Home > Svizzera

Moschea di Winterthur, imam rinviato a giudizio

11.08.2017 - aggiornato: 11.08.2017 - 17:19

In un sermone tenuto il 21 ottobre scorso alla moschea An'Nur di Winterthur (ZH), l'uomo aveva incitato a uccidere e a denunciare i musulmani non praticanti.

© foto Scolari

Il Ministero pubblico zurighese il 2 agosto ha rinviato a giudizio l'imam etiope che in un sermone tenuto il 21 ottobre scorso alla moschea An'Nur di Winterthur (ZH) aveva incitato a uccidere e a denunciare i musulmani non praticanti. Le autorità hanno chiesto una pena privativa della libertà personale di un anno e mezzo con la condizionale e l'espulsione dal Paese per un periodo di 15 anni.

L'uomo avrebbe invitato a ripudiare i musulmani che non pregavano nella comunità e, nel caso in cui avessero continuato a non frequentare il luogo di culto, di bruciare le loro case e ucciderli, indica in una nota odierna la procura generale zurighese. L'accusato su Facebook aveva anche pubblicato e messo a disposizione di terze persone brutali raffigurazioni di omicidi. L'accusa sostiene inoltre che l'etiope abbia lavorato per quattro settimane come imam senza avere i permessi necessari e ha dunque violato la normativa sugli stranieri.

L'imam era stato arrestato lo scorso 2 novembre dopo un blitz della polizia all'interno della moschea e da allora è posto in detenzione preventiva. In seguito a questa operazione il luogo di culto nel quartiere Hegi era rimasto chiuso per una settimana.

In quell'occasione altre tre persone erano state arrestate, tra cui l'ex presidente dell'associazione An'Nur, rilasciato il giorno stesso poiché si trovava legalmente in Svizzera come turista ed era in possesso di tutti i documenti d'identità necessari. Il giorno seguente era stata rilasciata anche una seconda persona vicino all'ambiente della moschea. Entrambi non avevano collegamenti con la predica incriminata. La terza persona arrestata era un membro della direzione dell'associazione. L'uomo è rimasto in detenzione preventiva fino a dicembre. Due procedure sono state archiviate lo scorso 18 luglio, mentre la terza è in fase di completamento.

A fine 2016 la moschea avrebbe dovuto chiudere definitivamente, perché la società immobiliare proprietaria dell'edificio aveva deciso di non rinnovare il contratto d'affitto. Ma lo scorso gennaio i responsabili dell'associazione culturale An'Nur e la società proprietaria dell'immobile avevano trovato un accordo davanti all'ufficio di conciliazione.
Lo scorso febbraio inoltre erano stati arrestati dieci uomini tra i 17 e i 53 anni, accusati di aver picchiato, il 22 novembre 2016 all'interno del luogo di culto, due fedeli sospettati di aver trasmesso informazioni interne a un giornalista, che aveva poi riferito del sermone all'origine dell'arresto dell'imam etiope.

L'associazione An'Nur che gestiva il luogo di culto zurighese ha chiuso i battenti nel mese di giugno, alla fine del ramadan. La moschea An'Nur (in arabo "la luce") era più volte finita sotto i riflettori della cronaca come luogo di radicalizzazione di giovani andati a combattere nei ranghi dell'Isis. Secondo varie fonti, sarebbero almeno cinque i ragazzi finora partiti dalla città zurighese verso la Siria per la jihad, la guerra santa islamica.

(Ats)

Svizzera

Un'App per scoprire le banconote

Con la realtà aumentata dell'applicazione della BNS "Swiss Banknotes" si possono scoprire in modo divertente tutte le caratteristiche della nona serie di …

Svizzera

Camion contro tram, diversi feriti

L'incidente, che ha causato l'uscita dai binari del mezzo pubblico, è avvenuto in un incrocio di Muttenz (BL) in un momento in cui il traffico non era fluido.

Svizzera

L'oro perso va al Comune!

Due lingotti d'oro del valore di 100mili franchi, trovati in un prato da due operai comunali, a 5 anni dal ritrovamento sono diventati di proprietà del Comune di …

Svizzera

Pirata della strada pizzicato a Bienne

L'automobilista andava a 120km/h dove il limite è di 50. Nella settimana successiva i controlli hanno evidenziato un eccesso di velocità nello 0,25% dei casi …

Svizzera

"Di chi è il Buddha piovuto dal cielo?"

Questa la domanda che si pongono le autorità di Winterthur, dopo che i giardinieri comunali hanno trovato la statua di circa 3 metri in un parco cittadino.

Svizzera

Premi troppo alti? Ecco come cambiare cassa

Entro il 31 ottobre le casse informeranno gli assicurati sui costi individuali per il 2018. Gli affiliati potranno disdire il contratto entro il 30 novembre. Ecco come.

Svizzera

Una tradizione reinventata

Dal Vallese arriva un nuovo tipo di formaggio da raclette a base di latte di mucca, capra e pecora. Sarà possibile degustarlo per la prima volta il 3 ottobre a Martigny …

Svizzera

Con l'auto quasi sui binari

È successo a un automobilista di 42 anni che stava percorrendo una rotonda a Samedan, in Alta Engadina. Nessuno è rimasto ferito.

Svizzera

1600 posti bici sotto la stazione di Zurigo

(LE FOTO) Il parcheggio sotterraneo, costato 13,5 milioni di franchi, è stato inaugurato sotto la Europaplatz, la nuova piazza che collega la stazione alla Europaallee …

Svizzera

Emoji sui francobolli, ma non solo

La Posta ha deciso in questa terza emissione filatelica di avvicinare ancora di più la realtà fisica e quella digitale, invertendo anche la rotta. 

Svizzera

Beccato a 106 km/h in Paese

A essere incappato in un controllo radar è stato un motociclista 18enne a Alterswilen (TG) dove il limite è di 50 km/h. Il giovane era sprovvisto della licenza di …

Svizzera

Una raccolta fondi per Bondo

La Catena della Solidarietà ha aperto un conto e sosterà immediatamente con 260mila franchi le famiglie e le imprese che hanno subito danni dalla colata di fango …

Svizzera

Scontro a tre sul raccordo di Zurigo

(LE FOTO) L'incidente ha coinvolto due veicoli pesanti e un furgone poco prima dell'entrata dal tunnel dell'Uetliberg. La rampa è rimasta bloccata per …

Svizzera

Rifugi e capanne saranno allacciate a Internet

Firmato un accordo tra le associazioni alpine e Swisscom finalizzato ad estendere i sistemi di comunicazione a diversi luoghi remoti in tutta la Svizzera. 

Svizzera

Ubriaco, finisce con l'auto nel torrente

Protagonista dell'incidente, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato a Sirnach (TG), è stato un conducente tedesco di 18 anni che aveva circa l'1 per …

Svizzera

All'asta i cavalli maltrattati

(LE FOTO) Sono 80 gli esemplari in vendita a Schönbühl. Provengono dall'allevamento di Hefenhofen, dove le bestie vivevano in condizioni terribili.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg