Home > Mondo

"Iran, la sfida è cambiare il sistema"

03.01.2018 - aggiornato: 03.01.2018 - 17:20

Non si fermano le proteste contro il regime. Migliaia di giovani frustrati e senza lavoro sono stufi di vedere economia e politica in mano agli ayatollah. Parla l’analista Alberto Negri.

© EPA/STR

di Leone Grotti

 

Aspettative troppo alte, delusioni troppo grandi e un sistema economico-politico marcio fino al midollo. Sono le ragioni che hanno spinto migliaia di giovani a scendere in piazza in Iran, soprattutto nelle città della provincia profonda, per protestare arrivando perfino a chiedere la testa della Guida Suprema Ali Khamenei. Gli scontri vanno avanti dal 28 dicembre e hanno già portato alla morte di almeno 23 persone. Alcuni dei 450 arrestati rischierebbero inoltre la pena di morte.

Il bilancio si aggrava ogni giorno, mano a mano che la linea morbida scelta dal presidente Hassan Rohani per contenere i manifestanti lascia il posto al «pugno di ferro» di uno degli apparati repressivi meglio oliato dell’intero Medio Oriente: quello dei Pasdaran e dei Basiji fedeli agli ayatollah. «È la terza volta che vedo la piazza chiedere la testa di Khamenei», dichiara al Giornale del Popolo Alberto Negri, analista del quotidiano italiano Sole 24 Ore. «Il regime l’ha sempre avuta vinta, senza pagare un prezzo troppo alto. Vediamo che cosa succederà questa volta, ma di sicuro la protesta presenta più differenze che analogie con l’Onda Verde».

Nel 2009 in milioni protestarono contro la rielezione del presidente conservatore Mahmoud Ahmadinejad. Perché i giovani sono scesi in piazza questa volta?

Per motivi economici. I dati sono sotto gli occhi di tutti: il 50 per cento della popolazione ha meno di 30 anni, circa il 40 per cento dei giovani non ha un’occupazione o è precario e ogni anno si presentano sul mercato del lavoro un milione di nuovi giovani. Quindici milioni di famiglie hanno redditi inferiori o di poco superiori ai mille euro al mese, che sono pochi anche in Iran, e tantissimi giovani di conseguenza non riescono a sposarsi. Una tragedia.

Da anni l’economia iraniana arranca. Perché le proteste sono scoppiate ora?

Da due anni, cioè da quando è stato firmato l’accordo sul nucleare del 2015, la gente aspetta ricadute positive sull’economia. Il presidente Rohani aveva promesso che con la rottura dell’isolamento internazionale dell’Iran sarebbero ricominciati gli investimenti e sarebbero stati creati milioni di posti di lavoro. Questi obiettivi sono stati disattesi e l’aspettativa dei millennials si è trasformata in frustrazione, che ora è esplosa. Ma al contrario del 2009 è soprattutto la provincia, dove il controllo del regime è meno capillare, ad essersi rivoltata, più che la capitale.

Le ragioni saranno anche economiche, ma gli slogan urlati dai giovani sono molto politici.

Non potrebbe essere altrimenti perché ogni volta che viene manifestato il dissenso in Iran si rivelano le vulnerabilità del sistema della Repubblica islamica. I problemi di fondo sono sempre gli stessi.

Quali?

Il primo è che la politica è dominata dalla classe dei religiosi, dal clero sciita e dai gruppi militari e paramilitari che negli ultimi anni hanno assunto ancora più potere, dopo l’intervento in Iraq e Siria. Il regime dunque è ancora più impenetrabile rispetto a prima.

E il secondo?

Riformare il sistema è quasi impossibile perché l’economia è nelle mani degli ayatollah. 

La famosa “Ayatollah Economy”.

Questo non è uno slogan, è realtà. In Iran quando si paga il conto di un grande albergo, di un ristorante o soltanto di un Zam Zam, la versione locale della Coca Cola, ci sono buone probabilità che i soldi stiano finendo nelle casse delle Fondazioni, le Bonyad, le istituzioni che dopo il ’79 incamerarono i beni dello Shah e quelli delle grandi famiglie. Le Fondazioni sono esentasse e rispondono soltanto alla Guida Suprema, i loro libri contabili non li vede neppure la Banca centrale. Controllano il 60/70 per cento dell’economia, dalla produzione alla distribuzione, e sono dominate dal clero corrotto.

Già nel 1998 il presidente Khatami disse: «L’economia iraniana è malata».

Certo, ma riformare il sistema è quasi impossibile perché vorrebbe dire togliere il potere economico agli ayatollah. Anche Rohani ormai l’ha capito, ma il presidente è in un vicolo cieco.

Perché?

Ha teso la mano ai manifestanti ma sa che se non riuscirà a contenere le proteste i Pasdaran prenderanno ancora più piede restringendo i suoi spazi di manovra. Contenendole, però, darà più potere proprio a quegli apparati repressivi che non lo vedono di buon occhio e che presto gli presenteranno il conto.

È vero, come affermato da Khamenei, che le proteste sono fomentate dall’esterno dai nemici dell’Iran, che «hanno rafforzato l'alleanza per colpire le istituzioni islamiche»?

Le responsabilità americane ci sono. Non hanno tolto le sanzioni bancarie al Paese e così dispongono sempre di una morsa da stringere al collo dell’Iran. Infatti, anche se gli investimenti stranieri sono aumentati del 150% negli ultimi anni,  nessuna grande banca europea si impegna nei programmi di sviluppo iraniani, temendo le ritorsioni finanziarie americane. Così l’economia non decolla e scoppiano le proteste, ma finora gli ultraconservatori le hanno sempre sfruttate a proprio vantaggio.

Mondo

Morta la cantante dei "The Cranberries"

La 46enne Dolores O'Riordan è scomparsa "improvvisamente" a Londra, ha fatto sapere il suo agente, senza tuttavia indicare le cause del decesso.

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

È morto Johnny Hallyday

Il più popolare musicista di Francia combatteva da tempo contro un tumore ai polmoni. Nonostante la malattia mantenne l'impegno di cantare in tournée l' …

Mondo

Germania: si torna al passato?

Il presidente Steinmeier convoca i capi dei partiti giovedì prossimo e spinge perché torni la Grosse Koalition tra CDU e SPD.

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg