Home > Mondo

Un viaggio tra gli yazidi, gli “ultimi tra gli ultimi”

10.10.2014 - aggiornato: 11.10.2014 - 12:54

Contro di loro, l’Isis -  che ingiustamente li considera adoratori del diavolo - s’è scagliato con particolare ferocia. La nostra inviata in Iraq ha incontrato alcune famiglie.

Alcune famiglie di yazidi vivono tra le mura di palazzi in costruzione nel bel mezzo del nulla. Mancano di tutto, e dipendono dagli aiuti che ogni tanto qualcuno porta loro.

da Erbil, maria acqua simi

 

Usciamo da Erbil con un pulmino preso a noleggio, un po’ scassato ma funzionale alle strade curde: buche che sono voragini, traffico scomposto, check point ogni mezzo chilometro e come sempre tanta polvere. Bastano venti minuti di macchina per trovarsi nel nulla. E lì, nel nulla, vedere ergersi decine di costruzioni in cemento. Sono l’ossatura di palazzi che Dio solo sa quando vedranno la luce e che per ora ospitano - per gentile concessione dell’imprenditore - una decina di famiglie yazide.

Gli yazidi sono arrivati in Iraq dopo i cristiani, ma la loro religione è tra le più antiche che esistano: una sorta di culto zoroastriano dove il fuoco è centrale. Gente pacifica, che nei secoli si è insediata sul monte iracheno del Sinjar. Sharbel, un amico siriaco che mi fa da angelo custode, racconta che il nome deriva da una particolare pianta di caffè verde, molto aromatico, di cui la zona del Sinjar è piena. Una zona ricca anche di fichi, cachi e miele di cui la gente locale era un grande produttore. Prima dell’arrivo dell’ISIS. I miliziani hanno distrutto alveari, case, chiese, raccolto. 

E sugli yazidi si sono gettati con particolare ferocia: ne hanno uccisi migliaia perché «li considerano gli adoratori del diavolo. Ovviamente non è così. Ma per i daesh gli yazidi sono peggio dei cristiani. Noi abbiamo il “privilegio” di poter abiurare e passare all’islam. Loro no e vanno uccisi subito», mi racconta Havas, l’autista cristiano caldeo che ci sta accompagnando. A lui gli jihadisti hanno portato via ogni cosa, ma quello che non gli dà pace sono le sue trenta colombe. Fuggito di fretta dal suo villaggio con moglie e due bambini, ha lasciato il suo negozio, la sua casa e le sue 30 colombe nelle mani degli uomini del Califfo. 

Il suo racconto si interrompe. Siamo arrivati. Una bambina ci corre incontro. Poi piano piano da quei buchi di cemento, senza finestre e porte, arrivano tutti. Ci offrono tè caldo e caffè, come si usa qui. Il dialogo è breve: ci dicono cosa serve e non parlano molto di cosa è successo la notte che sono fuggiti. La bambina mi si accoccola in grembo. «Quanti anni hai?». «Cinque». «Vuoi andare a scuola?». «No, voglio aiutare mia mamma. Però mi fai disegnare?». Strappo una pagina dal mio taccuino e le do la penna. Scarabocchia qualcosa e poi scappa col foglio. 

Anche noi scappiamo, per andare nel suk musulmano del centro di Erbil a comprare all’ingrosso coperte, pannolini, cibo. La trattativa sui prezzi dura ore. Gli aiuti ai rifugiati arrivano così, non c’è altro modo.

Alla sera riprendiamo la strada sfatta e torniamo dalle famiglie yazide con un po’ di generi di conforto. Siamo tornati e questo li rende meno sospettosi. Così uno di loro, nove figli e una lunga tunica grigia, racconta che tra tutte le dieci famiglie rifugiate lì, sono state perse o uccise almeno venti persone. Non raccontano i dettagli, tranne uno: anche le donne incinte non sono state risparmiate. E che sul monte Sinjar ci sono ancora centinaia di famiglie intrappolate.

«Di molti non sappiamo più niente da settimane. Di altri sappiamo che stanno combattendo insieme ai curdi dello YPG e del PKK contro l’ISIS. Ma gli aiuti non arrivano. L’ONU ha mandato un solo aereo di aiuti lassù. Solo uno!». Il dato non è verificato, ma se fosse così - penso tra me - difficilmente dopo due mesi senza acqua e cibo gli yazidi intrappolati potranno essere ancora vivi. Sto in silenzio. Un altro capofamiglia spiega che possono stare rifugiati qui perché i suoi figli lavoravano come muratori per la costruzione e che il padrone, saputo della fuga dal Sinjar, ha concesso loro di accamparsi tra gli infissi. 

La bambina del disegno si riaffaccia tra i mattoni grigi a vista. Non l’avevo vista per tutta la sera. «Hallo, vieni qui». Si avvicina, le do un altro foglio. Scrivo due appunti. Lei mi fissa. «Vuoi andare a scuola e imparare a scrivere come faccio io?». Ride. Una risata schietta. Sonora. La risata dei bambini. E io capisco, senza retorica, che non tutto è perduto.

 

Articoli correlati

Reportage. «Ci manca tutto, ma abbiamo la fede»

Reportage da Erbil. «Dio ci ha mantenuti vivi»

 

Mondo - Italia

Assalto ad un portavalori sulla A14

Il blitz in autostrada, nei pressi del casello di Cesena. Un commando di 5 persone su tre SUV ha assalito il mezzo blindato. Malviventi in fuga, caos in autostrada. Bottino di …

Mondo - Terrorismo

Moutaharrik resta in carcere

Il Tribunale del riesame di Milano nega la libertà al 28enne kickboxer di origini marocchine arrestato con la moglie e altri due connazionali poiché sospettato di …

Mondo - Varo

La nave da crociera più grande al mondo

(LE FOTO) La ''Armonia dei Mari", salpata oggi per il suo viaggio inaugurale da Saint-Nazaire, può trasportare fino a 6 …

Mondo - Incontro

A colloquio col re del Bahrein

Il presidente della Confederazione, Johann Schneider-Ammann incontrerà il sovrano del piccolo regno del Golfo, Hamad Bin Isa Al Khalifa, allo scopo di rafforzare le …

Mondo - Polemica

"Abolire la banconota da 1000 franchi"

Lo chiede l'ex segretario del Tesoro statunitense, Lawrence Summers, secondo il quale la Svizzera, dopo la recente abolizione dei 500 euro, "non deve trarre profitto …

Mondo - Italia

Un giovane su due non legge mai

È quanto emerge dal Rapporto di Save the Children "Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo …

Mondo

Morto l'ultimo sopravvissuto di Pearl Harbor

Si tratta di Kaname Harada: aveva 99 anni ed era un pilota di caccia dell'aviazione giapponese. Dopo la …

Mondo - Dati Europol

Traffico di migranti, fatturato miliardario

Secondo l'Europol si tratta del mercato criminale in più rapida ascesa in Europa. Solamente l'anno scorso, le reti che gestiscono tale traffico hanno fatturato …

Mondo - Giustizia USA

Banche chiamate alla cassa

Sette grandi istituti attivi negli Stati Uniti, fra cui anche Credit Suisse, pagheranno 324 milioni di dollari per metter fine ad una causa avviata nei loro confronti per …

Mondo - Primarie USA

Ted Cruz getta la spugna

Il principale avversario di Trump in casa repubblicana ha annunciato il suo ritiro dalla campagna elettorale, spianando la strada per la candidatura del tycoon alla Casa Bianca …

Mondo - Intervista

Un'amicizia più grande della guerra

Intervista a padre Ibrahim, parroco di Aleppo. La situazione nella città è crollata: oltre 250 i morti, migliaia i feriti, centinaia i civili in fuga. " …

Mondo - Dopo quasi 60 anni

Una nave da crociera all'Avana

Non capitava dal 1959 che un'imbarcazione partita dagli Stati Uniti si recasse, per una delle sue tappe, a Cuba. Si tratta di un evento …

Mondo - Fontana di Trevi

Rossa come il sangue dei cristiani perseguitati

Grazie a un gioco di luci, la Fontana di Trevi a Roma si è tinta ieri di rosso per l'iniziativa promossa da Aiuto alla chiesa che soffre. "I cristiani …

Mondo - Bergen

Precipita elicottero in Norvegia: tutti morti

La tragedia è avvenuta nella cittadina di Bergen, sulla costa atlantica. A bordo del velivolo vi sarebbero state 13 persone. Nessuno sarebbe sopravvissuto allo schianto …

Mondo - Tibet

Muore uno svizzero sull'Himalaya

L'alpinista sarebbe scivolato in un crepaccio assieme al compagno di cordata austriaco, durante l'ascesa dello Shisha Pangma. Entrambi gli scalatori non sono …

Mondo - Musica

Morte di Prince, domani l'autopsia

L'artista è deceduto ieri nella sua casa di Minneapolis. La causa della morte sarebbe legata all'abuso di stupefacenti, ma rimangono molti i misteri.

Accesso e-GdP

banner_speciale_alptransit.png

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

banner_libano.jpg

banner_sinodo_famiglia.jpg

banner_pinacoteca_zuest_primavera_2016.png 

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg

X
Sichere Anmeldung

Diese Anmeldung ist mit SSL Verschlüsselung gesichert