Home > Svizzera

Guardia di confine alla sbarra

22.11.2017 - aggiornato: 22.11.2017 - 15:23

L'uomo è accusato della morte della bambina di una donna siriana a cui avrebbe negato il necessario soccorso medico, mentre attraversava il confine nel 2014.

© Foto Fiorenzo Maffi

È iniziato oggi presso il tribunale militare 4 a Berna il processo volto ad accertare le responsabilità di una guardia di confine svizzera nella vicenda di una donna siriana che nel luglio del 2014 fu vittima di un aborto durante le operazioni di rinvio dalla Francia all'Italia. L'uomo è accusato di aver negato il necessario soccorso medico.

La donna, allora 22enne e al settimo mese di gravidanza, faceva parte di un gruppo di 36 migranti che il 4 luglio di tre anni fa erano partiti con un treno notturno da Milano diretto a Parigi. Al confine franco-elvetico di Vallorbe (VD) la giovane venne respinta assieme agli altri dalle autorità francesi e affidata a quelle svizzere per il rinvio in Italia, lo Stato dello Spazio Dublino dove i migranti avevano inoltrato la prima richiesta d'asilo. L'imputato era responsabile del team di guardie di confine che doveva accompagnare il gruppo in Italia. Dopo l'arrivo a Domodossola (I) la donna diede alla luce una bambina senza vita. Nel frattempo ha ottenuto asilo politico in Italia, assieme al marito e ai tre figli.

Dolori e sanguinamenti

I rifugiati erano stati dapprima portati da Vallorbe a Briga (VS) in bus, dove arrivarono poco prima delle 14.30. Da lì avrebbero dovuto proseguire in treno fino a Domodossola. A causa della forte affluenza di passeggeri, legata all'inizio delle vacanze, l'imputato decise di rimandare il viaggio alle 17. I rifugiati vennero temporaneamente ospitati nei locali di controllo delle guardie di confine di Briga. Poco dopo il suo arrivo in Vallese la donna iniziò ad avere dolori e sanguinamenti, che descrisse come doglie. Il marito informò immediatamente le guardie di confine e chiese ripetutamente e in modo insistente di chiamare con urgenza assistenza medica.

Negata assistenza

Secondo l'accusa l'imputato fece capire al marito che non avrebbe richiesto alcun soccorso, per non compromettere il proseguimento del viaggio verso l'Italia. La guardia di confine ha consapevolmente messo in conto la morte del nascituro, considerato che una volta arrivati a Domodossola il caso avrebbe riguardato le autorità italiane, si legge nell'atto d'accusa. L'uomo ha imprudentemente confidato nel fatto che alla famiglia non sarebbe successo nulla durante il tragitto per Domodossola.

In un secondo tempo, il marito, che aveva continuato a chiedere aiuto a tutte le guardie di confine, venne condotto dall'imputato al binario di partenza. Quest'ultimo gli avrebbe detto che la colpa era sua visto che aveva intrapreso un viaggio con una donna incinta e che il soccorso medico poteva chiederlo in Italia.

A Domodossola la siriana ebbe un collasso. Le guardie di frontiera italiane chiamarono subito un soccorso. All'ospedale locale i medici poterono solo constatare la morte della nascitura.

La cittadina siriana, sentita oggi come testimone, ha dichiarato che le guardie di confine avevano più volte guardato nel locale ma senza fare nulla. Secondo lei, al momento dei fatti suo marito parlava bene l'inglese al contrario di sua sorella che però avrebbe continuamente affermato "Baby, Baby". Una donna all'ottavo mese di gravidanza si vede che è incinta, ha detto la testimone, precisando che oltretutto indossava un pantalone bianco che si era macchiato di sangue. Inoltre piangeva e urlava di dolore. Accanto a lei c'erano i suoi figli e la sorella, anch'essi in lacrime. La donna non è stata in grado di dire esattamente quando ha sentito per l'ultima volta i movimenti della nascitura.

Dure critiche alla Svizzera

Sul caso è stata espressa indignazione a livello internazionale. Il medico che si era occupato della cittadina siriana ha criticato aspramente le autorità svizzere in un servizio del programma televisivo "10vor10" della tv svizzero tedesca SRF. Secondo lui, con tali sintomi la donna avrebbe dovuto assolutamente essere accompagnata da un medico o, ancora meglio, in ospedale.

Il processo durerà presumibilmente fino a venerdì. 

(Ats)

 

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Svizzera

Una App di FFS per segnalare i disagi

Dopo un periodo di prova, l'ex regia federale ha lanciato un'applicazione che permette di comunicare, in modo rapido, difetti e sporcizia sui treni o nelle stazioni.

Svizzera

La fontana Tinguely non ha retto al ghiaccio

L'opera di metallo dell'artista friburghese, ideata nel 1984 in onore del pilota svizzero Jo Siffert, dovrebbe essere riparata entro metà aprile.

Svizzera

Miss Svizzera è Jastina Doreen Riederer

Argoviese di 19 anni, Jastina è attiva nel commercio al dettaglio ma sogna una carriera da modella o attrice. È stata eletta ieri sera a Baden.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg