Home > Statuto speciale per il nostro Canton Ticino

Statuto speciale per il nostro Canton Ticino

16.03.2015 - aggiornato: 16.03.2015 - 07:30

di Domenico Giglio (Lega dei Ticinesi)

Alla luce del nuovo deleterio accordo che la Confederazione ha parzialmente siglato con l'Italia, trovo imperativo e urgente la richiesta di uno statuto speciale per il nostro Cantone all'interno della Confederazione. Non è una richiesta mascherata da vittimismo o un semplice piagnucolìo, ma è una reale necessità, improrogabile.

Il Ticino ha problematiche che non condivide con altri Cantoni: una su tutte il frontalierato. Si necessita quindi di avere un minimo di potere decisionale in più! Il termine Statuto Speciale farà storcere il naso ai più, ma si tratta di un’espressione, non fermiamoci all’apparenza: in pratica bisogna chiedere a Berna delle deroghe o delle eccezioni.

Va fortemente ribadito che la Lega non ce l'ha con i frontalieri intesi come persone. Solo alcune forze politiche ripetono questa menzogna, e le motivazioni stanno nell'ignoranza o nella disonestà intellettuale di queste. Il frontalierato è giunto a un livello che non è più giustificabile e sopportabile. Bisogna reintrodurre le basilari regole di controllo che esistevano una volta al momento del rilascio del permesso, e non importa se si cozza contro la Libera circolazione: la nostra sopravvivenza viene prima!

Per un posto di lavoro in Ticino oggi assistiamo, impotenti, a una concorrenza sleale tra un frontaliere e un residente; non solo, ma la situazione attuale è degenerata e mette in concorrenza i frontalieri medesimi: una lotta tra poveri che come risultato porta gravi conseguenze e ripercussioni nel tessuto sociale del nostro Cantone. E’ ora di dire basta e smetterla di accettare che il Ticino venga posto sull’altare sacrificale rispetto al resto della Svizzera.

Il mio pensiero guida: “Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza." (Benjamin Franklin)

"E finirà per perderle entrambe" (D. Giglio)

La vita è fatta di compromessi. Li attuiamo ovunque: in famiglia, sul lavoro, con gli amici, e influenzano le nostre scelte. Questi però non dovrebbero mai ledere i nostri princìpi culturali e sociali. In politica ritengo il compromesso un risultato non un obiettivo, ma se questo contrasta fortemente con la nostra coscienza, o la nostra libertà, non va assolutamente accettato. 

 

di Domenico Giglio (Lega dei Ticinesi)

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg