Home > Rubriche > Dalla ramina con ardore

Non cercate quella casa...

18.02.2014 - aggiornato: 25.11.2015 - 19:04

12.ma puntata. In cui si parla di asini, lumache e Porsche.

Casa unifamigliare. 
Locali: 3 Superficie abitativa: 100 m2 Superficie terreno: 80 m2 
Anno di costruzione: 1900  Prezzo: 250mila franchi! Ma tientela...

di Andrea Finessi

Ho avuto un'idea che non mi fa dormire la notte. Ho gli incubi anche da sveglio se ci penso e quando chiudo gli occhi, flash di inconcepibili immagini mi appaiono davanti. Raccapriccianti immagini ed innominabili numeri, soprattutto. Grossi e illogici numeri a sei cifre, se non sette, per l'esattezza. L'idea è questa: trasferirmi in Ticino. AAAAaahhh... sacrilegio! Tradimento! Serpe delle serpi!

Eh, sì, cari miei, ho avuto questa brillante idea, alla luce del risultato delle ultime votazioni contro l'immigrazione. E' come se mi si fosse acceso un lampadario sulla testa e, alla fine, qualcosa dentro di me che vi dirò tra un po' di tempo (forse) mi ha fatto dire “vai, prima che sia troppo tardi”. Perché ora mi sento come Indiana Jones che deve lanciarsi sotto il portone prima che questo arrivi a terra, tagliandolo via dall'avventura. Solo che devo portare anche frusta e cappello, sennò non ha senso. Non so se è chiaro, ma quello che voglio dire è che devo portarmi anche la moglie, in sostanza.

Oltretutto, i famosi tre anni di tempo prima del contingentamento potrebbero diventare solo dei blablabla, visto che qualcuno ha fretta di chiudere i conti e vuole fare tutto entro sei mesi. Ragione in più per darmi una mossa. Quindi ho cominciato a – sapete come si dice – tastare il terreno, prendere confidenza con le pratiche burocratiche, moduli, scartoffie, ma soprattutto a cercare casa. E qui casca l'asino che, poveretto, finisce sempre dentro quel grande abisso che, ogni tanto, si apre laddove invece dovrebbe esserci una semplice rete metallica e un po' di ramina arrugginita...

Sarà che i mattoni svizzeri sono fatti con una precisione degna di.... dei... della Svizzera, ecco! Però in Ticino il mattone costa quasi quanto un lingotto d'oro, anzi, forse quello costa meno. Certo, i prezzi cambiano da località a località, ma non è che posso trasferirmi in un alpeggio a Peccia che, per quanto incantevole sia, appena entrato nella nuova casa, senza neanche il tempo di togliermi il cappello, mia moglie mi prende alle spalle e mi strangola con la frusta. No, no, ci vuole qualcosa di più vicino al lavoro, a Lugano, tranquillo, ma non troppo, comodo coi mezzi e coi negozi, dal lato soleggiato delle montagne al meriggio e, ovviamente, vista lago, altrimenti non mi trasferisco. Insomma qualcosa di “normale” ho pensato io, chi è che non vede un lago in Ticino? Ovunque ti giri toh! un lago.

Ingenuo. Pretenzioso direte voi, ma ci sono dovuto arrivare da solo, sbattendoci la faccia come contro lo spigolo di una porta quando calcoli male le distanze. Quindi ho cercato un po' su internet. L'unica cosa che mi ha salvato – due volte – è stato il divano su cui ero seduto, quando ho avuto capogiri così forti da pensare all'arrivo di un improvviso tornado. Altro che casellanti della A9! Appartamenti che sembrano la mia cameretta di quando ero bambino venduti al costo di una Porsche! Un monolocale, una Porsche, un bilocale, due Porsche, e così via. Quando poi ho visto arrivare al milione di franchi, è cominciata la tachicardia... E il bello è che anche spostandosi in località meno in vista, diciamo, la cifra scende sì, ma mica tanto.

Niente lago, niet, il n'est pas possible. Con i miei soldi a disposizione, al massimo un rustico a Bigorio, vista su pozzanghera. E anche lì, aprendo un mutuo, anzi, un'ipoteca come dite in Ticino, intestandola a me, ai miei figli, ai nipoti e pure ai pronipoti. Potrei non comprarla, la casa e andare in affitto, come fa l'85% degli svizzeri, ma io sono italiano. E noi siamo come le lumache, che la casa se la portano sempre dietro. Quindi in attesa di una soluzione, continuo a tenermi casa in Italia e ad andare in giro in Porsche (seeee, magari, mica sono Borradori...).

Se volete scrivermi per commentare, offrirmi un appartamento a buon prezzo, o anche solo sfogarvi contro un frontaliere, potete scrivermi ad a.finessi[at]gdp[dot]ch. Ah, e scrivetemi anche se volete abbonarvi alla mia rubrica. È gratis. 

 

 

Articoli correlati:

Il dottor Stranfastidio : ovvero come ho imparato a non preoccuparmi…

Un tetto agli stranieri? Possibilmente vista lago, grazie

La vignetta diabolica

Le arti della sopravvivenza del frontaliere, ruffianeria compresa

La lüganiga democratica

 

Dalla ramina con ardore

L'Arcobaleno che si ferma al confine

La 38.ma puntata. Un atteso ritorno, un treno all’alba, un vagone senza marciapiede, un abbonamento FFS che potrebbe risolvere tutti i …

Dalla ramina con ardore

Meglio qualche franco in meno che un po' di frontalieri in più...

25.ma puntata su quanto sia difficile fare il conduttore del telegiornale e dare certe notizie, ma soprattutto su quanto sia difficile scegliere il male minore, a volte come …

Dalla ramina con ardore

Cinghiali sullo stomaco a go-go

24.ma puntata, sulla bontà del cinghiale in salmì con la polenta e quello che si sa, ma non si dice. E su quel che si dice, nel Mendrisiotto, quando viene il mal …

Dalla ramina con ardore

A ognuno la sua Billag

23.ma puntata sul perché pagare il "canone" sia una necessità per mantenere candido e immacolato il proprio curriculum di onestà... e su quello …

Dalla ramina con ardore

Lavoro domenicale: due parole in disaccordo

22.ma puntata, da leggere per non passare le domeniche come zombi al centro commerciale

Dalla ramina con ardore

Di prurito non si muore, però...

21.ma puntata, sulle confessioni di un sindaco che non soffre di orticaria. 

Dalla ramina con ardore

Naturalizzati si diventa

20.ma puntata. Sull'italiano naturalizzato, per amore o per lavoro. A volte con una punta di amarezza, addolcita dalle Ricola.

Dalla ramina con ardore

Quella gazzosa che manda giù tutto

19.ma puntata sulle bevande che aiutano a mandar giù i bocconi amari della vita, che sia una bruciante sconfitta o il conto del ristorante.

Dalla ramina con ardore

Sederi sotto controllo

18.ma puntata. Sull'importanza di avere un sedere perfetto e... i conti in ordine.

Dalla ramina con ardore

Caro Zali, a proposito dei parcheggi selvaggi...

17.ma puntata, in cui un frontaliere scrive al direttore del Dipartimento del territorio per raccontare la sua versione dei fatti sui "parcheggi selvaggi" a Mendrisio …

Dalla ramina con ardore

E fatevi una risata!

16.ma puntata. Sul senso dell'umorismo elvetico.

Dalla ramina con ardore

Ciciarem un cicinin

15.ma puntata, sulle discreta e riservata "svizzeritudine". Parlando di bollettini meteo, chiacchiere e "paparazzi"

Dalla ramina con ardore

Di carnevale in carnevale, carnescialando

14.ma puntata. Mangiando frittelle, gnocchi e spaghetti cinesi, tante ciance e qualche burla

Dalla ramina con ardore

In strada: cavalcando l'onda verde

Sulle strade ticinesi un inspiegabile fenomeno... inspiegabile per un italiano. 13.ma puntata 

Dalla ramina con ardore

Non cercate quella casa...

12.ma puntata. In cui si parla di asini, lumache e Porsche.

Dalla ramina con ardore

Il dottor Stranfastidio : ovvero come ho imparato a non preoccuparmi…

…e a non odiare (più) i frontalieri. 11.ma puntata de “dalla ramina con ardore”, in cui si parla di deodorante, raffreddore e piccioni.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg