Home > Tecnologia

Trovati i resti dell'ultimo asteroide che colpì la terra

04.01.2018 - aggiornato: 04.01.2018 - 15:36

Resta il mistero del cratere. L'asteroide è caduto circa 800mila anni fa, quando sulla terra c'erano già gli antenati dell'uomo e potrebbe aver modificato il clima.

© Foto dal web

Sono stati trovati i frammenti vetrosi dell'ultimo grande asteroide caduto sulla Terra. Doveva avere il diametro di circa un chilometro e circa 800.000 anni fa ha colpito una zona imprecisata del Sud-Est asiatico. Resta infatti il mistero del cratere, non ancora individuato. Pubblicata sulla rivista Geology e riportata anche sul sito della rivista Science, la scoperta si deve al gruppo dell'australiana Curtin University guidato da Aaron Cavosie.

Avvenuto in un'epoca in cui sulla Terra c'erano già gli antenati dell'uomo, l'impatto potrebbe aver modificato il clima perché avrebbe scagliato nell'atmosfera una quantità di materiali tale da bloccare la luce del Sole per mesi o per anni.

I resti di quell'evento catastrofico sono stati scoperti in un regione vasta tra Asia, Australia e Antartide: sono frammenti vetrosi di varie dimensioni, i più grandi dei quali pesano 20 chilogrammi. 

Analizzando la composizione chimica di tre di essi scoperti in Thailandia, i ricercatori hanno individuato tracce di un minerale raro, chiamato reidite, e di zirconi, che si formano ad altissime pressioni. Di qui la deduzione che i frammenti scoperti in Thailandia dovrebbero essere i più vicini al punto dell'impatto.

Considerando la distribuzione dei resti in un'area molto vasta e le pressioni necessarie alla formazione dei due minerali, i ricercatori hanno calcolato che l'asteroide probabilmente aveva il diametro di un chilometro e avrebbe generato un cratere largo circa 100 chilometri. Tuttavia, nonostante le dimensioni e l'età relativamente recente, del cratere non ci sono tracce. 

"La mancata individuazione del cratere potrebbe essere dovuta la fatto che ci sono zone della superficie della Terra che vengono rimodellate con più frequenza da eventi geologici e atmosferici", ha rilevato Giovanni Valsecchi, dell'Istituto Nazionale italiano di Astrofisica (Inaf). 

In 800.000 anni, ha aggiunto, è possibile che siano avvenuti cambiamenti che ora rendono difficile individuare le tracce dell'impatto. Inoltre l'area potenzialmente interessata è così vasta che sarà necessario molto tempo e molti mezzi per individuare il cratere, ammesso che ancora ci sia.

(Ats)

 

Scienza e tecnologia

Il primo volo del Falcon Heavy

(FOTO E VIDEO) Il razzo della SpaceX di Elon Musk, lanciato con successo sulle note di "Life on Mars" di David Bowie, è infatti sulla traiettoria ideale per …

Scienza e tecnologia

Zhong e Hua, le scimmie clonate

La loro nascita è stata annunciata dall’Istituto di neuroscienze dell’Accademia cinese delle scienze di Shanghai. La tecnica usata è la stessa …

Scienza e tecnologia

Ecco Fabio, il primo robot licenziato

È successo in Scozia, dove era impiegato in un supermercato per accogliere i clienti gentilmente e rispondere alle loro richieste. Ma qualcosa non ha funzionato.

Scienza e tecnologia

La febbre del giro in orbita

La temperatura corporea degli astronauti impegnati nelle missioni di lunga durata è di circa 38 gradi, ma può aumentare fino ai 40 gradi.

Scienza e tecnologia

Ecco il solstizio d'inverno

Alle 17.28 di oggi, 21 dicembre, il Sole raggiungerà il livello più basso rispetto all'orizzonte per quell'ora. Sarà quindi il giorno pi …

Scienza e tecnologia

Scoperto un nuovo pianeta

Ruota attorno a una piccola stella ed è grande come Giove. Questa scoperta apre nuovi scenari e mette in dubbio alcune certezze scientifiche.

Scienza e tecnologia

Sistemi di assistenza alla guida, questi sconosciuti

Solo uno svizzero su 10 è ben informato in merito alle nuove tecnologie di sicurezza. Forse perché la maggior parte dei conducenti crede di non averne bisogno …

Scienza e tecnologia

I robot della Posta all'opera a Zurigo

(LE FOTO) L'ex regia federale ha deciso di usare nuovamente questa particolare tecnologia, già testata lo scorso autunno, grazie a una nuova collaborazione.

Scienza e tecnologia

Facebook sfida Netflix: ecco Watch

Si accende la corsa dei colossi del web per i contenuti video. Una strada che punta a tenere incollati gli utenti al social network e a far cresce i ricavi pubblicitari. …

Scienza e tecnologia

Ecco l'ascensore che va orizzontale

Si chiama Multi ed è in grado di aumentare del 50% la capacità di trasporto delle persone, riducendo del 60% i picchi di energia elettrica. 

Scienza e tecnologia

In arrivo 56 nuove emoji!

Rilasciata la versione definitiva da Unicode, ora le nuove immagini sono pronte per arrivare sui nostri smartphone. Ce n'è per tutti i gusti.

Scienza e tecnologia

Multa di 1 miliardo di euro a Google?

Secondo il 'Financial Times' la sanzione potrebbe arrivare nelle prossime settimane dall'antitrust UE per abuso di posizione nello shopping fornito dal motore …

Scienza e tecnologia

Cyberattacchi, ecco come difendersi

Dopo l'azione di pirateria che ha colpito ieri tutto il mondo, arrivano i consigli di 'No More Ransom', l'iniziativa nata da Europol, polizia olandese, …

Scienza e tecnologia

Swisscom elimina la telefonia analogica

Dal 2018 sarà effettuato il passaggio integrale alla telefonia internet (IP). Fino a oggi sono passati al digitale già 1,6 milioni di clienti in tutta la Svizzera …

Scienza e tecnologia

Apple punta sul riciclo

La sfida dell'azienda di Cupertino è riuscire a usare al 100% materiali riciclati. L'impegno riguarda anche l'energia rinnovabile.

Scienza e tecnologia

Apollo 16 sulla Luna 45 anni fa

La missione della Nasa è stata la quinta e penultima missione ad atterrare sul satellite della Terra. (LE FOTO delle missioni Apollo)

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_sanremo_2018.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg