Home > Mondo

Spari al liceo USA: i morti sono 17

14.02.2018 - aggiornato: 15.02.2018 - 10:48

Strage ieri al campus della Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland in Florida. Le vittime sono ragazzi e docenti. Il sospetto è stato fermato. 

© EPA/GIORGIO VIERA

Torna nel giorno di San Valentino la paura e il terrore in una scuola superiore della Florida. E si consuma un dramma vissuto già troppe volte, con una sparatoria che fa diversi morti - almeno diciassette secondo lo sceriffo della contea - e decine di feriti, per mano di un ex studente 18enne espulso dalla scuola. Le vittime sono ragazzi e docenti.

L'enorme campus della Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, che conta fino a 3.000 studenti, brulica ancora di giovani con le mani alzate che lasciano gli edifici scortati dalle forze dell'ordine intervenute in maniera massiccia, quando si comunica che il sospetto è stato finalmente fermato, dopo ore di angoscia. 

Mentre a dargli la caccia erano arrivati anche agenti delle teste di cuoio armati fino ai denti facendo irruzione nei diversi edifici. Il giovane arrestato sarebbe Nicholas Cruz, un ex studente di 18 anni, descritto come "ragazzo difficile". 

Lo sceriffo Scott Israel afferma pero' di non sapere "quando e perché" lo studente abbia lasciato la scuola. Alcuni testimoni hanno riferito che aveva aperto il fuoco mentre indossava una maschera a gas. Poi è emerso che aveva avuto contatti tramite i social media con diversi gruppi legati alle armi e che ha partecipato a diverse chatroom su YouTube sulla produzione di bombe, secondo Fox.

È una paura vissuta ancora una volta in tempo reale: i genitori alla disperata ricerca di informazioni, con gli occhi incollati sugli schermi dei telefonini in attesa di un sms dai figli, dagli insegnanti, dalle autorità. 

Le informazioni arrivano prima con il contagocce, con qualche tweet. Poi le testimonianze sono un fiume in piena e rivelano l'inferno in cui è sprofondata per interminabili ore l'ennesima scuola americana. C'è anche un video girato da uno studente con uno smartphone in una classe del liceo, lo mostra la Cbs: si sentono le urla di terrore di ragazzi e ragazze e dell'insegnante. 

Tutti si buttano a terra per cercare riparo tra i banchi. Oltre una decina i colpi esplosi, in due riprese e a ripetizione. "O mio Dio!", si sente urlare più volte, mentre si vede uno studente immobile a terra. E non passa troppo tempo prima di scoprire che fra le vittime c'è anche una professoressa, morta sotto i colpi del killer mentre con il suo corpo proteggeva uno degli studenti. Un ragazzo raggiunto telefonicamente dice alla Cnn che il suo professore di geografia è stato colpito, ma non sa se è morto.

Con questa in Florida sono almeno 19 le scuole americane in cui dall'inizio dell'anno si è verificata una sparatoria. I dati sono dell'Everytown For Gun Safety, associazione che si batte per un maggior controllo sulla vendita delle armi da fuoco. 
A Washington il presidente Donald Trump viene subito informato e quando l'emergenza è ancora in corso, twitta: "Nessun bambino, nessun insegnante o qualunque altra persona dovrebbe mai sentirsi insicuro in una scuola americana".

 

 

(ATS)

 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg