Home > Svizzera

"No al finanziamento delle cure ambulatoriali"

19.05.2017 - aggiornato: 19.05.2017 - 18:16

Così si è espressa oggi la Conferenza dei direttori cantonali della sanità, che punta su altre misure atte a ridurre rapidamente i costi del sistema sanitario.

(KEYSTONE/Gaetan Bally) 

I cantoni non intendono contribuire a oltre la metà del finanziamento delle cure ambulatoriali, come già avviene per quelle stazionarie. La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), riunita oggi a San Gallo, punta su altre misure atte a ridurre rapidamente i costi del sistema sanitario.

Attualmente le cure stazionarie vengono finanziate per il 55% dai cantoni e per il 45% dagli assicuratori. Le prestazioni ambulatoriali invece sono interamente a carico della casse. L'aumento delle cure ambulatoriali ha generato un trasferimento dei costi verso il settore delle assicurazioni, e il Parlamento dovrà decidere se introdurre anche in questo caso la stessa ripartizione dei costi che viene già applicata nel settore stazionario.

"Vogliamo contenere i costi e non unicamente spostare fondi pubblici verso le casse malattia", ha detto il consigliere di stato zurighese Thomas Heiniger, presidente della CDS. Le proposte in discussione al Parlamento hanno come obiettivo quello di trasferire agli assicuratori malattia più di dieci miliardi. Per la CDS questa non è una soluzione: causerebbe costi supplementari ingenti per i cantoni senza che questi possano avere un'influenza sull'aumento dell'efficienza.

I direttori cantonali della sanità intendono prima di tutto esaminare le prestazioni degli ospedali. Ancora oggi per troppi trattamenti che potrebbero essere dispensati in ambulatorio viene richiesto un ricovero. "In questo ambito c'è un potenziale di riduzione dei costi sanitari a pari qualità di trattamento", secondo la consigliera di Stato sangallese Heidi Hanselmann, vicepresidente della CDS. Con un aumento delle prestazioni ambulatoriali si potrebbero risparmiare 500 milioni di franchi l'anno.

Stando ad uno studio, un'operazione del menisco, ad esempio, costa all'assicurazione di base 2'400 franchi. Se realizzata in ospedale la fattura sale a 3700 franchi. La CDS raccomanda ai suoi membri di seguire l'esempio dei cantoni Zurigo e Lucerna che hanno stilato una lista di operazioni che possono essere effettuate in ambulatorio, invece che nel settore stazionario. Il cantone paga il trattamento stazionario solo se giustificato da ragioni mediche.

Per ridurre i costi la CDS ritiene che si debba agire anche sui sistemi tariffali. La revisione del TARMED tarda e il sistema non corrisponde più alle tariffe attuali. La pianificazione ospedaliera inoltre dovrebbe migliorare il coordinamento dell'offerta fra cantoni. Infine la CDS vuole agire anche per ridurre l'offerta di prestazione esagerata in alcune regioni o settori.

Se le proposte in discussione in Parlamento per introdurre un finanziamento delle cure ambulatoriali da parte dei cantoni dovessero proseguire, la CDS chiederà l'adozione di misure di accompagnamento: pianificazione dell'offerta di cure ambulatoriali da parte dei cantoni, creazione di un controllo cantonale della fatturazione e consultazione dei cantoni nella sorveglianza degli assicuratori malattia.

La Federazione dei medici svizzeri (FMH) si è detta delusa delle decisioni odierne della CDS. "I cantoni negano così la possibilità di frenare l'aumento dei premi causato dal trasferimento delle prestazioni ospedaliere finanziate principalmente con le imposte, al settore ambulatoriale finanziato con i premi", afferma in comitato centrale in un comunicato.

(Ats)

Svizzera

1600 posti bici sotto la stazione di Zurigo

(LE FOTO) Il parcheggio sotterraneo, costato 13,5 milioni di franchi, è stato inaugurato sotto la Europaplatz, la nuova piazza che collega la stazione alla Europaallee …

Svizzera

Emoji sui francobolli, ma non solo

La Posta ha deciso in questa terza emissione filatelica di avvicinare ancora di più la realtà fisica e quella digitale, invertendo anche la rotta. 

Svizzera

Beccato a 106 km/h in Paese

A essere incappato in un controllo radar è stato un motociclista 18enne a Alterswilen (TG) dove il limite è di 50 km/h. Il giovane era sprovvisto della licenza di …

Svizzera

Una raccolta fondi per Bondo

La Catena della Solidarietà ha aperto un conto e sosterà immediatamente con 260mila franchi le famiglie e le imprese che hanno subito danni dalla colata di fango …

Svizzera

Scontro a tre sul raccordo di Zurigo

(LE FOTO) L'incidente ha coinvolto due veicoli pesanti e un furgone poco prima dell'entrata dal tunnel dell'Uetliberg. La rampa è rimasta bloccata per …

Svizzera

Rifugi e capanne saranno allacciate a Internet

Firmato un accordo tra le associazioni alpine e Swisscom finalizzato ad estendere i sistemi di comunicazione a diversi luoghi remoti in tutta la Svizzera. 

Svizzera

Ubriaco, finisce con l'auto nel torrente

Protagonista dell'incidente, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato a Sirnach (TG), è stato un conducente tedesco di 18 anni che aveva circa l'1 per …

Svizzera

All'asta i cavalli maltrattati

(LE FOTO) Sono 80 gli esemplari in vendita a Schönbühl. Provengono dall'allevamento di Hefenhofen, dove le bestie vivevano in condizioni terribili.

Svizzera

Incidente mortale con la bici elettrica

A perdere la vita è stata una 35enne, nel Canton San Gallo, investita da un rimorchio trainato da un trattore dopo essere caduta nel tentativo di superare il mezzo …

Svizzera

Vandali contro una zucca da record

L'ortaggo, di ben 400 kg, era in un orto di Nesselnbach (AG) pronto a partecipare a un concorso. Ignoti l'hanno rovinato provocando un danno di 5mila franchi.

Svizzera

Bregaglia: alpinista muore sul Badile

L'uomo, un alpinista polacco, era in seria difficoltà da 2 giorni ma a causa del maltempo la Rega è potuta intervenire solo giovedì, quando per lui non …

Svizzera

Migros richiama dadini di prosciutto

Nel corso di un controllo di sicurezza è stata rilevata la presenza di listerina, che può provocare sintomi simili a quelli dell'influenza.

Svizzera

Ghiacciaio vallesano restituisce due corpi

I resti ritrovati sul massiccio di Les Diablerets sono quelli di un uomo e una donna, i cui abiti lasciano presupporre che il dramma sia avvenuto circa 70 anni fa.

Svizzera

Da Vienna a Nizza passando per la Svizzera

Un gruppo di escursionisti, nell'ambito del progetto Whatsalp, è giunto in Val Monastero dal Sudtirolo e camminerà tra Grigioni, Ticino, Uri, Berna e Vallese …

Svizzera

In moto a 131 km/h sui 50

È successo a Rorschach, nel Canton San Gallo. Al centauro 26enne, che è stato denunciato, è stata ritirata la patente e il mezzo a due ruote gli è …

Svizzera

I cani tornano all'ospizio del Gran San Bernardo

Il canile è stato completamente ristrutturato e gli animali vi passeranno l'estate. Sono circa 2000 i visitatori che ogni anno si recano ad ammirare i celebri …

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg