Home > Mondo

L'agente nervino nella valigia della figlia?

16.03.2018 - aggiornato: 16.03.2018 - 19:38

Secondo gli investigatori potrebbe essere questa la dinamica dell'attacco che ha ridotto in fin di vita l'ex spia russa Skripal e sua figlia. E intanto arriva la condanna di Berna.

© EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

La Svizzera condanna con fermezza l'attacco con gas neurotossico in Gran Bretagna, contro l'ex spia russa Serghei Skripal e sua figlia Yulia, attacco che ha generato una crisi nei rapporti tra Mosca e Londra.

Berna è molto preoccupata per il nuovo utilizzo di questo agente nervino, ha indicato all'ats una portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), tanto più che l'episodio giunge dopo una serie di violazioni simili del diritto internazionale avvenuti negli ultimi anni. La Svizzera rammenta che per la pace e la stabilità è indispensabile "rispettare le norme e le regole internazionali".

Il veleno nella valigia?

Intanto stanno emergendo delle novità dall'indagine in corso sull'episodio. Stando agli investigatori, secondo il Telegraph, che cita fonti di intelligence di alto livello, l'agente nervino che ha ridotto in fin di vita l'ex spia russa  e sua figlia potrebbe essere stato messo proprio nella valigia della ragazza, prima ancora che partisse da Mosca. Si indaga quindi sulla possibilità che sia stato impregnato con la sostanza velenosa un abito nella valigia o addirittura un regalo che è stato poi aperto nella casa a Salisbury, il che indica che la donna era stata presa di mira per arrivare al padre.

Dalle indiscrezioni del Telegraph non si capisce peraltro se la potenziale versione della valigia si basi su qualche traccia concreta già rinvenuta. O se invece sia stata messa sul tavolo per esclusione, dopo il mancato ritrovamento di tracce dell'arrivo in Gran Bretagna di quella "squadra di esecutori al servizio del Cremlino" che - nelle parole del giornale conservatore - gli investigatori pare immaginassero di trovare.

Il Telegraph scrive in effetti che l'intelligence starebbe al momento "lavorando sulla teoria" di una possibile contaminazione di "vestiti, cosmetici" o di un qualche oggetto "regalo" che Yulia Skripal, 33 anni, aveva portato con sé da Mosca, dove era tornata a vivere da qualche anno dopo un periodo trascorso con i genitori in Inghilterra. Si sa che la donna era giunta a Salisbury pochi giorni prima dell'avvelenamento, per fare visita al padre Serghei, 66 anni, ex colonnello dell'intelligence militare russa (Gru) vendutosi negli anni '90 all'MI6 britannico, poi condannato in patria, graziato nel 2010 e infine riparato transfuga nel Regno.

131 persone esposte

Sono state in totale 131 le persone individuate a Salisbury, in Inghilterra, per essere state "potenzialmente esposte" a contatti, anche minimi, con l'agente nervino. Lo hanno precisato in queste ore fonti della Wiltshire Police, assicurando tuttavia che nessuna di loro ha poi manifestato sintomi preoccupanti. La polizia locale ha anche sottolineato che 46 di queste persone, particolarmente allarmate, si sono rivolte nei giorni subito dopo il 4 al Salisbury District Hospital per controlli, ma nessuna è stata ricoverata.

Ricordiamo che l'agente nervino, oltre a colpire gli Skripal, ha intossicato gravemente un singolo poliziotto intervenuto fra i primi in loro soccorso, Nick Bailey, che resta in condizioni definite "serie", ma è cosciente, sta reagendo alle cure ed è considerato in via di miglioramento.

(Red/Ats)

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Pulizie al Muro del Pianto

Fervono i preparativi per la Pasqua ebraica e come da tradizione a Gerusalemme i guardiani sono impegnati nella raccolta dei bigliettini votivi infilati tra le pietre.

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Mondo

Asta da record per la "musa d'oro" di Picasso

Il quadro "Femme au béret età la robe quadrillée", ispirato a Marie-Thérèse Walter, è stato battuto a Sothebys's per …

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg