Home > Svizzera

«Sosteniamo la famiglia, però il matrimonio…»

12.11.2014 - aggiornato: 12.11.2014 - 09:08

La Commissione dell’economia e dei tributi del Consiglio nazionale propone un controprogetto diretto all’iniziativa “Per il matrimonio e la famiglia". Marco Romano (PPD): «Credo che questi passi siano da dipingere come delle derive».

Con un solo voto di scarto (13 a 12), la Commissione dell’economia e dei tributi del consiglio nazionale (CET-N) propone un controprogetto diretto all’iniziativa popolare del PPD “Per il matrimonio e la famiglia - No agli svantaggi per le coppie sposate”. Rispetto alla proposta dei democristiani, il controprogetto non contiene alcuna definizione di matrimonio. La CET-N raccomanderà al plenum, che tratterà questo dossier in dicembre, di respingere l’iniziativa popolare.

 

La consultazione

La CET-N si era già espressa, in una seduta anteriore, a favore di un controprogetto diretto. Tuttavia, prima di decidere definitivamente sul suo contenuto aveva preferito svolgere una consultazione tra i Cantoni, i partiti politici rappresentanti alle Camere federali e le organizzazioni nazionali di difesa degli omosessuali (Pink Cross e LOS).

Secondo una note diramata ieri dai Servizi del Parlamento, il testo adottato definitivamente corrisponde a quello posto in consultazione. La maggioranza della CET-N vuole quindi la soppressione della disparità di trattamento dal profilo fiscale tra coppie sposate e coppie non sposate, lasciando la possibilità alle persone sposate di passare all’imposizione individuale.

 

Quest’ultimo aspetto, assieme all’assenza di qualsiasi definizione di “matrimonio” nel controprogetto diretto, si scosta dal testo dell’iniziativa popolare del PPD.
Alcune cerchie hanno giudicato discriminatoria la nozione di matrimonio quale «durevole convivenza, disciplinata dalla legge, di un uomo e di una donna» contenuta nel testo democristiano. Da qui la decisione della CET-N di consultare organizzazioni come Pink Cross e LOS che rappresentano gli interessi degli omosessuali.

In merito alla definizione di matrimonio inclusa nell’iniziativa, in una riposta del 20 febbraio scorso a un’interpellanza di Adèle Thorens (Verdi/VD), il Consiglio federale sosteneva che la definizione sotto accusa non fosse discriminatoria nei confronti delle coppie omosessuali che vivono in unione domestica registrata.

Per comprendere meglio il motivo per il quale proporre un controprogetto, abbiamo contattato il consigliere nazionale Marco Romano (PPD/TI). Romano ci ha spiegato che la decisione della Commissione del Nazionale «è un bruttissimo segnale per la famiglia. Io credo che nella società di oggi questi passi siano da dipingere come delle derive». Come detto, alcune critiche si riferivano alla definizione del termine matrimonio all’interno del testo. L’iniziativa, infatti, definisce il matrimonio come «l’unione tra un uomo e una donna». «Ma questo è già riconosciuto nel codice civile», risponde Romano. «Si coglie semplicemente per l’ennesima volta l’occasione per riaprire la discussione sulla famiglia in Svizzera, che nella Confederazione è già riconosciuta come l’unione tra un uomo e una donna. Poi ci sono altre unioni riconosciute. Questo attacco, quindi, è strumentale».

Secondo il consigliere nazionale, questo «attacco alla famiglia» mostra «che l’approccio fiscale è sempre più individuale e non riconosce più l’unità della famiglia. Marito e moglie vengono tassati separatamente, il che rende la situazione difficile. Di chi è la casa? In quale percentuale uno è proprietario della casa? È l’ennesima relativizzazione della famiglia».

Marco Romano sottolinea che il testo del PPD intendeva risolvere un’ingiustizia che esiste da sempre, confermata tra l’altro anche da una sentenza del tribunale federale del 1984. «Il testo del PPD dice che è ora che una coppia sposata paghi pari a una coppia convivente. la risposta deve essere sì o no, non un controprogetto», afferma il consigliere nazionale.

(ATS/RED)

Svizzera

Un morto per una manovra azzardata

L'incidente, avvenuto a Oberglatt (ZH), ha coinvolto due auto che si sarebbero sorpassate più volte. Una di esse è poi uscita di strada e l'autista …

Svizzera

Un sorriso per riflettere sulle... uguaglianze

(IL VIDEO) La nuova campagna di Pro Infirmis "Siamo tutti uguali. Nessuno è più uguale" mostra situazioni imbarazzanti in cui proprio tutti siamo gi …

Svizzera

IKEA ritira la bicicletta SLADDA

Sono infatti giunte all'azienda 11 segnalazioni di incidenti, dovuti a problemi alla catena che rischia di rompersi, che in due casi hanno causato lesioni lievi.

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg