Home > Svizzera

Cassis curioso e aperto a tutte le sfide

20.09.2017 - aggiornato: 20.09.2017 - 16:54

Così si è detto il neoeletto consigliere federale ticinese durante la sua prima conferenza stampa, nella quale si è parlato della sua elezione, di dipartimenti e di italianità.

© KEYSTONE/Peter Klaunzer
© Foto GdP

"L'elezione in Consiglio federale ha rappresentato per me uno scarico di responsabilità che gravava sulle mie spalle quale rappresentante della terza Svizzera". È quanto ha dichiarato davanti ai media Ignazio Cassis, nel corso della sua prima conferenza stampa quale consigliere federale, visibilmente meno teso rispetto a quando si trovava in aula durante le votazioni.

Se non fossi stato eletto, "avrei senz'altro potuto assorbire la delusione a livello personale, ma sarebbe stato più difficile digerire il fallimento istituzionale", ha aggiunto Cassis, precisando di essere entrato in aula stamattina "speranzoso sì, ma senza alcuna certezza". Come sapete, ha spiegato il consigliere federale eletto, la notte dei lunghi coltelli può ancora cambiare le carte in tavola, spingendo gli indecisi a scegliere un nome che incomincia con la "M" piuttosto che con la "C".

Interpellato sull'eventualità di assumere la guida del Dipartimento federale degli affari esteri, e sulle prime decisioni che avrebbe preso, Ignazio Cassis ha messo le mani avanti. "Sarei felice di prendere qualsiasi dipartimento", ha risposto, ribadendo una posizione più volte espressa nella numerose interviste rilasciate ai media nelle settimane e mesi precedenti l'elezione. Il portavoce del governo André Simonazzi, seduto accanto a Cassis come un angelo custode, ha confermato che la ripartizione dei dipartimenti avrà luogo durante la prossima seduta del Consiglio federale prevista dopodomani.

Cassis si è detto curioso e aperto a tutte le sfide. In ogni caso, a prescindere dal dipartimento che gli verrà affidato, ha chiesto ai giornalisti di dargli almeno i canonici 100 giorni di tempo per capire che cosa c'è dietro e "poi potrò rispondere alle vostre domande su questioni specifiche".

In merito all'"endorsement" ottenuto dall'UDC, Cassis è stato chiaro. "Non l'ho voluto io", ha spiegato, e in ogni caso tutti devono capire che questi giochetti finiscono quando si entra in Consiglio federale.

Il Malcantonese ha ribadito di volere portare in governo i valori liberali, ossia del partito per il quale è stato eletto, ma anche di voler agire con senso di collegialità, lasciando aperta la sua porta a tutti, specie a coloro che rappresentano formazioni escluse dall'esecutivo. È importante, secondo Cassis che ha rielaborato alcuni principi enunciati durante il discorso di accettazione, avere rispetto per chi la pensa diversamente, avendo anche la capacità di cambiare le proprie idee. Se vogliamo andare avanti, ha spiegato, non abbiamo bisogno degli estremismi.

Interpellato sulle specificità di un esponente italofono in Consiglio federale e su quanto potrebbe portare al collegio governativo, Cassis ha un po' polemizzato coi giornalisti, specie svizzero tedeschi, sostenendo di non avere una risposta precisa, di non doversi giustificare, e che simili domande non verrebbero fatte a un Ueli Maurer. "È un mio diritto nel mio Paese essere rappresentato in Governo", ha puntualizzato. Di sicuro, ha poi aggiunto, "porto la mia cultura, la mia lingua, il fatto di essere originario di un cantone di frontiera e anche il know-how di come trattare con l'Italia, non un Paese qualsiasi, ma uno dei nostri partner commerciali più importanti".

"Che cosa direste se una delegazione svizzera si recasse a Berlino per negoziare in inglese?", ha poi chiesto, rivolgendosi ai giornalisti tedescofoni, un Cassis un po' piccato, ma tutto sommato soddisfatto e felice per come sono andate oggi le cose.

(Ats)

Svizzera

Un'App per scoprire le banconote

Con la realtà aumentata dell'applicazione della BNS "Swiss Banknotes" si possono scoprire in modo divertente tutte le caratteristiche della nona serie di …

Svizzera

Camion contro tram, diversi feriti

L'incidente, che ha causato l'uscita dai binari del mezzo pubblico, è avvenuto in un incrocio di Muttenz (BL) in un momento in cui il traffico non era fluido.

Svizzera

L'oro perso va al Comune!

Due lingotti d'oro del valore di 100mili franchi, trovati in un prato da due operai comunali, a 5 anni dal ritrovamento sono diventati di proprietà del Comune di …

Svizzera

Pirata della strada pizzicato a Bienne

L'automobilista andava a 120km/h dove il limite è di 50. Nella settimana successiva i controlli hanno evidenziato un eccesso di velocità nello 0,25% dei casi …

Svizzera

"Di chi è il Buddha piovuto dal cielo?"

Questa la domanda che si pongono le autorità di Winterthur, dopo che i giardinieri comunali hanno trovato la statua di circa 3 metri in un parco cittadino.

Svizzera

Premi troppo alti? Ecco come cambiare cassa

Entro il 31 ottobre le casse informeranno gli assicurati sui costi individuali per il 2018. Gli affiliati potranno disdire il contratto entro il 30 novembre. Ecco come.

Svizzera

Una tradizione reinventata

Dal Vallese arriva un nuovo tipo di formaggio da raclette a base di latte di mucca, capra e pecora. Sarà possibile degustarlo per la prima volta il 3 ottobre a Martigny …

Svizzera

Con l'auto quasi sui binari

È successo a un automobilista di 42 anni che stava percorrendo una rotonda a Samedan, in Alta Engadina. Nessuno è rimasto ferito.

Svizzera

1600 posti bici sotto la stazione di Zurigo

(LE FOTO) Il parcheggio sotterraneo, costato 13,5 milioni di franchi, è stato inaugurato sotto la Europaplatz, la nuova piazza che collega la stazione alla Europaallee …

Svizzera

Emoji sui francobolli, ma non solo

La Posta ha deciso in questa terza emissione filatelica di avvicinare ancora di più la realtà fisica e quella digitale, invertendo anche la rotta. 

Svizzera

Beccato a 106 km/h in Paese

A essere incappato in un controllo radar è stato un motociclista 18enne a Alterswilen (TG) dove il limite è di 50 km/h. Il giovane era sprovvisto della licenza di …

Svizzera

Una raccolta fondi per Bondo

La Catena della Solidarietà ha aperto un conto e sosterà immediatamente con 260mila franchi le famiglie e le imprese che hanno subito danni dalla colata di fango …

Svizzera

Scontro a tre sul raccordo di Zurigo

(LE FOTO) L'incidente ha coinvolto due veicoli pesanti e un furgone poco prima dell'entrata dal tunnel dell'Uetliberg. La rampa è rimasta bloccata per …

Svizzera

Rifugi e capanne saranno allacciate a Internet

Firmato un accordo tra le associazioni alpine e Swisscom finalizzato ad estendere i sistemi di comunicazione a diversi luoghi remoti in tutta la Svizzera. 

Svizzera

Ubriaco, finisce con l'auto nel torrente

Protagonista dell'incidente, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato a Sirnach (TG), è stato un conducente tedesco di 18 anni che aveva circa l'1 per …

Svizzera

All'asta i cavalli maltrattati

(LE FOTO) Sono 80 gli esemplari in vendita a Schönbühl. Provengono dall'allevamento di Hefenhofen, dove le bestie vivevano in condizioni terribili.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg