Home > Mondo

A Teheran tra la gente in fila per votare

19.05.2017 - aggiornato: 19.05.2017 - 18:21

Gli iraniani sono chiamati a decidere su chi sarà il presidente per i prossimi quattro anni: sarà l'uscente, Hassan Rohani o il suo antagonista Ebrahim Raisi?

© Iranian Presidency Office via AP

Tanti mostrano il dito macchiato d'inchiostro, segno distintivo di chi ha votato. E lo fanno con un sorriso di orgoglio, tipico di chi si sente coinvolto nella scelta. E questa volta la scelta è importante: gli iraniani sono chiamati a decidere su chi sarà il presidente per i prossimi quattro anni.

Quindi, a chi affidare il futuro governo dell'Iran tra il presidente uscente, Hassan Rohani, e il suo antagonista conservatore, Ebrahim Raisi.

Il seggio di Sadaf Alley, una piccola strada nel quartiere di Farmanieh a Teheran, è affollato. La prima impressione è che l'affluenza sia alta. Una lunga fila ingombra il marciapiede che va sul viale Pasdaran. Tutti pronti a votare. Sulle scale che portano al seggio un ragazzo sorride uscendo, alza due dita in segno di vittoria con l'indice macchiato. ''Rohani'', si limita a dire andando subito a raggiungere alcuni amici e facendo intendere che ha fretta.

In fila c'è anche un giovane mullah con il turbante nero dei 'sayyed', i discendenti del Profeta. Non dichiara a chi darà il suo voto, ma rimarca l'importanza di essere lì ''perché gli iraniani hanno il dovere di andare a votare, come ha ricordato tante volte anche la Guida suprema. È il popolo che sceglie nella Repubblica islamica, non altri''.

Due ragazze con veli colorati appena appoggiati sulla nuca scendono le scale dopo aver votato. La più spigliata delle due dice di chiamarsi Masoumeh, ha 22 anni ed è studentessa. Sorride convinta: ''ho votato per Rohani'', dice senza esitazione, tirandosi leggermente la lunga camicia aperta che non copre i moderni jeans con strappi sulle ginocchia. ''Anche la mia amica ha votato per il presidente - continua -. La nostra è una scelta di libertà, non vogliamo che si torni indietro. In questi quattro anni per i giovani molte cose sono finalmente cambiate e vogliamo che continui così''.

Anche una signora in chador scende le scale con alcune amiche e, pur non dichiarando il suo voto, ci tiene a rimarcare che ''la cosa più importante è la partecipazione al voto, perché è lo strumento più forte contro i nemici''. Quali nemici?. ''Purtroppo l'Iran di nemici ne ha tanti, troppi. Contro di loro la partecipazione al voto può fare più delle armi. Così il popolo può dimostrare la sua forza''.

Un uomo con il figlio per mano, rimasto finora a osservare, si avvicina con un ampio sorriso e, in inglese impeccabile, dice: ''Il 90% degli iraniani è insoddisfatto di Rohani'', facendo capire la sua scelta per Raisi, pur non dichiarandola. 

(Ats)

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg