Home > Andrew Bird - Hands Of Glory (2012)

Andrew Bird - Hands Of Glory (2012)

02.12.2013 - aggiornato: 18.12.2013 - 19:23

Spesso la genialità artistica dei musicisti dura tre o quattro dischi, cinque o dieci anni al massimo. Per Andrew Bird non è così. Non è affatto così. Un disco sincero e genuino, intimo e coraggioso. Da non perdere.

 

hands_of_glory_cover_0_ts.jpg

Autore: Andrew Bird
Titolo: Hands Of Glory
Anno: 2012
Etichetta: Mom + Pop

 

Una sorpresa dopo l’altra. Spesso la genialità artistica dei musicisti dura tre o quattro dischi, cinque o dieci anni al massimo. Per Andrew Bird non è così e, di fatto, ogni singolo disco dal 1996 (anno in cui debuttò con Music Of Hair) a oggi rappresenta una piccola perla nella collezione degli appassionati di musica indie, alt-folk e americana. Anche Hands Of Glory (pubblicato nel 2012 come “ep gemello” del più quotato Break It Yourself) non si smentisce. Per Bird – nato e cresciuto nell’Illinois – si tratta probabilmente del disco più legato alla tradizione musicale statunitense. Il più “roots”, il più “country” e, in un certo senso, anche del disco più intimo e diretto. Non a caso sia Break It Yourself che Hands Of Glory sono stati registrati in un vecchio granaio (il suo vecchio granaio… ) trasformato in studio di registrazione. C’è qualcosa in questo disco che ricorda “Music From Big Pink” di The Band, forse semplicemente il fatto di essersi isolati in piana campagna e di averne tratto ispirazione. Ma si percepisce chiara e forte la sincerità dell’album, il coraggio di registrate e pubblicare qualcosa che “non sia speciale per forza”. Cosa che alla fine, inconsapevolmente, trasforma il disco nel suo principale punto di forza. Hands Of Glory raccoglie almeno (almeno!) quattro capolavori: Three White Horses, Spirograph, la dolcissima If I Needed You e Orpheo. Quattro capolavori su otto titoli… . Non rimane che aspettare il prossimo disco e lasciarsi sorprendere di nuovo. 

(j.r.)

 

 

Guardate il video di “Three White Horses”:


 

 

Volete saperne di più su Andrew Bird? Ecco alcuni link:

http://www.andrewbird.net
https://soundcloud.com/andrewbird
http://www.momandpopmusic.com/
 

 

 

 
33 giri in 1500 battute

The Milk Carton Kids: The Ash & Clay (2013)

La sfortuna di questo album (che ha ricevuto recensioni abbastanza negative in Europa) è quella di essere capitato in un momento in cui …

33 giri in 1500 battute

Girls In Hawaii: Everest

Il grande ritorno della band belga (e come parlare male di un disco che ha un pezzo che si chiama "Switzerland"?)

33 giri in 1500 battute

Micah P. Hinson and The Gospel Of Progress (2004)

Salvato dalla musica (esattamente a dieci anni di distanza).

33 giri in 1500 battute

Jason Isbell: Southeastern (2013)

Sarà una frase fatta, ma a volte i musicisti devono per davvero toccare il fondo prima di riuscire a tirar fuori il loro capolavoro.

33 giri in 1500 battute

Bob Dylan: The Times They Are A-Changin' (1964)

Proprio oggi il disco compie 50 anni. Non potevamo che dedicare a Dylan dunque questa puntata di "33 giri in 1500 battute".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg