Home > Mondo

Francia, Macron vince e piglia tutto

18.06.2017 - aggiornato: 19.06.2017 - 08:39

Alle legislative il partito del presidente conquista la maggioranza assoluta con un margine ampio, fra 395 e 425 seggi su 577.

Emmanuel Macron fa l'en plein: conquistato l'Eliseo porta a casa anche l'Assemblée Nationale, con una maggioranza di seggi che potrebbe oscillare tra 350 e 400. Dopo la valanga di una settimana fa, però, i francesi gli impongono una correzione e lasciano in vita gli altri partiti. Battuti e divisi, i Republicains restano in piedi con oltre 100 deputati. Numeri mai visti prima per l'astensione, ormai al 56%.

I socialisti sono decimati ma non scompaiono come si temeva. Nel nuovo emiciclo ce ne saranno una cinquantina, ma il segretario Jean-Christophe Cambadelis non ha atteso neppure le prime proiezioni per dimettersi. Marine Le Pen - nonostante il Front National non conquisti neppure i 15 deputati necessari per formare un gruppo parlamentare - riesce laddove per due volte aveva fallito, ed entra in Parlamento insieme con il compagno, Louis Aliot. Resta fuori il suo avversario interno, il vicepresidente Florian Philippot. 

L'impresa di formare un gruppo riesce invece ai radicali di gauche di Jean-Luc Melenchon, che avranno una trentina di rappresentanti. Invertita - a basse quote - la tendenza delle presidenziali, con i socialisti a circa 50 seggi, decisamente avanti alla France Insoumise. "I francesi sono entrati oggi in uno sciopero generale civico" ha commentato Melenchon, parlando di maggioranza "senza legittimità" e arrivando ad auspicare un "referendum per sapere se i francesi vogliono essere governati da questa minoranza". In realtà, gli analisti di questa settimana fra i due turni avevano auspicato una reazione dei partiti tradizionali, così da garantire alla maggioranza di governo un'opposizione credibile e non ridotta a poche decine di deputati. 

Anche dai ranghi di En Marche! si era auspicata una vittoria ampia (la maggioranza assoluta scatta a 286) ma non schiacciante, così da evitare al neonato movimento - che presenta un esercito di debuttanti in Assemblée Nationale - di avere fra i propri seggi troppi politici completamente privi di esperienza. Lo scoramento di chi ha assaporato la netta sconfitta domenica scorsa, la sufficienza di una parte di chi pensava di aver già stravinto, hanno contribuito - insieme con il distacco dalla politica e la giornata di sole con le spiagge affollate - a confermare l'esercito degli astensionisti come il primo partito di Francia.

Come ha subito sottolineato - in pieno stile Macron - il portavoce del governo e ministro dei rapporti con il Parlamento, Christophe Castaner, "oggi non è una vera vittoria. La vera vittoria sarà tra 5 anni, quando le cose saranno davvero cambiate per la Francia". Il primo ministro, Edouard Philippe, ha osservato che "i francesi hanno preferito la speranza alla rabbia".

A destra, i Républicains hanno tenuto e non è un risultato da sottovalutare, visto che il partito era distrutto nell'immagine dalla vicenda del candidato all'Eliseo Francois Fillon e al suo interno dalle "incursioni" di Macron, che ha portato alla guida del governo proprio Philippe e a due ministeri chiave altri importanti dirigenti della destra, Bruno Le Maire e Gerard Darmanin. Il risultato di stasera è il peggiore nella storia neogollista ma il leader temporaneo - in attesa di congresso - Francois Baroin, ha proclamato che i Republicains sono "la prima opposizione".

Battagliero e fiero di poter annunciare la formazione di un gruppo parlamentare "France Insoumise", Melenchon si è autoproclamato "opposizione sociale in Parlamento". Toni addirittura trionfalistici per Marine Le Pen, che personalmente ottiene una vittoria ma che non va oltre i 6-7 deputati, neppure la metà di quello che aveva annunciato come obiettivo, la formazione di un gruppo parlamentare.

 

(Ats)

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Mondo

Asta da record per la "musa d'oro" di Picasso

Il quadro "Femme au béret età la robe quadrillée", ispirato a Marie-Thérèse Walter, è stato battuto a Sothebys's per …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg