Home > Tecnologia

L'universo come non l'abbiamo mai visto

16.10.2017 - aggiornato: 16.10.2017 - 18:25

Il 17 agosto 2017 si è aperta una nuova era per l'astrofisica. È stato individuato il segnale generato dalla fusione di due stelle di neutroni.

© EPA/LUKAS BARTH
© EPA/ESO/L. Calcada/M. Kornmesser/
© EPA/ESA/Hubble & NASA

Era il 2015 quando la comunità scientifica ha misurato per la prima volta il passaggio di un’onda gravitazionale, la cui esistenza era stata predetta da Albert Einstein nel 1915. Ora un team internazionale di astrofisici, di cui fa parte anche l’Università di Ginevra, ha misurato simultaneamente una sequenza di onde gravitazionali e un lampo di raggi gamma (un lampo elettromagnetico) causati dallo scontro di due stelle di neutroni. Questa osservazione supporta la scoperta che la fusione di stelle di neutroni provoca onde gravitazionali, mentre almeno una parte delle emissioni dei raggi gamma sono provocate da questa particolare collisione.

Le varie osservazioni sono state effettuate grazie a enormi interferometri laser, il LIGO negli USA e il VIRGO in Italia insieme ai satelliti INTEGRAL (dell’agenzia spaziale europea) e FERMI (della NASA).

Il risultato apre le porte a nuove prospettive nel campo della ricerca sulle onde gravitazionali e le radiazioni elettromagnetiche.

Le onde gravitazionali sono delle piccolissime deformazioni dello spazio e del tempo, generate dalla collisione di un’enorme massa. 

La misteriosa origine dei raggi gamma

Finora le poche onde gravitazionali che sono state intercettate sono state osservate a seguito della collisione di due buchi neri, oggetti talmente densi che la loro singolare forma spazio-tempo non permette il passaggio della luce. In questa occasione la sequenza di onde gravitazionali che è stata rilevata ha prodotto l’alterazione dello scontro di due stelle di neutroni (ovvero ciò che rimane del nucleo di un’enorme stella dopo la sua esplosione, come una supernova).

“Si è speculato a lungo su quale tipo di eventi stia dietro all’emissione di raggi gamma, questi flash di energia elettromagnetica che durano uno o due secondi e che rimangono un mistero per molti”, spiega Carlo Ferrigno, astrofisico all’Integral Sciense Data Center (ISDC) all’Università di Ginevra. “Per verificare questa ipotesi, abbiamo intercettato le onde gravitazionali e l’emissione di raggi gamma dalla stessa porzione di cielo, simultaneamente”.

I satelliti FERMI e INTEGRAL sono stati progettati, tra l’altro, per individuare l’emissione di raggi gamma. “Noi abbiamo stimato che avremmo avuto bisogno di studiare centinaia di eventi simili per rilevare onde gravitazionali prodotte dalla fusione di stelle di neutroni, prima di poter individuare l’emissione di raggi gamma”, ha aggiunto Volodymyr Savchenko, ricercatore dell'ISDC. “Per nostra grande sorpresa, il primo tentativo è stato sufficiente”.

La collisione di due stelle di neutroni

Il 17 agosto 2017, alle 2.41 del pomeriggio, LIGO ha intercettato il passaggio di una sequenza di onde gravitazionali. Due secondi dopo, è stato il FERMI a individuare l'emissione dei raggi gamma. Dalle seguenti ricerche si è poi scoperto che questi due fenomeni sono stati causati dalla collisione di due stelle di neutroni.

Dopo una lunga attesa, l'astronomia può quindi vantare un nuovo, grande, importante strumento: le onde gravitazionali. Queste onde, sia da sole o con strumenti per la misurazione della luce, aprono ora la via a nuove prospettive per le ricerche astronomiche.

(Red)

Scienza e tecnologia

Scoperto un nuovo pianeta

Ruota attorno a una piccola stella ed è grande come Giove. Questa scoperta apre nuovi scenari e mette in dubbio alcune certezze scientifiche.

Scienza e tecnologia

Sistemi di assistenza alla guida, questi sconosciuti

Solo uno svizzero su 10 è ben informato in merito alle nuove tecnologie di sicurezza. Forse perché la maggior parte dei conducenti crede di non averne bisogno …

Scienza e tecnologia

I robot della Posta all'opera a Zurigo

(LE FOTO) L'ex regia federale ha deciso di usare nuovamente questa particolare tecnologia, già testata lo scorso autunno, grazie a una nuova collaborazione.

Scienza e tecnologia

Facebook sfida Netflix: ecco Watch

Si accende la corsa dei colossi del web per i contenuti video. Una strada che punta a tenere incollati gli utenti al social network e a far cresce i ricavi pubblicitari. …

Scienza e tecnologia

Ecco l'ascensore che va orizzontale

Si chiama Multi ed è in grado di aumentare del 50% la capacità di trasporto delle persone, riducendo del 60% i picchi di energia elettrica. 

Scienza e tecnologia

In arrivo 56 nuove emoji!

Rilasciata la versione definitiva da Unicode, ora le nuove immagini sono pronte per arrivare sui nostri smartphone. Ce n'è per tutti i gusti.

Scienza e tecnologia

Multa di 1 miliardo di euro a Google?

Secondo il 'Financial Times' la sanzione potrebbe arrivare nelle prossime settimane dall'antitrust UE per abuso di posizione nello shopping fornito dal motore …

Scienza e tecnologia

Cyberattacchi, ecco come difendersi

Dopo l'azione di pirateria che ha colpito ieri tutto il mondo, arrivano i consigli di 'No More Ransom', l'iniziativa nata da Europol, polizia olandese, …

Scienza e tecnologia

Swisscom elimina la telefonia analogica

Dal 2018 sarà effettuato il passaggio integrale alla telefonia internet (IP). Fino a oggi sono passati al digitale già 1,6 milioni di clienti in tutta la Svizzera …

Scienza e tecnologia

Apple punta sul riciclo

La sfida dell'azienda di Cupertino è riuscire a usare al 100% materiali riciclati. L'impegno riguarda anche l'energia rinnovabile.

Scienza e tecnologia

Apollo 16 sulla Luna 45 anni fa

La missione della Nasa è stata la quinta e penultima missione ad atterrare sul satellite della Terra. (LE FOTO delle missioni Apollo)

Scienza e tecnologia

Australia, è allarme per i coralli

(LE FOTO) Completata la ricognizione dell'area della più grande struttura vivente al mondo, patrimonio mondiale Unesco, confrontata con uno sbiancamento senza …

Scienza e tecnologia

Voto elettronico, la Posta lancia una demo

L'ex regia federale offre agli elettori la possibilità di familiarizzare con la votazione online attraverso una simulazione. Finora sono 3 i Cantoni che hanno …

Scienza e tecnologia

YouTube, addio agli spot pubblicitari lunghi

Stando a indiscrezioni, dal 2018 la piattaforma smetterà di mostrare le pubblicità di 30 secondi che non possono essere saltate prima della riproduzione di un …

Scienza e tecnologia

L'App Rega anche per Windows

Dopo essere stata scaricata più di un milione di volte per i sistemi operativi IOS e Android,  l'applicazione che può salvarti la vita è …

Scienza e tecnologia

Internet: un utente su 3 è un bambino

A dirlo è un sondaggio dell'Unicef, secondo il quale oltre la metà degli adolescenti sa che online corrono il rischio di essere vittime di abusi o di …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg