Home > Mondo

"Cosi rompono la democrazia"

21.10.2017 - aggiornato: 21.10.2017 - 21:08

Quasi mezzo milione di persone si sono riversate nelle strade di Barcellona per denunciare il commissariamento delle istituzioni catalane. Puigdemont: "Peggior attacco".

© AP Photo/Emilio Morenatti

La Catalogna non si piega al "colpo di Stato" di Madrid: quasi mezzo milione di persone si sono di nuovo riversate in piazza nel cuore di Barcellona per denunciare il duro commissariamento delle istituzioni catalane annunciato oggi da Madrid e chiedere la liberazione dei due Jordi, i "detenuti politici" Jordi Sanchez e Jordi Cuixart. Una marea umana che si è snodata fra Gran Via e Passeig de Gracia, ormai con Plaça Catalunya i luoghi altamente simbolici della rivoluzione catalana, in un oceano di bandiere stellate della "Repubblica" e di cartelli verdi che chiedevano "Llibertat" per i due Jordi.

La Catalogna ribelle aveva risposto con una sonora "cacerolada" spontanea di protesta, dai Pirenei alla Costa Brava, all'annuncio in televisione del duro giro di vite contro Barcellona del premier spagnolo Mariano Rajoy.

"Il peggior attacco" alle istituzioni

Il presidente Carles Puigdemont, che in un primo tempo non aveva previsto di partecipare per neutralità istituzionale, dopo il blitz del governo di Madrid si è mescolato alla folla e ha guidato il corteo. Il suo arrivo è stato accolto da applausi e grida di incoraggiamento.

Il presidente catalano Carles Puigdemont ha accusato il premier spagnolo Mariano Rajoy di avere portato contro le istituzioni catalane "il peggiore attacco" da quando il dittatore Francisco Franco le abolì dopo la guerra civile del 1936-39. Il presidente catalano ha quindi denunciato un tentativo da parte di Madrid di "liquidare l'autogoverno" della Catalogna. Puigdemont ha invitato i cittadini a "difendere" le loro istituzioni.

Puigdemont, ormai molto popolare in Catalogna, è sempre più vicino ad una incriminazione per ribellione da parte della procura dello Stato spagnolo, che potrebbe ordinare il suo arresto. Fra la folla tanta collera e anche molta preoccupazione per la piega presa dagli avvenimenti. "Ci trattano come una colonia", protesta Cristina. "Cosi rompono la democrazia", aggiunge Josep, un emigrato negli Usa.

Folla di politici nel corteo

Accanto a Puigdemont il vicepresidente Oriol Junqueras, praticamente tutto il Govern, la presidente del Parlament Carme Forcadell, l'ex President Artur Mas. Tutti indagati dai tribunali spagnoli. Tutti hanno espressioni gravi. Puigdemont ha il volto chiuso.

Come il sindaco di Barcellona Ada Colau, che ha tentato invano di portare avanti una opzione di mediazione fra Rajoy e Puigdemont. "È una giornata di involuzione democratica. La peggiore da 40 anni. Da Rajoy è venuta una risposta autoritaria, è un attacco ai diritti fondamentali e alla base stessa della democrazia" accusa.
La folla grida "Llibertat! Llibertat" e canta l'inno catalano Els Segadors. Tutti ormai lo sanno a memoria. "Lo Stato vuole uccidere il nostro sistema di governo centenario. Ma non riuscirà. Noi lo impediremo!", tuona dal palco il portavoce dell'Assemblea nazionale catalana (Anc) di Jordi Sanchez, da lunedì in prigione per sedizione con Jordi Cuixart per le manifestazioni pacifiche del 20 settembre.

La marea umana canta "No Tenc Por", "Non Ho Paura", il motto forgiato in reazione agli attentati jihadisti di agosto e ora rivolto al potere centrale di Madrid.
Nella folla ci sono anche politici non indipendentisti, molti vicini a Podemos (partito di area socialista antiausterità), sotto shock per le misure decise da Rajoy. "È un attacco contro la democrazia", dice il numero due del partito Pablo Echenique.

Nel corteo c'è il deputato della Cup, sinistra del fronte indipendentista, Carles Riera. "L'unica risposta possibile ora è la proclamazione immediata della repubblica". Sarà forse mercoledì in parlamento. Prima che scatti l'articolo 155 della Costituzione spagnola che taglia, tra l'altro, i poteri dei deputati catalani.

(Ats)

 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Mondo

Addio al padre della nouvelle cuisine

È morto a 88 anni Christian Millau, fondatore in Francia delle guide ai ristoranti Gault & Millau.

Mondo

È morta Jeanne Moreau

Icona della Nouvelle Vague, l'attrice francese è stata ritrovata questa mattina senza vita nella sua casa di Parigi. Aveva 89 anni.

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg