Home > Mondo

La Turchia prolunga lo stato d'emergenza

17.07.2017 - aggiornato: 17.07.2017 - 19:40

Esteso per altri tre mesi, dopo il fallito golpe di un anno fa. Sotto lo stato d'emergenza sono state arrestate oltre 50mila persone e ne sono state licenziate 110mila.

© EPA/TURKISH PRESIDENTIAL PRESS OFFICE

A meno di 24 ore dalla fine delle commemorazioni di massa per l'anniversario del fallito golpe, la Turchia prolunga ancora lo stato d'emergenza. L'estensione per altri 3 mesi delle misure straordinarie, in vigore già da un anno, ha ricevuto il via libera del Parlamento di Ankara con i voti dell'Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan e dei nazionalisti del Mhp.

Arriva così il quarto rinnovo trimestrale di un regime che, secondo le promesse del governo stesso, sarebbe dovuto durare solo poche settimane. Contro il provvedimento si è schierata l'opposizione, che aveva chiesto un ritorno alla normalità e ora si dice pronta a scendere di nuovo in piazza, dopo i 25 giorni della "marcia per la giustizia" e la grande manifestazione di una settimana fa a Istanbul contro le maxi-purghe.

Sotto lo stato d'emergenza, oltre 50 mila persone sono già state arrestate e 110 mila licenziate o sospese dalle pubbliche amministrazioni. Solo oggi è entrata ufficialmente in funzione la Commissione incaricata di esaminare i ricorsi contro le epurazioni, destinata a essere travolta da decine di migliaia di richieste. L'ultimo bollettino del ministero degli Interni parla di 1'366 persone finite in manette nell'ultima settimana con accuse di terrorismo, la maggior parte (895) proprio per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gülen. Un giro di vite senza fine che nei giorni scorsi aveva colpito anche 10 attivisti per i diritti umani, fermati durante un seminario sulla sicurezza informatica a Istanbul. Tra questi, la direttrice di Amnesty International nel Paese, Idil Eser, apparsa oggi davanti ai magistrati. Per Erdogan, quel meeting aveva "la natura di una continuazione" delle cospirazioni di un anno fa.

Nel bagno di folla del fine settimana per celebrare la resistenza al putsch, il presidente turco ha rispolverato i toni di fuoco di un anno fa, riaprendo la discussione sulla reintroduzione della pena di morte, abolita definitivamente nel 2004 proprio da un suo governo. Ma lo spirito di unità nazionale della scorsa estate, quando l'idea venne avanzata per la prima volta, è ormai un lontano ricordo. Dopo aver portato centinaia di migliaia di persone in piazza a Istanbul per chiedere "giustizia", il partito socialdemocratico Chp, principale forza di opposizione, ha in gran parte disertato le commemorazioni per il putsch. "C'è una grave mancanza di democrazia in questo Paese, qualcuno deve prendere un'iniziativa contro tutto questo. Il nostro scopo principale ora è di cacciare Erdogan dal suo palazzo", ha detto il suo leader Kemal Kilicdaroglu, ribadendo la condanna del "tentativo di colpo di stato del 15 luglio" ma anche del "colpo di stato del palazzo", che "ne ha tratto vantaggio" imponendo lo stato d'emergenza. Un regime che per l'opposizione ha danneggiato l'economia e accresciuto la polarizzazione di un Paese già spaccato in due.

(Ats)

 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg