e città americane, che hanno ribadito i loro impegni per il clima nonostante Trump, capitanati dal governatore della California, il democratico Jerry Brown.

La prossima Conferenza sul clima, la Cop24, si terrà nell'autunno del 2018 a Katowice, nel cuore della regione carbonifera della Polonia, la Slesia. La Polonia dipende pesantemente dal carbone per la sua produzione energetica e in sede di Unione europea ha spesso frenato sui provvedimenti sul clima. Due summit internazionali sul cambiamento climatico precederanno la Cop24, uno a Parigi a dicembre e uno in California l'anno prossimo.

(Ats)

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

È morto Johnny Hallyday

Il più popolare musicista di Francia combatteva da tempo contro un tumore ai polmoni. Nonostante la malattia mantenne l'impegno di cantare in tournée l' …

Mondo

Germania: si torna al passato?

Il presidente Steinmeier convoca i capi dei partiti giovedì prossimo e spinge perché torni la Grosse Koalition tra CDU e SPD.

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg