Home > Mondo

La Cuba di oggi: capolavoro vaticano

22.03.2016 - aggiornato: 23.03.2016 - 12:17

Ieri lo storico incontro tra Raúl Castro e Barack Obama: merito della diplomazia dei Papi. Sbarcando sull’isola, il presidente USA ha incontrato per primo il card. Ortega, artefice del disgelo. 

(Ap photo)

di Paolo Manzo

 

 

Per fare la storia bisogna aver il coraggio di «costruire ponti ed abbattere muri». Il binomio virgolettato è uno dei preferiti del pontificato di papa Francesco e, non è un caso, se l’unico presidente statunitense a compiere una visita ufficiale ad hoc in quel di Cuba - Barack Obama e non il repubblicano Calvin Coolidge che nel lontano 1928 venne qui solo per partecipare ad un vertice multilaterale – nel suo primo atto pubblico, domenica sera, è entrato nella Cattedrale dell’Avana per incontrare il cardinale Jaime Ortega, arcivescovo della capitale.

Subito dopo l’inquilino della Casa Bianca, insieme alla moglie Michelle ed alle sue due figlie Sasha e Malia, ha visitato il centro culturale dedicato a padre Félix Varela, il prelato che per primo esportò a Cuba il pensiero moderno – nel secondo decennio dell’800 - e per questo fu costretto dalla Spagna colonialista all’esilio, proprio negli Stati Uniti di Obama. Accompagnato dallo stesso Ortega e, nel ruolo di cicerone, da padre Yosvany Carvajal, direttore del centro. 

 

A parte Palabra Nueva, la rivista dell’arcidiocesi dell’Avana, pochi media hanno sottolineato come Obama il “musulmano” – così lo definiscono alcuni suoi detrattori – abbia scelto d’incontrare, ben prima di Raúl Castro, proprio il massimo esponente sull’isola della Chiesa cattolica. Il motivo è semplice: se tra Cuba e Stati Uniti oggi si sta riscrivendo la storia, il principale merito è proprio della diplomazia vaticana. Lo sa Raúl, che per non mettere in ombra i meriti della Santa Sede domenica pomeriggio non è andato ad accogliere all’aeroporto l’illustre ospite, ma lo sa bene anche Obama che, per questo, non si è affatto “offeso” d’essere stato ricevuto “appena” dal ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez. Quanto detto da Donald Trump e ripreso da certa stampa come uno smacco per il presidente degli Stati Uniti, insomma, altro non è che un’interpretazione miope di una visita ufficiale destinata a rimanere nella storia. 

 

Per capire dove sta andando la Cuba di oggi, infatti, è imprescindibile guardare al Vaticano piuttosto che - come molti erano portati a credere sino a qualche anno fa - agli Stati Uniti o, peggio, al Venezuela, sostituitosi all’ex URSS  nella parte di finanziatore del castrismo ma, oggi, alle prese con una gravissima crisi economica ed istituzionale. Già ad inizio 2008, quando Fidel lasciò il potere nelle mani del fratello Raúl - anche quello uno “storico annuncio” – lo fece poche ore prima che sull’isola arrivasse in visita a L’Avana l’allora Segretario di Stato, Tarcisio Bertone. A Washington c’era ancora Bush jr e le distanze con l’Avana erano abissali, nonostante gli appena 166 Km che separano Key West da Varadero. 

Il segnale più importante della centralità vaticana nell’odierno “appeasement” tra Stati Uniti e Cuba, tuttavia, sarebbe arrivato due anni dopo, nell’aprile del 2010, con Obama da oltre un anno alla Casa Bianca, quando lo stesso Ortega - interlocutore decisivo perché ieri risuonasse l’inno degli Stati Uniti nel Palacio de la Revolución –concesse un’intervista a Palabra Nueva per “sbertucciare” pubblicamente sia Raúl che Obama per le mancate riforme e i cambiamenti promessi da entrambi all’inizio dei loro rispettivi mandati. «Barack aveva assicurato che avrebbe cambiato lo stile della gestione dei rapporti con Cuba ma il presidente statunitense ha ripetuto il vecchio schema dei Governi precedenti. Raúl aveva assicurato riforme economiche che però oggi a dir poco languono. Il rischio è che l’isola imploda, con un prezzo alto da pagare in vite umane» tuonò Ortega. 

 

 

Continua a leggere sul GdP di oggi

 

Articoli correlati:

"Oggi è un nuovo giorno"

Storica stretta di mano tra Obama e Castro

Obama mette piede a Cuba

 

 

 

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Pulizie al Muro del Pianto

Fervono i preparativi per la Pasqua ebraica e come da tradizione a Gerusalemme i guardiani sono impegnati nella raccolta dei bigliettini votivi infilati tra le pietre.

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Mondo

Asta da record per la "musa d'oro" di Picasso

Il quadro "Femme au béret età la robe quadrillée", ispirato a Marie-Thérèse Walter, è stato battuto a Sothebys's per …

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg