Home > Ticino e Regioni > Luganese

Un castello pieno di storia di cui restano rari ricordi

21.07.2014 - aggiornato: 21.07.2014 - 07:00

Aggiornata l'app "Luganow" per rivivere l’incanto e gli antichi splendori dell’immensa villa che sorgeva a Trevano.

L'entrata principale del castello. (foto Graziano Gianinazzi)

Dove un tempo sorgeva l'edificio principale, ora ci sono vari stabili della SUPSI. (foto Luganow.ch)

Il Belvedere, con vista sulla città di Lugano, presentava una scala ornamentale con serre. (foto G. Gianinazzi)

Il Belvedere allo stato attuale. (foto Luganow.ch)

Per festeggiare la prima annata dell’app per smartphone “Luganow”, gli ideatori Ramon Montanes-Rossi e Loris Trotti hanno ampliato l’offerta del servizio, inserendo tra i punti di interesse cittadini anche il meraviglioso Castello di Trevano. L’applicazione gratuita, che sfrutta la tecnologia della realtà aumentata, funziona in modo molto semplice: basta attivarla e puntare il proprio cellulare verso uno dei vari luoghi di Lugano memorizzati nel sistema e in un istante, sullo schermo, appare lo stesso luogo così com’era tanti e tanti anni fa. Uno strumento, insomma, capace di calare il fruitore in un paio di click nella “Lugano del buon tempo” (così come avrebbe detto lo storico Mario Agliati).

Fino a poco tempo fa, il servizio era concentrato all’interno dei limiti geografici stabiliti da LAC e Casinò, con ampio spazio dedicato al centro cittadino. «La scelta di arricchire l’offerta di punti di interesse con il Castello di Trevano - affermano i due promotori - per certi versi era scontata quanto irrinunciabile, dal momento che quella zona, in passato, si distanziava profondamente per estrazione estetica e culturale dalla funzione attualmente assunta dagli stabili di Scuole medie, Centro professionale e SUPSI... al contrario non propriamente modelli di bellezza e splendore. Ma, al di là dell’aspetto esteriore di incredibile pregio, siamo convinti che anche le peculiarità della tenuta (come ad esempio il fatto che il parco botanico era uno dei più grandi della Svizzera e del nord Italia) o le attività musicali e culturali che prendevano voce in quel luogo vadano rese note al pubblico, specialmente ai giovani che oggi frequentano il Centro scolastico di Trevano e che forse non immaginano cosa c’era una volta in quello stesso posto».

Ma come sarebbe Lugano se il Castello di Trevano ci fosse ancora? «Quando il Castello venne fatto esplodere  nel 1961, la sensibilità verso siffatti monumenti storici doveva essere davvero bassa. Oggi, fortunatamente, esistono norme a tutela di edifici di pregio simili, anche se purtroppo talvolta non bastano a salvarli dalle ruspe (si veda villa Branca a Melide ecc.). Ad ogni modo, se il Castello di Trevano ci fosse ancora, Lugano godrebbe di un elemento d’attrattiva importantissimo, e probabilmente l’asse turistico cittadino si estenderebbe dal centro a Trevano per via direttissima». Per l’allestimento dell’aggiornamento, hanno collaborato (con la cessione di preziosi consigli e di materiale fotografico di qualità) anche lo studioso di Canobbio Graziano Gianinazzi e la Galleria Jansonius di Lugano.

Il declino di un regno
Il Castello di Trevano è stato costruito tra il 1872 e il 1876 dal ricchissimo barone russo Paul von Derwis (1826-1881), e costò oltre 12 milioni di franchi! Il palazzo principale - detto “Castello” perché edificato sulle rovine di un castello medievale - era accompagnato da diverse dépendances (stalla per cavalli, selleria, rimessa per le carrozze, atelier dell’ebanista e del maniscalco), ed era circondato da uno dei più grandi parchi della Svizzera e del nord Italia (misurava dieci ettari, quasi il doppio del parco Ciani). L’immenso giardino, illuminato da 400 lampioni a gas cesellati, era ricco di piante esotiche, fontane, statue, ed era pure fornito di serra riscaldata, sale da bagno, piscina con docce, un acquario a sette vasche e gallerie sotterranee comunicanti. A valle due laghetti, uno destinato alla pescicoltura e a fornire il ghiaccio per la nevera, l’altro (presso l’attuale poligono di tiro) destinato allo svago.

Dopo la morte di Derwis, il Castello conobbe alcuni passaggi di mano rimanendo pressoché disabitato, sin quando non fu acquistato nel 1900 dall’imprenditore e musicista Louis Lombard (1861-1919) che ne approntò una completa ristrutturazione. Lombard proseguì l’attività musicale avviata dal barone, e diresse molti spettacoli con musicisti della Scala di Milano. I concerti si tenevano sia nella grande sala all’interno del palazzo, oppure in giardino. Lombard, francese all’anagrafe, nel 1887 divenne cittadino americano, per questo durante la prima guerra mondiale ospitò al Castello il consolato degli Stati Uniti, rivestendo la carica di vice console americano in Svizzera.

Nel 1933, 14 anni dopo la morte del Lombard, il Castello divenne proprietà del Canton Ticino, che pensò di convertirlo in un grande albergo. Ma non se ne fece nulla. Durante la seconda guerra mondiale vi trovarono ristoro rifugiati di guerra, stranieri e disertori. Il 31 ottobre del 1961 venne abbattuto da 230 kg di esplosivo. Tre anni dopo sorse il Centro scolastico di Trevano, dall’estetica tutt’altro che nobile. Www.luganow.ch. (RED)

Luganese

Appuntamento a Lugano con ArteCasa

Al via oggi, venerdì 6 ottobre, la 55esima edizione della fiera che ospiterà circa 150 espositori in sei padiglioni tematici. Il tutto fino a domenica 15 ottobre …

Luganese

L'Uganda raccontato da giovani ticinesi

Sabato 7 ottobre, al Centro San Giuseppe di Lugano, il gruppo della Pastorale giovanile partito per il Paese centrafricano porta la propria testimonianza diretta.

Luganese

Linea Lugano-Agno interrotta di notte

Le Ferrovie Luganesi SA (FLP) faranno importanti lavori da domenica 1. ottobre a giovedì 5 ottobre, dalle 21 a mezzanotte e mezza. Previsti bus sostitutivi. 

Luganese

50 anni di scout a Breganzona

Una Messa da campo sabato 30 settembre per sottolineare l’occasione e festeggiare con tutta la popolazione.

Luganese

In Municipio, un assaggio del "cibo del futuro"

Dal 1. maggio in Svizzera è possibile la vendita di insetti a scopo alimentare. Tanti gli scettici, ma i municipali di Lugano hanno dato un assaggio a questo "fanta …

Luganese

Per il CSCS 5 anni con lustro

Era il 31 agosto del 2012 quando Alain Berset tagliò il nastro della nuova sede a Cornaredo, che con il trasloco in Città ha compiuto un ulteriore salto di qualit …

Luganese

Auto della Posta prende fuoco

(LE FOTO) È successo sulla strada cantonale a Mezzovico. Il conducente, accortosi di quanto stava accadendo, è riuscito a mettersi in salvo per tempo.

Luganese

Il travolgente ritmo di Blues to Bop

Da giovedì 24 a domenica 27 agosto ritorna a Lugano il grande appuntamento con il tradizionale Festival, che porta in scena proposte sempre originali.

Luganese

A Lugano con il camper: ora si può

(LE FOTO) Inaugurata oggi, lunedì, l'area di sosta da otto posti nell'ex parcheggio del Parco Tassino.

Luganese

Un'altra centenaria a Paradiso

Con la signora Pierina Tomasini ad oggi sono 4 i centenari presenti alla CpA di Paradiso.

Luganese

Cucciolata ticinese di cani guida

Si tratta dei primi cuccioli della fondazione romanda nati in Ticino. I 9 cuccioli di Golden retriever sono nati a luglio e sono destinati a diventare cani guida per ciechi.

Luganese

La fattoria Alma diventa cosmopolita

Dal 23 luglio al 5 agosto l’azienda di Breno ospita 6 giovani volontari provenienti da diversi Paesi. Si tratta di un progetto sociale promosso dal Servizio civile …

Luganese

Asilo a Molino Nuovo: si parte

(LE FOTO) Pubblicata la domanda di costruzione della scuola dell'infanzia. Stimato un costo di 13,7 milioni. Previsto anche il riordino dei campi rionali e dello …

Luganese

Lugano, smaltimento acque sussidiato

In arrivo un credito di 884mila franchi dal Cantone. "Lo smaltimento delle acque - si rileva - deve essere periodicamente aggiornato". La parola al Gran …

Luganese

A Lugano emerge una... cannuccia!

È finalmente apparsa la grande mascotte del LongLake festival, alta ben 7 metri.

Luganese

Una vita dedicata alla scuola

INTERVISTA - La docente di Savosa Sandra Piccioli andrà in pensione dopo ben 41 anni di attività: "Ho iniziato all’età di 19 anni e ho concluso …

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg