Home > Mondo

La Cuba di oggi: capolavoro vaticano

22.03.2016 - aggiornato: 23.03.2016 - 12:17

Ieri lo storico incontro tra Raúl Castro e Barack Obama: merito della diplomazia dei Papi. Sbarcando sull’isola, il presidente USA ha incontrato per primo il card. Ortega, artefice del disgelo. 

(Ap photo)

di Paolo Manzo

 

 

Per fare la storia bisogna aver il coraggio di «costruire ponti ed abbattere muri». Il binomio virgolettato è uno dei preferiti del pontificato di papa Francesco e, non è un caso, se l’unico presidente statunitense a compiere una visita ufficiale ad hoc in quel di Cuba - Barack Obama e non il repubblicano Calvin Coolidge che nel lontano 1928 venne qui solo per partecipare ad un vertice multilaterale – nel suo primo atto pubblico, domenica sera, è entrato nella Cattedrale dell’Avana per incontrare il cardinale Jaime Ortega, arcivescovo della capitale.

Subito dopo l’inquilino della Casa Bianca, insieme alla moglie Michelle ed alle sue due figlie Sasha e Malia, ha visitato il centro culturale dedicato a padre Félix Varela, il prelato che per primo esportò a Cuba il pensiero moderno – nel secondo decennio dell’800 - e per questo fu costretto dalla Spagna colonialista all’esilio, proprio negli Stati Uniti di Obama. Accompagnato dallo stesso Ortega e, nel ruolo di cicerone, da padre Yosvany Carvajal, direttore del centro. 

 

A parte Palabra Nueva, la rivista dell’arcidiocesi dell’Avana, pochi media hanno sottolineato come Obama il “musulmano” – così lo definiscono alcuni suoi detrattori – abbia scelto d’incontrare, ben prima di Raúl Castro, proprio il massimo esponente sull’isola della Chiesa cattolica. Il motivo è semplice: se tra Cuba e Stati Uniti oggi si sta riscrivendo la storia, il principale merito è proprio della diplomazia vaticana. Lo sa Raúl, che per non mettere in ombra i meriti della Santa Sede domenica pomeriggio non è andato ad accogliere all’aeroporto l’illustre ospite, ma lo sa bene anche Obama che, per questo, non si è affatto “offeso” d’essere stato ricevuto “appena” dal ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodríguez. Quanto detto da Donald Trump e ripreso da certa stampa come uno smacco per il presidente degli Stati Uniti, insomma, altro non è che un’interpretazione miope di una visita ufficiale destinata a rimanere nella storia. 

 

Per capire dove sta andando la Cuba di oggi, infatti, è imprescindibile guardare al Vaticano piuttosto che - come molti erano portati a credere sino a qualche anno fa - agli Stati Uniti o, peggio, al Venezuela, sostituitosi all’ex URSS  nella parte di finanziatore del castrismo ma, oggi, alle prese con una gravissima crisi economica ed istituzionale. Già ad inizio 2008, quando Fidel lasciò il potere nelle mani del fratello Raúl - anche quello uno “storico annuncio” – lo fece poche ore prima che sull’isola arrivasse in visita a L’Avana l’allora Segretario di Stato, Tarcisio Bertone. A Washington c’era ancora Bush jr e le distanze con l’Avana erano abissali, nonostante gli appena 166 Km che separano Key West da Varadero. 

Il segnale più importante della centralità vaticana nell’odierno “appeasement” tra Stati Uniti e Cuba, tuttavia, sarebbe arrivato due anni dopo, nell’aprile del 2010, con Obama da oltre un anno alla Casa Bianca, quando lo stesso Ortega - interlocutore decisivo perché ieri risuonasse l’inno degli Stati Uniti nel Palacio de la Revolución –concesse un’intervista a Palabra Nueva per “sbertucciare” pubblicamente sia Raúl che Obama per le mancate riforme e i cambiamenti promessi da entrambi all’inizio dei loro rispettivi mandati. «Barack aveva assicurato che avrebbe cambiato lo stile della gestione dei rapporti con Cuba ma il presidente statunitense ha ripetuto il vecchio schema dei Governi precedenti. Raúl aveva assicurato riforme economiche che però oggi a dir poco languono. Il rischio è che l’isola imploda, con un prezzo alto da pagare in vite umane» tuonò Ortega. 

