Home > Mondo

A Teheran tra la gente in fila per votare

19.05.2017 - aggiornato: 19.05.2017 - 18:21

Gli iraniani sono chiamati a decidere su chi sarà il presidente per i prossimi quattro anni: sarà l'uscente, Hassan Rohani o il suo antagonista Ebrahim Raisi?

© Iranian Presidency Office via AP

Tanti mostrano il dito macchiato d'inchiostro, segno distintivo di chi ha votato. E lo fanno con un sorriso di orgoglio, tipico di chi si sente coinvolto nella scelta. E questa volta la scelta è importante: gli iraniani sono chiamati a decidere su chi sarà il presidente per i prossimi quattro anni.

Quindi, a chi affidare il futuro governo dell'Iran tra il presidente uscente, Hassan Rohani, e il suo antagonista conservatore, Ebrahim Raisi.

Il seggio di Sadaf Alley, una piccola strada nel quartiere di Farmanieh a Teheran, è affollato. La prima impressione è che l'affluenza sia alta. Una lunga fila ingombra il marciapiede che va sul viale Pasdaran. Tutti pronti a votare. Sulle scale che portano al seggio un ragazzo sorride uscendo, alza due dita in segno di vittoria con l'indice macchiato. ''Rohani'', si limita a dire andando subito a raggiungere alcuni amici e facendo intendere che ha fretta.

In fila c'è anche un giovane mullah con il turbante nero dei 'sayyed', i discendenti del Profeta. Non dichiara a chi darà il suo voto, ma rimarca l'importanza di essere lì ''perché gli iraniani hanno il dovere di andare a votare, come ha ricordato tante volte anche la Guida suprema. È il popolo che sceglie nella Repubblica islamica, non altri''.

Due ragazze con veli colorati appena appoggiati sulla nuca scendono le scale dopo aver votato. La più spigliata delle due dice di chiamarsi Masoumeh, ha 22 anni ed è studentessa. Sorride convinta: ''ho votato per Rohani'', dice senza esitazione, tirandosi leggermente la lunga camicia aperta che non copre i moderni jeans con strappi sulle ginocchia. ''Anche la mia amica ha votato per il presidente - continua -. La nostra è una scelta di libertà, non vogliamo che si torni indietro. In questi quattro anni per i giovani molte cose sono finalmente cambiate e vogliamo che continui così''.

Anche una signora in chador scende le scale con alcune amiche e, pur non dichiarando il suo voto, ci tiene a rimarcare che ''la cosa più importante è la partecipazione al voto, perché è lo strumento più forte contro i nemici''. Quali nemici?. ''Purtroppo l'Iran di nemici ne ha tanti, troppi. Contro di loro la partecipazione al voto può fare più delle armi. Così il popolo può dimostrare la sua forza''.

Un uomo con il figlio per mano, rimasto finora a osservare, si avvicina con un ampio sorriso e, in inglese impeccabile, dice: ''Il 90% degli iraniani è insoddisfatto di Rohani'', facendo capire la sua scelta per Raisi, pur non dichiarandola. 

(Ats)

Mondo

In 600mila alla Parata degli immortali

(LE FOTO) Record di presenze alla marcia di Mosca in cui cittadini sfilano con i ritratti dei parenti che hanno combattuto la seconda guerra mondiale. Presente anche Putin.

Mondo

Autostrade italiane: sciopero dei casellanti

Da lunedì sera alle 22.00 fino a martedì alle 22.00, possibili disagi.

Mondo

È morto Cino Tortorella

L'ex mago Zurlì, che per tanti anni ha legato il proprio volto e la propria attività allo Zecchino d'oro, a giugno avrebbe compiuto 90 anni. 

Mondo

Gli scozzesi legati al Regno Unito

Brutto colpo per la Sturgeon e il suo referendum. Il 57% degli scozzesi non vorrebbe infatti l'indipendenza e intanto cresce anche il loro '"euroscetticismo …

Mondo

Il Cairo, rinvenute due statue egizie

La prima raffigura il Faraone Ramses. La seconda Seti II. Entrambi i manufatti sono stati ritrovati in un quartiere popolare della capitale egiziana. 

Mondo

Orrore allo zoo di Parigi

Un rinoceronte è stato ucciso e il suo corno tagliato con una motosega nella notte nello zoo di Thoiry. È la prima volta che capita una cosa del genere in una …

Mondo

Cooperazione tra Salvini e Putin

La Lega Nord italiana e il partito del presidente russo, Russia Unita, hanno siglato a Mosca un accordo di collaborazione a vari livelli.

Mondo

Estratto il diamante più grande d'Europa

È di 181,68 carati ed è stato trovato in una miniera di Arkhanghelsk, in Russia nord-occidentale.

Mondo

Francesco Gabbani trionfa a Sanremo

La sua "Occidentali's Karma" si impone sul palco dell'Ariston. Seconda la favorita Fiorella Mannoia con "Che sia Benedetta", terzo classificato …

Mondo

Il carnevale di Rio sarà "censurato"

Gli organizzatori hanno deciso di bandire battutacce e frasi a doppio senso per evitare che qualcuno si senta offeso o, peggio, discriminato.

Mondo

Inaugurato il volo più lungo al mondo

A partire da oggi, lunedì, la Qatar Airways offre il collegamneto da Doha a Auckland, per una distanza di oltre 14.500 chilometri, in più di 16 ore. 

Mondo

Danimarca verso un ambasciatore digitale

Per il Paese scandinavo serve una figura istituzionale per dialogare al meglio con aziende come Apple, Google o Microsoft, più ricche di molte Nazioni.

Mondo

"Per favore puoi salvare i bambini della Siria?"

La commovente lettera aperta di Bana Alabed, la bambina siriana di 7 anni nota in tutto il mondo per i suoi tweet da Aleppo, al neo-presidente americano Trump.

Mondo

Un centro per le tartarughe marine del Mediterraneo

Aprirà domani ed è il più grande del Mediterraneo. Si trova a Portici in provincia di Napoli e potrà ospitare fino a 100 tartarughe all'anno. …

Mondo

Si è spento Roman Herzog

L'ex presidente della Germania dal 1994 al 1999 è morto a Berlino all'età di 82 anni.

Mondo

Pronta la Salerno-Reggio Calabria

Dopo 55 anni sono terminati i lavori di realizzazione della nuova arteria autostradale, percorribile tutta a tre e due corsie per senso di marcia con standard autostradali.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

bellinzon-1.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg