Home > Tecnologia

"Il clima cambia? Non più del solito..."

16.05.2017 - aggiornato: 16.05.2017 - 12:48

Da qualche tempo il riscaldamento globale non è più al centro del cancan mediatico. Cosa è cambiato? Intervista a 360 gradi con il blogger e climatologo Guido Guidi.

di Gregorio Schira

La comunità scientifica è divisa e sta ancora discutendo sulle prospettive future. Ma la politica e i media considerano solo le ipotesi più tragiche (e meno probabili). Ne parliamo con Il climatologo Guido Guidi.

Negli ultimi tempi il cancan mediatico riguardante il surriscaldamento del clima sembrerebbe essersi lievemente affievolito. Cosa significa? È cambiato qualcosa? Le previsioni non sono più così catastrofiche?

Non direi che il dibattito si sia affievolito, anzi, gli ultimi mesi, dopo l’attenuarsi del clamore immediatamente successivo al raggiungimento di un accordo dal sapore molto diplomatico alla COP di Parigi, hanno visto una recrudescenza di accese discussioni in materia di clima.  Non tanto e non già negli ambienti puramente scientifici, dove la discussione prosegue con gli strumenti ad essa più congeniali (la ricerca e il confronto) quanto piuttosto in ambito politico e, per riflesso, ovviamente sui media. La ragione è presto detta, è cambiato l’orientamento di uno dei Paesi con maggior peso in termini di emissioni e di capacità di indirizzare le decisioni di molti altri Paesi, gli Stati Uniti. Dal punto di vista del livello di comprensione scientifica del problema nulla è cambiato, l’incertezza sul peso reale delle attività antropiche sulle dinamiche del clima resta quella che era, però è mutato l’approccio. L’atteggiamento precedente in pratica non teneva conto di questa incertezza in alcun modo, quello attuale la considera preponderante. 
Dunque il problema è politico-ideologico, non scientifico, e in quanto tale non riguarda, né dovrebbe interessare gli addetti ai lavori. Quanti di loro ritengono invece di dover dire la loro a questo riguardo, abbandonano il campo scientifico ed entrano in quello dell’attivismo, atto questo che è sicuramente una libera scelta, ma che rischia seriamente di minare la credibilità scientifica di quanti la prendono.  Circa le previsioni, il fatto che le si consideri catastrofiche è un portato dell’approccio che una parte di questo attivismo predilige trovando appoggio nella grancassa mediatica, sempre a caccia di notizie sensazionali. In realtà le proiezioni - che non sono affatto previsioni perché scaturiscono dall’accoppiamento tra scenari climatici, economici e sociali importando da ognuno di questi diversi livelli di incertezza e approssimazione - consistono in un ventaglio di possibilità che vanno da un impatto delle dinamiche del clima tutto sommato trascurabile e forse anche positivo, a situazioni che potrebbero avere serie implicazioni in termini di adattamento. Chissà perché si sente parlare sempre e soltanto di queste ultime, che sono quelle con minore probabilità di occorrenza, in ragione di un non meglio specificato principio di precauzione, che pure è legittimo, ma certamente non è scientifico.  Guardiamo, per esempio, alcuni dati recenti. Il ritorno di un El Niño tra i più potenti mai osservati - fenomeno di assoluta origine naturale - ha restituito una pendenza positiva al trend delle temperature medie superficiali globali, che era stato invece statisticamente non significativo dai primi anni di questo secolo. A seguire, come sempre accade con le oscillazioni delle temperature superficiali dell’Oceano Pacifico, la temperatura media del Pianeta sta tornando velocemente a livelli pre El Niño, ed è probabile che al netto di questo episodio il trend torni a non essere statisticamente significativo e quindi largamente inferiore a quello prospettato dagli scenari climatici. Una volta di più, questo dovrebbe far riflettere sul peso che le dinamiche naturali hanno nelle dinamiche del clima, almeno con riferimento al breve medio periodo climatico, che poi è quello a cui ha senso guardare quando si parla di adattamento e resilienza.

Continua a leggere sul GdP di oggi

 

Scienza e tecnologia

Facebook sfida Netflix: ecco Watch

Si accende la corsa dei colossi del web per i contenuti video. Una strada che punta a tenere incollati gli utenti al social network e a far cresce i ricavi pubblicitari. …

Scienza e tecnologia

Ecco l'ascensore che va orizzontale

Si chiama Multi ed è in grado di aumentare del 50% la capacità di trasporto delle persone, riducendo del 60% i picchi di energia elettrica. 

Scienza e tecnologia

In arrivo 56 nuove emoji!

Rilasciata la versione definitiva da Unicode, ora le nuove immagini sono pronte per arrivare sui nostri smartphone. Ce n'è per tutti i gusti.

Scienza e tecnologia

Multa di 1 miliardo di euro a Google?

Secondo il 'Financial Times' la sanzione potrebbe arrivare nelle prossime settimane dall'antitrust UE per abuso di posizione nello shopping fornito dal motore …

Scienza e tecnologia

Cyberattacchi, ecco come difendersi

Dopo l'azione di pirateria che ha colpito ieri tutto il mondo, arrivano i consigli di 'No More Ransom', l'iniziativa nata da Europol, polizia olandese, …

Scienza e tecnologia

Swisscom elimina la telefonia analogica

Dal 2018 sarà effettuato il passaggio integrale alla telefonia internet (IP). Fino a oggi sono passati al digitale già 1,6 milioni di clienti in tutta la Svizzera …

Scienza e tecnologia

Apple punta sul riciclo

La sfida dell'azienda di Cupertino è riuscire a usare al 100% materiali riciclati. L'impegno riguarda anche l'energia rinnovabile.

Scienza e tecnologia

Apollo 16 sulla Luna 45 anni fa

La missione della Nasa è stata la quinta e penultima missione ad atterrare sul satellite della Terra. (LE FOTO delle missioni Apollo)

Scienza e tecnologia

Australia, è allarme per i coralli

(LE FOTO) Completata la ricognizione dell'area della più grande struttura vivente al mondo, patrimonio mondiale Unesco, confrontata con uno sbiancamento senza …

Scienza e tecnologia

Voto elettronico, la Posta lancia una demo

L'ex regia federale offre agli elettori la possibilità di familiarizzare con la votazione online attraverso una simulazione. Finora sono 3 i Cantoni che hanno …

Scienza e tecnologia

YouTube, addio agli spot pubblicitari lunghi

Stando a indiscrezioni, dal 2018 la piattaforma smetterà di mostrare le pubblicità di 30 secondi che non possono essere saltate prima della riproduzione di un …

Scienza e tecnologia

L'App Rega anche per Windows

Dopo essere stata scaricata più di un milione di volte per i sistemi operativi IOS e Android,  l'applicazione che può salvarti la vita è …

Scienza e tecnologia

Internet: un utente su 3 è un bambino

A dirlo è un sondaggio dell'Unicef, secondo il quale oltre la metà degli adolescenti sa che online corrono il rischio di essere vittime di abusi o di …

Scienza e tecnologia

Nuovo slancio per Apple

L'iPhone 7 ha consentito alle vendite complessive di iPhone di salire del 5% a 78,2 milioni di unità. Ma la crescita è inferiore rispetto ai suoi predecessori …

Scienza e tecnologia

Jurassic Park presto realtà?

Alcuni moscerini della frutta sono stati modificati con antichi geni e trasformati in laboratori per studiare i passaggi cruciali dell'evoluzione.

Scienza e tecnologia

Solo scooter elettrici per la Posta

Ritirato anche l'ultimo scooter a benzina. Ora tutti i circa 6'300 veicoli per i postini sono elettrici. Risparmiate 600 tonnellate di CO2 all'anno.