Home > 23 marzo: Piero Chiara

23 marzo: Piero Chiara

23.03.2015 - aggiornato: 02.04.2015 - 08:01

Scrittore nato a Luino, fece del Lago Maggiore il palcoscenico di molti suoi racconti. Dal 1989 il comune di Varese ha istituito e dedicato a lui il Premio letterario Piero Chiara.

 

Piero Chiara. (foto dal web)

Piero Chiara (all'anagrafe Pierino Chiara) nasce a Luino (Varese) sulle rive del Lago Maggiore, il giorno 23 marzo 1913. Coetaneo ed amico di Vittorio Sereni, anch'egli futuro scrittore e poeta, fu studente senza troppa costanza: frequenta diversi collegi religiosi e solo nel 1929 ottiene un diploma di licenza complementare. Di fatto Piero Chiara completerà la propria formazione culturale come autodidatta.

Dopo aver trascorso un periodo di viaggi tra Italia e Francia, nel 1932, anche per accontentare le aspirazioni dei genitori, trova un impiego in magistratura come aiutante di cancelleria. Nel 1936 sposa Jula Scherb, donna svizzera-tedesca da cui ha anche un figlio, Marco. Il matrimonio però finisce dopo poco tempo.

Dopo la breve chiamata alle armi, nonostante il suo disinteressamento alla politica, nel 1944 è costretto a fuggire in Svizzera in seguito ad un ordine di cattura emesso dal Tribunale Speciale Fascista. Qui Piero Chiara vive in alcuni campi dove venivano internati i rifugiati italiani. Terminato il conflitto mondiale, lavora come insegnante di lettere presso il liceo italiano dello Zugerberg. L'anno seguente torna in Italia.

Piero Chiara inizia un periodo di fervida inventiva e creatività letteraria, dove scrive intensi racconti, degni del miglior Giovannino Guareschi o del più celebrato e stravagante Italo Calvino.

Nella sua produzione il lago maggiore fa spesso da palcoscenico ai suoi brevi ed illuminanti racconti. Chiara narra le cose semplici della vita di provincia con uno stile sempre ricco, arguto e ironico. Spesso paragonato al collega Giovannino Guareschi, narratore della bassa padana, Chiara dipinge i tratti della vita dell'alta Lombardia e dei cantoni svizzeri: una vita di frontiera, fatta di contrabbandieri, briganti e fuggiaschi.

Nei suoi libri è importante la descrizione dei luoghi ma soprattutto l'indagine psicologica dei personaggi, la capacità di metterne in evidenza vizi e virtù con un sorriso ironico, spregiudicato ma mai irrispettoso. Il segreto di Chiara è nella sua capacità di raccontare, nella scelta di argomenti anche "scabrosi" (il gioco d'azzardo, l'omicidio, l'adulterio, l'ossessione erotica).

Il successo narrativo conosce il suo apice nel 1976 con il capolavoro "La stanza del vescovo", che diventerà immediatamente un film di grande successo diretto da Dino Risi e interpretato anch'esso da Ugo Tognazzi, insieme a Ornella Muti.

Dopo aver ricoperto numerosi incarichi politici nel Partito Liberale Italiano, Piero Chiara muore a Varese il 31 dicembre 1986, poco dopo aver corretto le bozze del suo ultimo romanzo, "Saluti notturni dal Passo della Cisa", che viene pubblicato nel 1987.

Dal 1989 il comune di Varese ha istituito e dedicato a lui il Premio letterario Piero Chiara.

Oltre che uno scrittore di grande successo, Chiara è ricordato come uno dei più noti studiosi della vita e delle opere dello scrittore e avventuriero Giacomo Casanova. Numerosi sono i suoi scritti su Casanova, raccolti poi nel libro "Il vero Casanova" (1977); sua è la prima edizione integrale di "Histoire de ma vie", l'opera autobiografica del Casanova basata sul manoscritto originale; infine sua è la sceneggiatura dell'edizione televisiva dell'opera di Arthur Schnitzler "Il ritorno di Casanova" (1980).

 

Il personaggio nato oggi

14 gennaio: Giancarlo Fisichella

"Fisico", come viene chiamato dai suoi fans, resta uno dei migliori piloti italiani di Formula 1.

Il personaggio nato oggi

13 gennaio: Marco Pantani

Campione del ciclismo italiano, noto con il soprannome di “Pirata”, ha vinto nello stesso anno (il 1998) un Tour de France e un Giro d’Italia. L'inizio …

Il personaggio nato oggi

12 gennaio: Charles Perrault

Scrittore francese del '600, inventò famossisime favole come "Cappuccetto rosso", "Cenerentola" e "Il gatto con gli stivali".

Il personaggio nato oggi

11 gennaio: Matteo Renzi

Il "rottamatore" che si è fatto strada a spallate nella politica italiana. Giovane e ambizioso, è il Primo Ministro italiano.

Il personaggio nato oggi

10 gennaio: Rod Stewart

Un artista british dal gusto americano. Una icona del rock, dalla voce dal timbro unico capace di farsi apprezzare da un lato all'altro dell'oceano. Uno degli artisti …

Il personaggio nato oggi

9 gennaio: Kate Middleton

Duchessa di Cambridge, è protagonista del matrimonio del secolo con il principe William. Nel 2013 ha dato alla luce George, erede al trono d'Inghilterra. La nascita …

Il personaggio nato oggi

8 gennaio: Elvis Presley

Leggenda del rock, girò 33 film e con la sua voce e il suo carisma fece letteralmente impazzire l'America e il mondo. Avrebbe compiuto oggi 81 anni. 

Il personaggio nato oggi

7 gennaio: Charles Péguy

Brillante saggista, drammaturgo, poeta, critico e scrittore francese, nasce il 7 gennaio del 1873 a Orléans.

Il personaggio nato oggi

6 gennaio: Nek

Il cantante di Sassuolo, che oggi compie 44 anni, ha saputo incantare migliaia di fan con la sua musica dirompente e la sua personalità lontana dagli eccessi. 

Il personaggio nato oggi

5 gennaio: Hayao Miyazaki

Il re dell'animazione giapponese, fondatore dello Studio Ghibli e vincitore di Oscar. Colui che ha portato il personaggio di Heidi in tutto il mondo.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg