Home > Svizzera

Aiuti sociali: ecco perché pochi svizzeri li chiedono

10.02.2015 - aggiornato: 10.02.2015 - 11:25

In Svizzera chi avrebbe diritto a contributi statali non sempre li chiede. La fiducia nei confronti del sistema sociale è ancora elevata, ma in futuro la situazione potrebbe evolvere.

(foto Crinari)

di Alessia Wyttenbach

 

In Svizzera, molte delle persone che avrebbero diritto a contributi da parte dello Stato non li chiedono e rinunciano a sollecitare aiuti pubblici. Lo ha affermato recentemente in un commento sulla “Schweiz am Sonntag” la professoressa sangallese di economia Monika Bütler. Ma come mai? Lo abbiamo chiesto direttamente alla professoressa Bütler.

Il nostro sistema funziona così bene perché, nell’insieme, tutti questi aiuti molto generosi (assicurazioni sociali, sovvenzioni) vengono richiesti solo da persone che ne hanno davvero bisogno. La maggior parte delle persone non vuole sfruttare il sistema. Anche se pagano i contributi. 

 

In Svizzera vi è un vero e proprio rapporto di fiducia tra cittadino e Stato. Da cosa dipende? 

Questa fiducia si mostra in una società con un’economia sommersa, cioè attività delle quali non si pagano né IVA né contributi sociali, relativamente piccola. Cittadini e ditte pagano le tasse anche quando sarebbe facile non pagarle. Questo perché credono che pagando le tasse ricevono una controprestazione leale. E se tutti pagano, le tasse restano basse. In una società con un pessimo equilibrio, invece, tutti cercano di evadere il fisco. Questo aumenta l’aliquota d’imposta e quindi il cittadino ha ragioni in più per non voler pagare le tasse. 

 

Com’è la situazione negli altri Paesi?

Chiaramente la fiducia non è misurabile direttamente. Ma nei Paesi nei quali c’è una bassa quota di mercato nero, solitamente questa fiducia tra cittadino e Stato è ancora intatta. Nei Paesi vicini a noi si trova meno fiducia tra cittadino e Stato. Nei Paesi scandinavi, invece, la morale di pagare le tasse è relativamente intatta dato che i cittadini credono che, pagando le tasse, gli verrà dato qualcosa in cambio. 

 

Recentemente, lei ha affermato - però - che vi saranno presto dei cambiamenti e che la “buona condotta” delle persone, che spinge a non richiedere assistenza, sta diminuendo. Come mai teme quest’evoluzione?

Non dico che il cambiamento è alle porte, ma dovremmo impegnarci a mantenere questo buon rapporto. Grazie a studi scientifici sappiamo che una grande anonimità (come quella che si può avere per esempio nelle grandi città) è un motivo per il quale la gente non esita a chiedere l’aiuto sociale. In generale, comunque, non mi preoccupo tanto per l’assistenza sociale per i più poveri, quanto per le sovvenzioni (per appartamenti o asili nido) che vengono richiesti anche da coloro che non avrebbero bisogno di questi aiuti. In alcuni casi, infatti, basterebbe aumentare di poco la percentuale del lavoro o accettare un lavoro diverso per uno stipendio più elevato. Ritengo che sia spregevole quando delle persone con un alto livello di formazione (accademici, per esempio) richiedono per un lungo periodo spazi abitativi a basto cosso o sovvenzioni per asili nido. 

 

Se, quindi, dobbiamo attenderci un cambiamento, quali conseguenze potrebbe avere questo sul sistema sociale elvetico?
 

Come detto, non posso dire con certezza quando e quale cambiamento ci sarà. Sembrerebbe però che le domande per l’assistenza sociale siano in aumento, soprattutto tra i più giovani. In Germania, dopo l’introduzione della riforma “Hartz 4”, le richieste per l’aiuto statale sono aumentate. Un altro elemento che spicca: molte delle sovvenzioni, pensate in realtà per chi guadagna molto poco, vanno soprattutto a famiglie della classe media che, anche se non se ne sa il motivo, guadagnano meno di prima. Spesso in questa fascia sono contenute anche le persone con una formazione accademica. Un bambino proveniente da una famiglia di accademici ha una probabilità tre volte più alta di riuscire a frequentare un asilo nido (spesso sovvenzionato) che un bambino proveniente da una famiglia che non conta accademici. 

 

 

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Migros ritira gli spaghettini bio

Nell'ambito di una verifica interna è emerso che sulla confezione è assente l'avvertenza riguardante l'ingrediente "uovo intero", …

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Lidl richiama il tagliacapelli "Silvercrest"

A causa di un difetto di fabbricazione l'apparecchio potrebbe prendere fuoco o esplodere durante la ricarica o il successivo utilizzo.

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Svizzera

Lidl ritira il "Bio Organic Amaranth"

Durante il controllo di un campione è stata rilevata la presenza di batteri di salmonella, che può provocare importanti malattie dell'apparato digerente.

Svizzera

Una App di FFS per segnalare i disagi

Dopo un periodo di prova, l'ex regia federale ha lanciato un'applicazione che permette di comunicare, in modo rapido, difetti e sporcizia sui treni o nelle stazioni.

Svizzera

La fontana Tinguely non ha retto al ghiaccio

L'opera di metallo dell'artista friburghese, ideata nel 1984 in onore del pilota svizzero Jo Siffert, dovrebbe essere riparata entro metà aprile.

Svizzera

Miss Svizzera è Jastina Doreen Riederer

Argoviese di 19 anni, Jastina è attiva nel commercio al dettaglio ma sogna una carriera da modella o attrice. È stata eletta ieri sera a Baden.

Svizzera

"A Cassis (che c'invita a cena) chiederei..."

Abbiamo chiesto ai deputati ticinesi a Berna di fare una domanda al ministro visto che ieri sera la Deputazione è stata davvero sua ospite in un ristorante della …

Svizzera

Il francobollo compie 175 anni

(LE FOTO) La Svizzera fu il secondo paese a introdurre il 1. marzo 1843 questo sistema di pagamento anticipato. Per l'occasione in arrivo anche un francobollo speciale.

Svizzera

Ikea ritira i marshmallow

Topi si sono introdotti nel sito di produzione e potrebbero aver contaminato le caramelle. Il prodotto è stato venduto anche in Svizzera, ma non dovrebbero esserci …

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg