Home > Mondo

La Turchia prolunga lo stato d'emergenza

17.07.2017 - aggiornato: 17.07.2017 - 19:40

Esteso per altri tre mesi, dopo il fallito golpe di un anno fa. Sotto lo stato d'emergenza sono state arrestate oltre 50mila persone e ne sono state licenziate 110mila.

© EPA/TURKISH PRESIDENTIAL PRESS OFFICE

A meno di 24 ore dalla fine delle commemorazioni di massa per l'anniversario del fallito golpe, la Turchia prolunga ancora lo stato d'emergenza. L'estensione per altri 3 mesi delle misure straordinarie, in vigore già da un anno, ha ricevuto il via libera del Parlamento di Ankara con i voti dell'Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan e dei nazionalisti del Mhp.

Arriva così il quarto rinnovo trimestrale di un regime che, secondo le promesse del governo stesso, sarebbe dovuto durare solo poche settimane. Contro il provvedimento si è schierata l'opposizione, che aveva chiesto un ritorno alla normalità e ora si dice pronta a scendere di nuovo in piazza, dopo i 25 giorni della "marcia per la giustizia" e la grande manifestazione di una settimana fa a Istanbul contro le maxi-purghe.

Sotto lo stato d'emergenza, oltre 50 mila persone sono già state arrestate e 110 mila licenziate o sospese dalle pubbliche amministrazioni. Solo oggi è entrata ufficialmente in funzione la Commissione incaricata di esaminare i ricorsi contro le epurazioni, destinata a essere travolta da decine di migliaia di richieste. L'ultimo bollettino del ministero degli Interni parla di 1'366 persone finite in manette nell'ultima settimana con accuse di terrorismo, la maggior parte (895) proprio per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gülen. Un giro di vite senza fine che nei giorni scorsi aveva colpito anche 10 attivisti per i diritti umani, fermati durante un seminario sulla sicurezza informatica a Istanbul. Tra questi, la direttrice di Amnesty International nel Paese, Idil Eser, apparsa oggi davanti ai magistrati. Per Erdogan, quel meeting aveva "la natura di una continuazione" delle cospirazioni di un anno fa.

Nel bagno di folla del fine settimana per celebrare la resistenza al putsch, il presidente turco ha rispolverato i toni di fuoco di un anno fa, riaprendo la discussione sulla reintroduzione della pena di morte, abolita definitivamente nel 2004 proprio da un suo governo. Ma lo spirito di unità nazionale della scorsa estate, quando l'idea venne avanzata per la prima volta, è ormai un lontano ricordo. Dopo aver portato centinaia di migliaia di persone in piazza a Istanbul per chiedere "giustizia", il partito socialdemocratico Chp, principale forza di opposizione, ha in gran parte disertato le commemorazioni per il putsch. "C'è una grave mancanza di democrazia in questo Paese, qualcuno deve prendere un'iniziativa contro tutto questo. Il nostro scopo principale ora è di cacciare Erdogan dal suo palazzo", ha detto il suo leader Kemal Kilicdaroglu, ribadendo la condanna del "tentativo di colpo di stato del 15 luglio" ma anche del "colpo di stato del palazzo", che "ne ha tratto vantaggio" imponendo lo stato d'emergenza. Un regime che per l'opposizione ha danneggiato l'economia e accresciuto la polarizzazione di un Paese già spaccato in due.

(Ats)

 

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Mondo

Nuove sanzioni a Pyongyang

Ma la Corea del Nord continua i lavori per il suo arsenale nucleare.

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

Autostrade italiane: sciopero dei casellanti

Da lunedì sera alle 22.00 fino a martedì alle 22.00, possibili disagi.

Mondo

È morto Cino Tortorella

L'ex mago Zurlì, che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro, a giugno avrebbe compiuto 90 anni. 

Mondo

Gli scozzesi legati al Regno Unito

Brutto colpo per la Sturgeon e il suo referendum. Il 57% degli scozzesi non vorrebbe infatti l'indipendenza e intanto cresce anche il loro '"euroscetticismo …

Mondo

Il Cairo, rinvenute due statue egizie

La prima raffigura il Faraone Ramses. La seconda Seti II. Entrambi i manufatti sono stati ritrovati in un quartiere popolare della capitale egiziana. 

Mondo

Orrore allo zoo di Parigi

Un rinoceronte è stato ucciso e il suo corno tagliato con una motosega nella notte nello zoo di Thoiry. È la prima volta che capita una cosa del genere in una …

Mondo

Cooperazione tra Salvini e Putin

La Lega Nord italiana e il partito del presidente russo, Russia Unita, hanno siglato a Mosca un accordo di collaborazione a vari livelli.

Mondo

Estratto il diamante più grande d'Europa

È di 181,68 carati ed è stato trovato in una miniera di Arkhanghelsk, in Russia nord-occidentale.

Mondo

Francesco Gabbani trionfa a Sanremo

La sua "Occidentali's Karma" si impone sul palco dell'Ariston. Seconda la favorita Fiorella Mannoia con "Che sia Benedetta", terzo classificato …

Mondo

Il carnevale di Rio sarà "censurato"

Gli organizzatori hanno deciso di bandire battutacce e frasi a doppio senso per evitare che qualcuno si senta offeso o, peggio, discriminato.

Mondo

Inaugurato il volo più lungo al mondo

A partire da oggi, lunedì, la Qatar Airways offre il collegamneto da Doha a Auckland, per una distanza di oltre 14.500 chilometri, in più di 16 ore. 

Mondo

Danimarca verso un ambasciatore digitale

Per il Paese scandinavo serve una figura istituzionale per dialogare al meglio con aziende come Apple, Google o Microsoft, più ricche di molte Nazioni.

Mondo

"Per favore puoi salvare i bambini della Siria?"

La commovente lettera aperta di Bana Alabed, la bambina siriana di 7 anni nota in tutto il mondo per i suoi tweet da Aleppo, al neo-presidente americano Trump.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg