Home > Sport > Calcio

La parabola di Boateng

05.07.2016 - aggiornato: 05.07.2016 - 04:00

Ritratto di uno degli uomini-simbolo della Germania: autore del fallo di mano che ha fatto tremare la sua nazionale, ma pure di uno dei (pochi) rigori segnati per entrare in semifinale.

© AP Photo/Michael Sohn

di roberto brambilla *

Un fallo di mano. E un rigore provocato a meno di quindici minuti dalla fine di un quarto di finale dell’Europeo con la tua squadra in vantaggio 1-0. Molto di meno sarebbe bastato per bloccare le gambe e la testa di qualsiasi giocatore. Non le sue. Non quelle di Jérôme Boateng, che più o meno un’ora dopo quell’errore si è presentato sul dischetto e mettendo alle spalle di Gianluigi Buffon ha portato il suo “mattoncino” nella vittoria della Germania contro l’Italia. L’ha fatto così, soffrendo e lottando. Come ha imparato da bambino nella Berlino degli anni Novanta. È cresciuto lì Jérôme, classe 1988, figlio di Martina una hostess e assistente di terra tedesca e Prince, immigrato ghanese arrivato in Germania Ovest per studiare economia. È diventato grande tra la borghese Charlottenburg dove sua madre si era trasferita dopo il divorzio dal padre e Wedding, dove vivevano i suoi fratellatri maggiori George e Kevin-Prince e soprattutto dove si trova “die Panke”. 

Un campetto, teatro di furibonde partite “quattro contro quattro”, dove tutto si può fare e dove tutto vale. È la prima “università” calcistica per Jérôme. La seconda sarà il TeBe Berlino, storica squadra della capitale tedesca (qui allenarono Otto Nerz e Sepp Herberger i primi due CT della Nazionale) dove il ragazzo incanta tutti. Non come difensore ma come attaccante e poi centrocampista. Un giocatore dotato tecnicamente che ha un problema: non sa perdere. Uno che ogni volta che non vinceva usciva arrabbiatissimo dal campo, come racconterà il padre in un’intervista all’edizione tedesca di “GQ” e che tutt’ora si definisce «un pessimo perdente». Nel 2002 a 14 anni passa all’Hertha Berlino. Il centro sportivo dei biancoblù e l’Olympiastadion saranno la sua casa per otto anni. Lì crescerà come uomo con la continua vicinanza della mamma (che lo vorrà fare studiare in una scuola “esterna” all’Hertha) e come calciatore. Che ha iniziato a fare il difensore per caso. «Con la selezione di Berlino eravamo in Svezia per un torneo – ha raccontato anni dopo sempre a “GQ” – Tutti i difensori centrali erano infortunati e c’era bisogno. Ho fatto bene perché capivo istintivamente cosa facevano gli attaccanti. Da quel giorno gioco lì». 

Tanti anni nelle giovanili dell’Hertha (spesso con Kevin-Prince come compagno), un titolo, quello nazionale della B-Jugend nel 2005, poi nel gennaio 2007 dopo due anni tra le riserve, l’esordio in prima squadra. Ci giocherà solo per mezza stagione, prima di passare all’Amburgo. Ora Jérôme è grande, ama vestirsi bene (ha un debole per le scarpe) ma in allenamento e in partita è ineccepibile. Al sito del magazine “Der Spiegel” nel 2010 suo fratello lo definirà «perfezionista». All’HSV il piccolo di casa Boateng diventa uno dei più forti giovani della Bundesliga. È un punto fermo del club e delle varie Nazionali tedesche. Con l’Under 21 vince insieme a Hummels, Özil, Khedira l’Europeo 2009 poi qualche mese dopo, debutta con la Nationalmannschaft, che lui ha scelto a differenza del fratello. «Giocare con il Ghana? Non avrebbe senso. La Germania è casa mia, mi piacciono le persone e la gente», le sue parole. All’esordio contro la Russia verrà espulso, ma nei due anni successivi diventerà un punto fermo. Come lo sarà del Bayern Monaco, il club dove arriva nel 2011, dopo una stagione al Manchester City segnata dagli infortuni. In Baviera vincerà tutto trovando l’ambiente e gli allenatori giusti. Heynckes e Guardiola lo migliorano e lo trasformano in un difensore completo. A beneficiare di questa maturazione, bloccata spesso dai guai fisici, sarà Joachim Löw che lo affianca a Hummels per formare la coppia difensiva che nel 2014 vincerà il Mondiale e che ora punta all’Europeo, dove Jérôme ha segnato per la prima volta con la Germania contro la Slovacchia. Ora al ragazzo di Berlino e alla sua squadra per scrivere la Storia mancano due partite. Da affrontare soffrendo e lottando.

* MondoFutbol.com

Calcio

Quante ne sai sul calcio svizzero?

4. PUNTATA - Metti alla prova le tue conoscenze partecipando al simpatico quiz della rubrica sportiva del Giornale del Popolo Calciolica! (QUI LE RISPOSTE!)

Calcio

L'Ascona tra le squadre più corrette in campo

A dirlo è la classifica del Trofeo Fair Play, promossa dall'Associazione Svizzera di Football e la Suva, che prende in considerazione circa 1'400 societ …

Calcio

Le Isole Far Oer per... Xerdan Shaqiri

La simpatica vignetta creata appositamente da Minipeople per il GdP con protagonista il CT della Nazionale Vladimir Petkovic.

Calcio

Juventus e Lazio dal Papa

(LE FOTO) Giocatori e vertici ricevuti in udienza dal Pontefice. Le due squadre di Serie A italiana disputeranno mercoledì la finale di Coppa Italia.

Calcio

Alioski e Sadiku fanno il verso a Salt Bae

Ecco spiegata la particolare gag messa in scena dai due giocatori del Lugano sabato a Cornaredo a seguito del gol del 2 a 1 contro il Losanna.

Calcio

Quante ne sai sul calcio svizzero?

2. PUNTATA - Metti alla prova le tue conoscenze partecipando al simpatico quiz della nuova rubrica sportiva del GdP Calciolica! (QUI LE RISPOSTE!)

Calcio

Machin al Lugano: è ufficiale

Il giovane centrocampista classe ’96 della Roma arriva in prestito alla corte di Tramezzani Accordo fino a giugno 2017.

Calcio

Lugano e Chiasso, patto sui giovani

I due club ticinesi hanno regolamentato la loro collaborazione a livello giovanile, anche per dare continuità al lavoro svolto nel Team Ticino

Calcio

Vlado secondo Minipeople

La simpatica vignetta creata appositamente da Minipeople per il GdP con protagonista il CT della Nazionale Vladimir Petkovic.

Calcio - FC Lugano

Aguirre sospeso per 2 turni

L'attaccante del FC Lugano si è reso protagonista, ieri contro il Vaduz, di una espulsione a causa di una doppia ammonizione. 

Calcio

Il senso di Infantino per la FIFA

Intervista esclusiva del GdP col presidente italo-svizzero del massimo organismo del calcio mondiale. "Ciò che è successo in passato non deve più …

Calcio - Qualificazioni mondiali

Svizzera-Portogallo senza Ronaldo

A causa di un infortunio, il fenomeno portoghese non giocherà contro i rossocrociati nella prima partita delle qualificazioni per i mondiali russi del 2018.

Calcio - Calciomercato

Il Sion su... Balotelli?

Il presidente del club vallesano Christian Constantin ha confermato  di essere in trattativa con Mino Raiola per l’acquisto del giocatore del Liverpool.

Calcio - Tenero

Una visita insolita al Team Ticino

Sui campi di calcio di Tenero è giunta una folta delegazione dal Qatar. Una trentina di arbitri in formazione hanno chiesto una collaborazione.

Calcio - Challenge League

Rossini, il gol e quella causa vinta

L’attaccante ex-Lugano commenta la positiva conclusione della querelle con lo Zurigo: "Mi hanno risarcito, ammettendo le loro colpe". 

Calcio - Curiosità

Il Belgio cerca il ct in rete

Per trovare un sostituto di Wilmots, la federazione calcistica del paese ha pubblicato un annuncio sul proprio sito internet.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg