Home > Mondo

"Unione Europea all'ultima spiaggia"

21.12.2017 - aggiornato: 21.12.2017 - 16:02

Il Governo nazionalista di Kurz: minaccia o occasione? Risponde l’analista Fausto Biloslavo: "L’Europa non può limitarsi a demonizzare Vienna. Deve rifondarsi".

Il premier austriaco Kurz incontra il presidente della Commissione UE Juncker.

© EPA/STEPHANIE LECOCQ

di Leone Grotti

 

«Il nuovo Governo austriaco rappresenta l’ennesimo campanello d’allarme che risuona dentro l’Unione Europea e potrebbe anche rivelarsi una benedizione. Ma solo se Bruxelles ascolterà, rinunciando a imbastire la solita campagna di demonizzazione ideologica. Altrimenti l’Europa come la conosciamo potrebbe scomparire molto presto». Fausto Biloslavo, analista del quotidiano italiano Il Giornale, non si fa ingannare dalle apparenze.

Lunedì il giovanissimo neo cancelliere Sebastian Kurz è volato in Europa per rassicurare il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sulle intenzioni dell’Austria di rimanere nell’Ue. Non poteva fare altrimenti, anche se le parole sbiadiscono davanti ai fatti. Il Governo austriaco, che ieri è stato benedetto ufficialmente dal presidente Alexander Van der Bellen, è infatti formato oltre che dal Partito popolare del cancelliere 31enne, anche dai nazionalisti di destra del Fpö (Partito della Libertà), formazione oltranzista che vede l’Ue come il fumo negli occhi. L’alleanza non lascia presagire niente di buono per l’Europa anche se, spiega Biloslavo al GdP, Bruxelles non dovrebbe lasciarsi sfuggire l’occasione.

Più che un’occasione, il Governo austriaco non rappresenta una minaccia?

È chiaro che se Kurz si è tenuto le deleghe sui rapporti con l’Ue è per non lasciarle in mano al suo ministro degli Esteri, Karin Kneissl, esperta di diritto internazionale che in passato ha definito Juncker «cinico e arrogante». Tanto per capire l’odio del personaggio verso l’Europa.

Come si muoverà Vienna?

Si attesterà spesso sulle posizioni euroscettiche del Gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia). Si opporrà a ogni piano di ricollocamento dei migranti e farà melina per bloccare sul nascere qualsiasi tentativo di revisione degli accordi di Dublino, mettendo così nei guai Italia e Grecia, dove approdano quasi tutti i disperati che cercano rifugio in Europa.

Da luglio a dicembre 2018 sarà proprio l’Austria a esercitare la presidenza del Consiglio dell’Unione europea. Cosa dobbiamo aspettarci?

Sicuramente meno integrazione europea e meno solidarietà. Il partito nazionalista Fpö, inoltre, si è gemellato con la Russia Unita di Vladimir Putin. È facile prevedere che l’Austria cercherà di revocare le sanzioni che l’Ue applica contro Mosca. Questo è un obiettivo condiviso da molti Paesi visto il danno economico che le sanzioni causano sia all’Europa che alla Russia. Almeno per sei mesi quindi il baricentro dell’Ue si sposterà un po’ più verso Est, in piena rotta di collisione con l’attuale establishment europeo. Non a caso la Germania è preoccupata.

Vienna insomma allargherà le divisioni nell’Ue. Dove sarebbe allora  l’occasione?

L’Europa si sta già sgretolando e io credo che se non cambierà in modo radicale, scomparirà molto presto, almeno nella forma in cui la conosciamo ora. Non avevamo bisogno della Brexit e della Catalogna per capire che l’Ue non piace a una larga parte dei suoi cittadini. Gli euroburocrati non possono più fare finta di niente. L’integrazione basata solo sull’Euro, cioè sui soldi, e il rifiuto delle radici cristiane sono stati errori clamorosi. Il buonismo e il politicamente corretto che vanno per la maggiore a Bruxelles distruggeranno l’Unione. Il caso austriaco può aiutare i vertici  a svegliarsi.

 Anche gli Stati Uniti di Donald Trump sembrano considerare irrilevante l’UE...

Questo è un altro fattore positivo perché potrebbe spingere Bruxelles a capire una buona volta che l’Europa non è costretta a fare sempre e solo gli interessi americani. L’Ue dovrebbe essere una super potenza con un suo esercito e una sua politica estera, invece su tutti i dossier che contano, dalla Siria all’Iraq, va  sempre al traino degli USA. San  Giovanni Paolo II disse che l’Europa si estende dall’Atlantico agli Urali e forse ci stiamo accorgendo che ci conviene recuperare il rapporto con la Russia.

Che cosa dovrebbe fare l’Europa per rispondere positivamente al pungolo austriaco?

Rifondarsi, perché non bastano piccole riforme isolate o interventi cosmetici. La galassia radical chic che siede a Bruxelles è già partita con una campagna di demonizzazione ideologica contro Vienna legata più al Novecento che al 2017. L’Austria rappresenta un campanello d’allarme. L’Europa ha il dovere di ascoltarlo.

 

Mondo

Morta la cantante dei "The Cranberries"

La 46enne Dolores O'Riordan è scomparsa "improvvisamente" a Londra, ha fatto sapere il suo agente, senza tuttavia indicare le cause del decesso.

Mondo

Il castello con 6'500 proprietari

L'operazione di crowdfounding per salvare la struttura ha raccolto 500mila euro. Ogni donatore è diventato in questo modo non solo azionista, ma anche co- …

Mondo

È morto Johnny Hallyday

Il più popolare musicista di Francia combatteva da tempo contro un tumore ai polmoni. Nonostante la malattia mantenne l'impegno di cantare in tournée l' …

Mondo

Germania: si torna al passato?

Il presidente Steinmeier convoca i capi dei partiti giovedì prossimo e spinge perché torni la Grosse Koalition tra CDU e SPD.

Mondo

Sopravvive all'Olocausto, a 102 anni incontra il nipote

Il resto della famiglia era stato deportato dal ghetto. Per decenni è stato convinto che fossero morti tutti, invece suo fratello si era salvato e aveva avuto un …

Mondo

A 280 km/h invece di 120

È successo a Neuenburg, in Germania, a 30 km dal confine svizzero, e il pirata della strada è un 18enne domicilato a Basilea Città. 

Mondo

È morto Malcom Young

È stato il chitarrista e fondatore, assieme ad Angus, degli AC/DC, noto gruppo musicale  …

Mondo

In beneficenza la Lamborghini del Papa

L'auto consegnata a Francesco dai vertici della casa automobilistica verrà battuta all'asta e il ricavato andrà a favore della realizzazione di tre …

Mondo

Da sogno a realtà: i veri supereroi

(FOTO E VIDEO) Il fotografo Josh Rossi ha donato superpoteri a sei bambini con gravi malattie e disabilità: "Sono le nostre debolezze che ci rendono forti".

Mondo

Bill Gates e la città smart nel deserto

Il "papà" di Microsoft avrebbe investito quasi 80 milioni di dollari per un'area in Arizona con l'obiettivo di costruire una cittadina, Belmont, basata …

Mondo

Il terzo "royal baby" atteso per aprile

Lo ha annunciato Kensington Palace, sottolineando che i duchi di Cambridge sono molto felici per la nuova maternità. Kate intanto continua a soffrire per le nausee.

Mondo

Addio ad Aldo Biscardi

Il noto giornalista sportivo italiano, che aveva creato la trasmissione "Il processo del lunedì", è scomparso a quasi 87 anni. Era ricoverato da qualche …

Mondo

Frida, il labrador simbolo di speranza

In Messico è una celebrità: ha 7 anni e lavora accanto ai soccorritori per ritrovare persone rimaste intrappolate sotto le macerie. Ha salvato finora 52 vite.

Mondo

È morto Gastone Moschin

L'attore italiano ha partecipato a molti film tra cui Amici Miei, il secondo capitolo de Il Padrino e Milano Calibro 9. 

Mondo

Treno deraglia in India, 4 morti

Sei carrozze sono uscite dai binari nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh. Il bilancio delle vittime potrebbe peggiorare dato che ci sono anche 50 feriti.

Mondo

Malala ammessa a Oxford

L'attivista pakistana, premio Nobel per la Pace 2014, ha annunciato che studierà politica, filosofia ed economia.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg