Home > Mondo

«Siamo tribolati ma non schiacciati»

07.02.2016 - aggiornato: 08.02.2016 - 11:44

Pubblichiamo integralmente la lettera che ci è arrivata domenica fa da padre Ibrahim Alsabagh. «Noi frati rimarremo qui finché ci sarà l'ultimo cristiano». La città da cinque giorni è oggetto dell'offensiva del Governo siriano che tenta di riconquistarla. Per rivalsa, i ribelli islamisti colpiscono i civili. Oltre 70mila le persone in fuga, migliaia di loro sono ammassate al confine con la Turchia. Che, nonostante gli appelli internazionali, non apre il valico di Bab al Salam.

La Madonna di Aleppo distrutta dai bombardamenti. 

di Padre Ibrahim Alsabagh

Aleppo, 7 febbraio 2016

 

 

 

I bombardamenti

Cari amici, provo a raccontare quello che stiamo vivendo ad Aleppo da quando è cominciata l’offensiva dell’esercito per riprendere la città. Nella notte tra il 3 e il 4 febbraio, due missili lanciati dagli jihadisti hanno colpito la zona di Soulaymanieh-Ram, dove è collocata la nostra succursale. Avevo pensato di radunare i Frati, in un Capitolo locale pastorale, per vedere come potevamo intensificare il servizio svolto nella zona di Soulaymanieh e di Midaan, quando ci ha raggiunto la notizia dell’accaduto. Il risultato dei bombardamenti, incessanti, è sempre lo stesso: morte e distruzione di case. Due cristiani sono rimasti uccisi; diversi feriti e diverse case danneggiate. Siamo scoraggiati, perché avevamo appena finito di riparare i danni dei missili caduti il 12 aprile 2015, quando sono arrivati queste nuove bombe, distruggendo nuovamente quello che abbiamo appena riparato. La nostra chiesa non è stata per ora danneggiata, ma il tetto delle aule di catechismo è stato colpito e parzialmente distrutto, le pareti sono state danneggiate dalle scosse e dalle esplosioni e così i vetri, che sono andati in frantumi. Il missile che è caduto direttamente sulla succursale ha forato il tetto, colpendo la statua della Madonna, il campanile e alcuni depositi di acqua, nuovamente installati. La statua della Madonna è stata ridotta in mille pezzi e potete immaginare il nostro dolore: il volto della Vergine in frantumi in mezzo alla strada, oltraggiato. Mentre l’altro missile è caduto per la strada, danneggiando l’entrata della succursale e ammazzando due uomini cristiani, senza risparmiare gli edifici che, nel passato, sono stati colpiti da diversi missili e bombe. Noi frati siamo subito andati a visitare le case negli edifici vicini alla nostra succursale, dove i due uomini sono stati colpiti e uccisi e abbiamo ascoltato l’esperienza dolorosa delle mamme e dei padri di famiglie che ci raccontavano dell’accaduto e di come hanno vissuto, insieme ai loro figli, il terrore e lo spavento. Stiamo cercando di stare vicini alla nostra gente, che bussa alla nostra porta cercando aiuto. La nostra succursale infatti accoglie le famiglie della zona, ma anche quelle di Midaan (che hanno cercato riparo dopo che la chiesa di Bicharat a Midaan è stata distrutta). Ospitiamo anche la Comunità cristiana maronita che celebra da noi diverse Messe settimanali, dopo la distruzione delle sue chiese nelle zone vicine. È il luogo dove diversi gruppi parrocchiali si ritrovano per i loro raduni settimanali e dove trova spazio anche una scuola per i sordo-muti: uno dei pochissimi centri di questo genere rimasti attivi oggi ad Aleppo. Oltre all’accoglienza e al servizio umano e spirituale menzionato, si distribuisce l’acqua alla gente, dal pozzo che abbiamo dentro la medesima succursale.

 

Il quartiere cristiano di Midaan

I lanci di missili da parte dei gruppi jiahdisti, come risposta all’avanzata delle forze governative e dei loro alleati, è continuata anche la notte tra il 4 e il 5 febbraio. Ancora una volta, siamo stati colpiti al cuore. Le esplosioni hanno interessato il quartiere di Midaan, la zona a maggioranza cristiana. La distruzione è stata totale: i poveri abitanti rimasti sono nuovamente senza casa. Provate a immaginare cosa voglia dire per noi stare qui mentre di notte cadono i missili. Senza sapere cosa accadrà. Un’anziana signora piangeva raccontando che la gente non sapeva come comportarsi, quale decisione prendere: uscire dalle case per scappare con il pericolo di incontrare “sorella morte” per la strada o rimanere nelle abitazioni rintanati, con il pericolo che i missili le distruggano? Alcune famiglie hanno deciso di dormire al freddo all’entrata delle loro abitazioni, altri sotto le scale Una signora che ha bussato la nostra porta chiedendo aiuto, mentre portava in braccio il suo bambino, e mi ha raccontato che c’erano delle persone che sono rimaste sotto le macerie. Alle sue grida di soccorso, con l’intenzione che venisse qualcuno ad aiutare quella povera gente, nessuno aveva il coraggio di rispondere. I feriti sono rimasti lì, e così anche i cadaveri, per ore e ore.

 

Perché rimaniamo.

Noi però non ci arrendiamo. Siamo tribolati ma non schiacciati. Alle case danneggiate che abbiamo visitato, insieme con l’ingegnere, abbiamo distribuito subito scatole di alimentari di emergenza e abbiamo iniziato a riparare, cominciando dalle porte e le finestre. Per chi ha avuto la casa tutta danneggiata, abbiamo aiutato con i soldi per prendere case in affitto per tre mesi, con la possibilità di rinnovare il pagamento. In tantissimi bussano alla nostra porta terrorizzati, soprattutto le famiglie con i bambini piccoli.  La maggior parte di loro non ce la fa a pensare di fuggire: non hanno neanche un soldino per il trasporto. Per me, in questa situazione, non restano che l’accoglienza e l’ascolto. Dopodiché, bisogna passare subito all’azione: non si può rimandare all’indomani. Il lavoro però è immenso e così anche le necessità.

 

Acqua e prezzi proibitivi

Rimane il problema grandissimo dell’acqua: mentre i missili cadevano, era impressionante vedere la gente aggirarsi cercando l’acqua. Le persone sono disperate e sfidano i missili e la pioggia, pur di attingere acqua dai rubinetti installati lungo la strada, dove ci sono i pozzi. Ormai, è da più di dieci giorni che siamo senza acqua. Il dollaro arriva a 410 l.s. oggi, mentre ieri aveva il prezzo di 400. Questo vuole dire che i prezzi di alimentari s’è alzato da un giorno all’altro, anche quello delle cose più leggere e più semplici di verdura.. Una signora racconta che ormai le entrate mensili, per lei che ha ancora un lavoro e un’entrata fissa mensile, non permette oggi di comprare un piatto di verdura giornaliero per tutto il mese.

 

“Fino a quando, Signore, ti scorderai di me?” (cf. Sal 12)

Dentro il dolore di questi giorni, mi torna alla mente il Salmo che dice: “Fino a quando Signore ti scorderai di me?”. La domanda a volte affiora:  il Signore ci ha abbandonato? Ma dove è il Signore? È un momento dove la fede viene scossa fortemente dalle sue radici per tutto il “piccolo gregge” che è rimasto ancora ad Aleppo. A Saul, il Risorto l’aveva chiesto: “Perché mi perseguiti?”, lasciando una conferma sicura della Sua unione con le membra del Suo Corpo mistico. Egli è presente; sofferente e appeso sulla croce e non “guarda da lontano mentre i Suoi soffrono”. Egli è presente in mezzo al Suo popolo; lo aiuta e lo assiste attraverso la tenerezza misericordiosa dei suoi pastori; anche se sono molto affaticati e amareggiati al vedere cosa succede al loro gregge. Così è per noi, frati francescani. E per questo rimaniamo qui.

  

 

Altre immagini

Mondo - Italia

Assalto ad un portavalori sulla A14

Il blitz in autostrada, nei pressi del casello di Cesena. Un commando di 5 persone su tre SUV ha assalito il mezzo blindato. Malviventi in fuga, caos in autostrada. Bottino di …

Mondo - Terrorismo

Moutaharrik resta in carcere

Il Tribunale del riesame di Milano nega la libertà al 28enne kickboxer di origini marocchine arrestato con la moglie e altri due connazionali poiché sospettato di …

Mondo - Varo

La nave da crociera più grande al mondo

(LE FOTO) La ''Armonia dei Mari", salpata oggi per il suo viaggio inaugurale da Saint-Nazaire, può trasportare fino a 6 …

Mondo - Incontro

A colloquio col re del Bahrein

Il presidente della Confederazione, Johann Schneider-Ammann incontrerà il sovrano del piccolo regno del Golfo, Hamad Bin Isa Al Khalifa, allo scopo di rafforzare le …

Mondo - Polemica

"Abolire la banconota da 1000 franchi"

Lo chiede l'ex segretario del Tesoro statunitense, Lawrence Summers, secondo il quale la Svizzera, dopo la recente abolizione dei 500 euro, "non deve trarre profitto …

Mondo - Italia

Un giovane su due non legge mai

È quanto emerge dal Rapporto di Save the Children "Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo …

Mondo

Morto l'ultimo sopravvissuto di Pearl Harbor

Si tratta di Kaname Harada: aveva 99 anni ed era un pilota di caccia dell'aviazione giapponese. Dopo la …

Mondo - Dati Europol

Traffico di migranti, fatturato miliardario

Secondo l'Europol si tratta del mercato criminale in più rapida ascesa in Europa. Solamente l'anno scorso, le reti che gestiscono tale traffico hanno fatturato …

Mondo - Giustizia USA

Banche chiamate alla cassa

Sette grandi istituti attivi negli Stati Uniti, fra cui anche Credit Suisse, pagheranno 324 milioni di dollari per metter fine ad una causa avviata nei loro confronti per …

Mondo - Primarie USA

Ted Cruz getta la spugna

Il principale avversario di Trump in casa repubblicana ha annunciato il suo ritiro dalla campagna elettorale, spianando la strada per la candidatura del tycoon alla Casa Bianca …

Mondo - Intervista

Un'amicizia più grande della guerra

Intervista a padre Ibrahim, parroco di Aleppo. La situazione nella città è crollata: oltre 250 i morti, migliaia i feriti, centinaia i civili in fuga. " …

Mondo - Dopo quasi 60 anni

Una nave da crociera all'Avana

Non capitava dal 1959 che un'imbarcazione partita dagli Stati Uniti si recasse, per una delle sue tappe, a Cuba. Si tratta di un evento …

Mondo - Fontana di Trevi

Rossa come il sangue dei cristiani perseguitati

Grazie a un gioco di luci, la Fontana di Trevi a Roma si è tinta ieri di rosso per l'iniziativa promossa da Aiuto alla chiesa che soffre. "I cristiani …

Mondo - Bergen

Precipita elicottero in Norvegia: tutti morti

La tragedia è avvenuta nella cittadina di Bergen, sulla costa atlantica. A bordo del velivolo vi sarebbero state 13 persone. Nessuno sarebbe sopravvissuto allo schianto …

Mondo - Tibet

Muore uno svizzero sull'Himalaya

L'alpinista sarebbe scivolato in un crepaccio assieme al compagno di cordata austriaco, durante l'ascesa dello Shisha Pangma. Entrambi gli scalatori non sono …

Mondo - Musica

Morte di Prince, domani l'autopsia

L'artista è deceduto ieri nella sua casa di Minneapolis. La causa della morte sarebbe legata all'abuso di stupefacenti, ma rimangono molti i misteri.

Accesso e-GdP

banner_speciale_alptransit.png

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

banner_libano.jpg

banner_sinodo_famiglia.jpg

banner_pinacoteca_zuest_primavera_2016.png 

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg

X
Sichere Anmeldung

Diese Anmeldung ist mit SSL Verschlüsselung gesichert