Home > Mondo

Francia, Macron vince e piglia tutto

18.06.2017 - aggiornato: 19.06.2017 - 08:39

Alle legislative il partito del presidente conquista la maggioranza assoluta con un margine ampio, fra 395 e 425 seggi su 577.

Emmanuel Macron fa l'en plein: conquistato l'Eliseo porta a casa anche l'Assemblée Nationale, con una maggioranza di seggi che potrebbe oscillare tra 350 e 400. Dopo la valanga di una settimana fa, però, i francesi gli impongono una correzione e lasciano in vita gli altri partiti. Battuti e divisi, i Republicains restano in piedi con oltre 100 deputati. Numeri mai visti prima per l'astensione, ormai al 56%.

I socialisti sono decimati ma non scompaiono come si temeva. Nel nuovo emiciclo ce ne saranno una cinquantina, ma il segretario Jean-Christophe Cambadelis non ha atteso neppure le prime proiezioni per dimettersi. Marine Le Pen - nonostante il Front National non conquisti neppure i 15 deputati necessari per formare un gruppo parlamentare - riesce laddove per due volte aveva fallito, ed entra in Parlamento insieme con il compagno, Louis Aliot. Resta fuori il suo avversario interno, il vicepresidente Florian Philippot. 

L'impresa di formare un gruppo riesce invece ai radicali di gauche di Jean-Luc Melenchon, che avranno una trentina di rappresentanti. Invertita - a basse quote - la tendenza delle presidenziali, con i socialisti a circa 50 seggi, decisamente avanti alla France Insoumise. "I francesi sono entrati oggi in uno sciopero generale civico" ha commentato Melenchon, parlando di maggioranza "senza legittimità" e arrivando ad auspicare un "referendum per sapere se i francesi vogliono essere governati da questa minoranza". In realtà, gli analisti di questa settimana fra i due turni avevano auspicato una reazione dei partiti tradizionali, così da garantire alla maggioranza di governo un'opposizione credibile e non ridotta a poche decine di deputati. 

Anche dai ranghi di En Marche! si era auspicata una vittoria ampia (la maggioranza assoluta scatta a 286) ma non schiacciante, così da evitare al neonato movimento - che presenta un esercito di debuttanti in Assemblée Nationale - di avere fra i propri seggi troppi politici completamente privi di esperienza. Lo scoramento di chi ha assaporato la netta sconfitta domenica scorsa, la sufficienza di una parte di chi pensava di aver già stravinto, hanno contribuito - insieme con il distacco dalla politica e la giornata di sole con le spiagge affollate - a confermare l'esercito degli astensionisti come il primo partito di Francia.

Come ha subito sottolineato - in pieno stile Macron - il portavoce del governo e ministro dei rapporti con il Parlamento, Christophe Castaner, "oggi non è una vera vittoria. La vera vittoria sarà tra 5 anni, quando le cose saranno davvero cambiate per la Francia". Il primo ministro, Edouard Philippe, ha osservato che "i francesi hanno preferito la speranza alla rabbia".

A destra, i Républicains hanno tenuto e non è un risultato da sottovalutare, visto che il partito era distrutto nell'immagine dalla vicenda del candidato all'Eliseo Francois Fillon e al suo interno dalle "incursioni" di Macron, che ha portato alla guida del governo proprio Philippe e a due ministeri chiave altri importanti dirigenti della destra, Bruno Le Maire e Gerard Darmanin. Il risultato di stasera è il peggiore nella storia neogollista ma il leader temporaneo - in attesa di congresso - Francois Baroin, ha proclamato che i Republicains sono "la prima opposizione".

Battagliero e fiero di poter annunciare la formazione di un gruppo parlamentare "France Insoumise", Melenchon si è autoproclamato "opposizione sociale in Parlamento". Toni addirittura trionfalistici per Marine Le Pen, che personalmente ottiene una vittoria ma che non va oltre i 6-7 deputati, neppure la metà di quello che aveva annunciato come obiettivo, la formazione di un gruppo parlamentare.

 

(Ats)

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

Autostrade italiane: sciopero dei casellanti

Da lunedì sera alle 22.00 fino a martedì alle 22.00, possibili disagi.

Mondo

È morto Cino Tortorella

L'ex mago Zurlì, che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro, a giugno avrebbe compiuto 90 anni. 

Mondo

Gli scozzesi legati al Regno Unito

Brutto colpo per la Sturgeon e il suo referendum. Il 57% degli scozzesi non vorrebbe infatti l'indipendenza e intanto cresce anche il loro '"euroscetticismo …

Mondo

Il Cairo, rinvenute due statue egizie

La prima raffigura il Faraone Ramses. La seconda Seti II. Entrambi i manufatti sono stati ritrovati in un quartiere popolare della capitale egiziana. 

Mondo

Orrore allo zoo di Parigi

Un rinoceronte è stato ucciso e il suo corno tagliato con una motosega nella notte nello zoo di Thoiry. È la prima volta che capita una cosa del genere in una …

Mondo

Cooperazione tra Salvini e Putin

La Lega Nord italiana e il partito del presidente russo, Russia Unita, hanno siglato a Mosca un accordo di collaborazione a vari livelli.

Mondo

Estratto il diamante più grande d'Europa

È di 181,68 carati ed è stato trovato in una miniera di Arkhanghelsk, in Russia nord-occidentale.

Mondo

Francesco Gabbani trionfa a Sanremo

La sua "Occidentali's Karma" si impone sul palco dell'Ariston. Seconda la favorita Fiorella Mannoia con "Che sia Benedetta", terzo classificato …

Mondo

Il carnevale di Rio sarà "censurato"

Gli organizzatori hanno deciso di bandire battutacce e frasi a doppio senso per evitare che qualcuno si senta offeso o, peggio, discriminato.

Mondo

Inaugurato il volo più lungo al mondo

A partire da oggi, lunedì, la Qatar Airways offre il collegamneto da Doha a Auckland, per una distanza di oltre 14.500 chilometri, in più di 16 ore. 

Mondo

Danimarca verso un ambasciatore digitale

Per il Paese scandinavo serve una figura istituzionale per dialogare al meglio con aziende come Apple, Google o Microsoft, più ricche di molte Nazioni.

Mondo

"Per favore puoi salvare i bambini della Siria?"

La commovente lettera aperta di Bana Alabed, la bambina siriana di 7 anni nota in tutto il mondo per i suoi tweet da Aleppo, al neo-presidente americano Trump.

Mondo

Un centro per le tartarughe marine del Mediterraneo

Aprirà domani ed è il più grande del Mediterraneo. Si trova a Portici in provincia di Napoli e potrà ospitare fino a 100 tartarughe all'anno. …

Mondo

Si è spento Roman Herzog

L'ex presidente della Germania dal 1994 al 1999 è morto a Berlino all'età di 82 anni.