 

 

Continua a leggere sul GdP di oggi

 

Articoli correlati:

"Oggi è un nuovo giorno"

Storica stretta di mano tra Obama e Castro

Obama mette piede a Cuba

 

 

 

Mondo - Gran Bretagna

"Dopo il Brexit sono ancora viva"

La Regina Elisabetta scherza sulla sua situazione, dopo lo storico voto britannico, durante un colloquio con il vice leader nordirlandese McGuinnes.

Mondo

Nasce il "dottor"... Google

Al nuovo servizio ha lavorato una squadra di medici. Basterà inserire i sintomi per ricevere una possibile diagnosi... naturalmente solo a titolo informativo. 

Mondo - Colpiti i cristiani

Attentato in Siria

Un kamikaze colpisce la chiesa di San Gabriele dove il Patriarca siriaco stava benedicendo il monumento commemorativo del genocidio armeno.

Mondo

Tre fratelli annegano in Germania

Tragedia, ieri sera, in uno stagno nella località di Neukirchen: tre fratelli, di età compresa tra i 5 e i 9 anni, sono annegati in cicostanze ancora da …

Mondo - Gaffe di Trump

Il Belgio? "Una città bellissima"

Ennesima gaffe del candidato repubblicano alla Casa Bianca, che ieri ad Atlanta ha dimostrato di avere scarsa conoscenza dell'Europa.

Mondo - Ladri sbadati

Rubano il bancomat e poi lo perdono in strada

È successo a Dulliken, nel Canton Soletta. Ignoti hanno trafugato un distributore di banconote, perdendolo in strada durante la fuga.

Mondo - Concilio panortodosso

La Chiesa russa non sarà a Creta

Decisione schock a pochi giorni dall’inizio di un evento che non accade da 12 secoli. La convocazione del Concilio fu decisa a gennaio.

Mondo - Milano

Crolla una palazzina, 3 morti

Un edificio è parzialmente crollato a causa una fuga di gas, in zona Navigli, a Milano. Tra le vittime si conta anche la madre di due bambine rimaste ferite.

Mondo - Gran Bretagna

Brexit: quanto costerebbe il divorzio?

Il 23 giugno una data cruciale per il futuro dell’UE e della Gran Bretagna. Il sì sarebbe il peggior scenario per il commercio svizzero. 

Mondo - Italia

Silvio Berlusconi ricoverato in ospedale

L'ex premier italiano avrebbe uno scompenso cardiaco dovuto allo stress e all'affaticamento. Il 79enne rimarrà nel …

Mondo - Belgio

Scontro tra treni, 3 morti e 40 feriti

L'incidente è avvenuto nella notte a Hermalle sous Huy tra un treno passeggeri e un treno merci. …

Mondo - Stati Uniti

Venerdì i funerali di Muhammad Alì

La leggenda del pugilato sarà sepolta a Louisville, sua città natale. L'ex presidente statunitense Bill Clinton …

Mondo - Italia

Oltre 600 multe in 5 anni

È quanto collezionato a Firenze dal proprietario di una macchina targata Svizzera che, negli anni scorsi si è visto notificare 617 infrazioni, per un totale di …

Mondo - Crisi ucraina

Putin cittadino onorario di Sebastopoli

"Senza di lui il destino della città sarebbe stato non meno tragico di quello del sud-est dell'Ucraina", ha affermato il presidente del Consiglio comunale …

Mondo - Tensioni

Polonia a rischio sanzioni UE

Varie questioni preoccupano la Commissione europea, che ha deciso di inviare al governo polacco di Beata Szydlo un parere scritto.

Mondo - Germania

Commenti razzisti su Boateng, è bufera

"Nessuno vuole avere il calciatore come vicino di casa", ha detto Alexander Gauland, numero 2 di Alternative für Deutschland (Afd), il partito di …

Accesso e-GdP

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

banner_speciale_alptransit.png

misericordia_2015.jpg

banner_libano.jpg

banner_sinodo_famiglia.jpg

banner_pinacoteca_zuest_primavera_2016.png 

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg