Home > Svizzera

Accuse di censura per la Confederazione

09.02.2018 - aggiornato: 09.02.2018 - 17:17

A lanciarle è Sacha Zala, presidente della Società svizzera di storia, secondo cui in "dubio pro censura" è ormai diventato il principio imperante nell'Amministrazione. 

© Ti-Press/Gabriele Putzu

"In dubio pro censura" è ormai diventato il principio imperante nell'Amministrazione a Berna per quanto riguarda i documenti da consegnare all'Archivio federale: a denunciare il fatto è Sacha Zala, presidente della Società svizzera di storia.

Molti documenti vengono ormai sottoposti a un "termine di protezione" di 50 o addirittura 80 anni invece dei normali 30, rileva il 49enne storico poschiavino in una intervista pubblicata oggi da "Tages-Anzeiger", "Der Bund" e "Berner Zeitung".

L'intervista prende lo spunto dalla notizia, pubblicata dagli stessi quotidiani il 3 febbraio, sulla misteriosa scomparsa di "documenti estremamente sensibili" riguardanti la P-26 (per Projekt 26), l'"organizzazione di resistenza" supersegreta in caso di occupazione comunista della Svizzera costituita a fine 1979 in piena guerra fredda e disciolta nel 1990 a seguito dello "scandalo delle schedature".

Per Zala, questo caso è solo "la punta dell'iceberg" che nasconde un "problema generale" nell'Amministrazione federale, per i cui funzionari l'archiviazione è "soltanto un onere" costoso.

Il problema - afferma - è particolarmente grave al Dipartimento federale della difesa (DDPS), i cui addetti alla tutela del segreto sono "d'ufficio pagati per essere paranoici". La tendenza a limitare l'accesso ai documenti è ormai rilevabile tuttavia in quasi tutti i dipartimenti. "Pessima" è in particolare la situazione al Dipartimento di giustizia e polizia di Simonetta Sommaruga e alla Procura federale.

Zala, direttore dal 2008 dell'istituto di ricerca Documenti diplomatici svizzeri (Dodis), loda invece l'atteggiamento assunto dal Dipartimento federale degli esteri che ha consentito di archiviare in modo "buono e pulito" i suoi documenti del 20esimo secolo.

Per lo storico grigionese vale la regola: "più alta è la densità di giuristi, più difficile e kafkiana diventa la situazione per lo storico". "La Confederazione - afferma - occupa un esercito di giuristi che si occupa solo dei problemi derivanti dalla censura", il che rende di fatto la stessa censura "molto cara". A suo avviso, ci vorrebbero meno giuristi e più archivisti. Inoltre - sostiene - l'Archivio federale dovrebbe poter assumere anche istituzionalmente un ruolo più importante, analogo quello del Controllo federale delle finanze, con possibilità di esigere controlli presso i vari uffici federali, mentre oggi è solo una unità del Dipartimento federale dell'interno con il potere di "un'anatra zoppa".

Zala dice la sua anche sui documenti riguardanti la P-26 scomparsi non si sa dove invece di finire all'Archivio federale. A suo avviso ci sono tre possibilità: sono ancora al DDPS ma non si trovano, sono stati distrutti, oppure qualcuno li ha sottratti.

Sui documenti in questione si è basato il rapporto stilato dal giudice istruttore neocastellano Pierre Cornu e pubblicato solo parzialmente il 19 settembre 1991, riguardante le relazioni della P-26 con la rete di organizzazioni omologhe europee Stay Behind o Gladio. Il Rapporto Cornu sarà reso di pubblico dominio solo nel 2041, dopo 50 anni di "secretazione". "Ciò è assolutamente ridicolo", afferma Zala. A suo avviso, il 99,9% dei documenti della P-26 potrebbe essere reso accessibile già oggi senza problemi".

(Ats)

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Svizzera

Una App di FFS per segnalare i disagi

Dopo un periodo di prova, l'ex regia federale ha lanciato un'applicazione che permette di comunicare, in modo rapido, difetti e sporcizia sui treni o nelle stazioni.

Svizzera

La fontana Tinguely non ha retto al ghiaccio

L'opera di metallo dell'artista friburghese, ideata nel 1984 in onore del pilota svizzero Jo Siffert, dovrebbe essere riparata entro metà aprile.

Svizzera

Miss Svizzera è Jastina Doreen Riederer

Argoviese di 19 anni, Jastina è attiva nel commercio al dettaglio ma sogna una carriera da modella o attrice. È stata eletta ieri sera a Baden.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg