Home > Mondo

Stretta di mano, ma salta l'incontro

10.11.2017 - aggiornato: 10.11.2017 - 23:23

Il faccia a faccia con Putin era l'appuntamento più atteso del lungo viaggio di Trump, ma alla fine troppo forte si è rivelato il condizionamento del Russiagate.

© (Epa)

Era l'appuntamento più atteso della lunga missione asiatica di Donald Trump: il faccia a faccia con Vladimir Putin, a margine del vertice Apec in Vietnam. Obiettivo: avviare una stagione di disgelo dopo le tensioni degli ultimi mesi e provare a imprimere una svolta alle crisi siriana e nordcoreana.

Per ora tutto si è risolto in una semplice stretta di mano e in una pacca del tycoon sulla spalla del presidente russo. L'occasione è stata la "foto di famiglia" con tutti i leader del summit. Sembrava fatta, e al Cremlino davano per scontato che Trump e Putin si sarebbero seduti insieme per la seconda volta, dopo il bilaterale del luglio scorso al G20 di Amburgo. Invece all'ultimo momento è stata la Casa Bianca a dare forfait, facendo irritare i responsabili moscoviti: "Abbiamo sentito che il presidente Trump voleva incontrare il presidente Putin, è stato un desiderio espresso da Trump. Cosa dicono poi i suoi burocrati da quattro soldi non lo so, domandate a loro", è stato il seccato commento del ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov. Lui che negli ultimi giorni è stato in costante contatto con il segretario di stato Rex Tillerson e con l'ambasciatore americano a Mosca John Huntsman. La portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee, ha spiegato come alla fine tra le due parti siano emerse delle divergenze sull'agenda del colloquio. 

Ma la sensazione è che Trump si sia convinto nelle ultime ore che per incontrare Putin non era proprio il momento giusto. Troppo forte il condizionamento del Russiagate, con le indagini che nelle ultime ore sono arrivate fino allo stretto entourage del presidente, coinvolgendo il suo consigliere politico, Stephen Miller. Troppo alto, poi, il rischio di oscurare il messaggio che ha dominato la visita in Asia del tycoon, improntato sul mantra dell'America First e su quello della sicurezza.

E proprio sull'altare dell'America First, Trump rischia di sacrificare la tregua appena siglata con Xi Jinping. I toni fortemente nazionalistici e protezionistici con cui il presidente Usa si è rivolto alla platea di imprenditori e uomini d'affari a margine dell'Apec sono molto lontani da quelli concilianti usati nella sua visita a Pechino. E lontani da quelli dello stesso Xi, che intervenendo a sua volta ha pronunciato un discorso tutto improntato sui benefici della globalizzazione. Ben sapendo che il messaggio del tycoon era rivolto proprio alla Cina: "Nessuno si avvantaggerà più sulle spalle dell'America con intese e pratiche commerciali ingiuste".

 

(Ats)

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Mondo

Melbourne è la città più vivibile al mondo

La seconda città più popolosa dell'Australia riceve il prestigioso riconosciemnto per il settimo anno consecitivo. Vienna al secondo posto.

Mondo

Addio al padre della nouvelle cuisine

È morto a 88 anni Christian Millau, fondatore in Francia delle guide ai ristoranti Gault & Millau.

Mondo

È morta Jeanne Moreau

Icona della Nouvelle Vague, l'attrice francese è stata ritrovata questa mattina senza vita nella sua casa di Parigi. Aveva 89 anni.

Mondo

Un iceberg gigante è partito dall'Antartide

È grande quanto la Liguria e il suo peso si aggirerebbe attorno ai 1000 miliardi di tonnellate. 

Mondo

Un meteorite nei cieli del nord Italia

Il frammento di roccia, raggiungendo l'atmosfera terrestre, ha illuminato la notte, lasciando dietro di sé una scia verdastra e, secondo alcuni, anche dei …

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

È morto Cino Tortorella

L'ex mago Zurlì, che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro, a giugno avrebbe compiuto 90 anni. 

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg