Home > Mondo

"Le armi nucleari minacciano l'umanità"

10.11.2017 - aggiornato: 10.11.2017 - 16:25

Così il Papa aprendo in Vaticano il Simposio internazionale sul disarmo nucleare, a cui partecipano 11 Premi Nobel per la Pace, vertici di ONU e NATO, e molti altri.

© Foto dal web

"Non possiamo non provare un vivo senso di inquietudine se consideriamo le catastrofiche conseguenze umanitarie e ambientali che derivano da qualsiasi utilizzo degli ordigni nucleari". così papa Francesco, aprendo in Vaticano il Simposio internazionale sul disarmo nucleare, dal titolo "Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale", promosso dal Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale, cui partecipano 11 Premi Nobel per la Pace, vertici di Onu e Nato, diplomatici rappresentanti degli Stati tra cui Russia, Stati Uniti, Corea del Sud, Iran, nonché massimi esperti nel campo degli armamenti ed esponenti delle fondazioni, organizzazioni e società civile impegnate attivamente sul tema.

"È da condannare con fermezza la minaccia del loro uso, nonché il loro stesso possesso, proprio perché la loro esistenza è funzionale a una logica di paura che non riguarda solo le parti in conflitto, ma l'intero genere umano", ha detto il Pontefice. Il Papa lo ha affermato "anche considerando il rischio di una detonazione accidentale di tali armi per un errore di qualsiasi genere".

Durante l'udienza nella Sala Clementina ai circa 350 partecipanti all'incontro, Francesco ha sottolineato la "complessità delle sfide politiche dell'attuale scenario internazionale, caratterizzato da un clima instabile di conflittualità". "Un fosco pessimismo", ha detto, "potrebbe spingerci a ritenere che le 'prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari e per un disarmo integrale', come recita il titolo del vostro incontro, appaiano sempre più remote". "È un dato di fatto - ha quindi aggiunto - che la spirale della corsa agli armamenti non conosce sosta e che i costi di ammodernamento e sviluppo delle armi, non solo nucleari, rappresentano una considerevole voce di spesa per le nazioni, al punto da dover mettere in secondo piano le priorità reali dell'umanità sofferente: la lotta contro la povertà, la promozione della pace, la realizzazione di progetti educativi, ecologici e sanitari e lo sviluppo dei diritti umani".

"Il progresso smantelli gli arsenali"

"Un progresso effettivo ed inclusivo può rendere attuabile l'utopia di un mondo privo di micidiali strumenti di offesa, nonostante la critica di coloro che ritengono idealistici i processi di smantellamento degli arsenali", ha ancora aggiunto Francesco, secondo il quale "resta sempre valido il magistero di Giovanni XXIII, che ha indicato con chiarezza l'obiettivo di un disarmo integrale affermando: 'L'arresto agli armamenti a scopi bellici, la loro effettiva riduzione, e, a maggior ragione, la loro eliminazione sono impossibili o quasi, se nello stesso tempo non si procedesse ad un disarmo integrale; se cioè non si smontano anche gli spiriti, adoperandosi sinceramente a dissolvere, in essi, la psicosi bellica' (Lett. enc. Pacem in terris, 11 aprile 1963, 61)".

 

06319999.jpg

 

"Siamo sull'orlo di un olocausto nucleare"

Prendendo la parola, il card. Peter Kodwo Appiah Turkson, prefetto del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale ha affermato che "siamo sull'orlo di un olocausto nucleare".

"Incoraggiare gli Stati dotati di armi nucleari a perseguire strategie di riduzione delle armi e testate nucleari, per avere un mondo libero" da questi ultimi: così il cardinale ha sintetizzato l'obiettivo del summit. "In questo momento storico esiste una paura di una catastrofe nucleare che si è intensificata così tanto", l'analisi del porporato, secondo il quale quello delle armi nucleari è "un problema globale che influenza tutte le nazioni e ha un impatto non solo sulla generazione attuale, ma anche su quelle future".

Per questo, la tesi di Turkson, "saranno molto importanti le decisioni dei nostri politici, perché avranno conseguenze sullo sviluppo del nostro Paese". "Le persone chiedono sicurezza per loro e le loro famiglie", ha proseguito il cardinale, ma "non si può rispondere con la proliferazione delle armi di distruzione di massa, e nucleari in particolare, perché non solo ciò aumenta il problema della sicurezza, ma riduce la possibilità di migliorare la vita delle popolazioni, le condizioni di vita e quelle ambientali".

"La sicurezza non viene data dal numero di armi che possediamo", il grido d'allarme di Turkson, che ha citato il presidente americano Eisenhower: "Ogni volta che si utilizzano le armi, ciò rappresenta un furto, per le risorse tolte alle popolazioni che devono lottare per la sopravvivenza". "Le armi nucleari sono un furto per le popolazioni, perché portano via le speranze dei bambini", ha ammonito il cardinale soffermandosi sul costo delle armi nucleari, i cui investimenti potrebbero essere utilizzati per costruire scuole, strade e ospedali.

(Red/Ats)

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Mondo

Addio al padre della nouvelle cuisine

È morto a 88 anni Christian Millau, fondatore in Francia delle guide ai ristoranti Gault & Millau.

Mondo

È morta Jeanne Moreau

Icona della Nouvelle Vague, l'attrice francese è stata ritrovata questa mattina senza vita nella sua casa di Parigi. Aveva 89 anni.

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg