Home > Ticino e Regioni > Confine

"Per un orizzonte che ci accomuna"

29.11.2017 - aggiornato: 29.11.2017 - 10:52

Incontriamo il neoeletto sindaco di Como, Mario Landriscina, con cui parliamo dei rapporti con il Ticino e dei temi che ci avvicinano alla città lariana.

di Corrado Bianchi Porro

 

«Sono nato e cresciuto in questa città e non ho mai voluto lasciarla», dice Mario Landriscina, eletto quest’anno con una coalizione di centrodestra nuovo sindaco di Como. Laureato in medicina, specializzato in anestesia e rianimazione, medico ospedaliero in Valduce e Sant’Anna e poi docente universitario, ha organizzato e sviluppato assieme a molte altre persone e associazioni il “118”. Ha pure maturato esperienze internazionali operando per conto di una Agenzia delle Nazioni Unite, a Cuba, Sri Lanka, San Domingo-Haiti. Sentiamo i suoi progetti per il territorio comasco e in particolare per le relazioni con il Canton Ticino.

La prima cosa che unisce, e talora divide, sono i frontalieri. Cosa ci può dire?

Auspico che non ci siano condizioni che mettano in discussione la possibilità di lavoro dei cittadini sulla striscia di confine, da una parte e dall’altra. Credo sia un valore per entrambe. Mi pare che i frontalieri si siano guadagnati con grande merito la possibilità di svolgere la loro attività in territorio elvetico. A memoria, non mi risulta vi siano stati problemi significativi per la collaborazione lavorativa che si inserisce in un contesto anche più ampio di uno scambio di attività, di economia e di transiti bilaterali a seconda degli asset più favorevoli in termini di acquisti, ferme restando le norme che disciplinano il mercato. La storia testimonia in maniera indelebile l’apporto dei lavoratori italiani nel Canton Ticino e nella Svizzera italiana. Questa è una strada da proseguire. Evidentemente, in una situazione di globalizzazione, ci sono territori che si ampliano dal punto di vista delle possibilità di sviluppo e contemporaneamente si affacciano ad altri con condizioni che tenderebbero al contrario, per preservare le risorse locali. Oggi questo equilibrio esiste e va rispettato, però credo che la storia di questa collaborazione fatta di accordi ai livelli più diversi, tra Stati, Regioni, intese sindacali, abbia dimostrato come il frontalierato sia un vantaggio per tutti. È fuori discussione che se politicamente il Canton Ticino dovesse andare in difficoltà sul piano economico aumenterebbe la tendenza a preservare i “propri” residenti. Sarebbe una posizione comprensibile. Tuttavia credo che questo sia oggi un pericolo scongiurato. In sintesi, io credo che i frontalieri siano un elemento di ricchezza bilaterale e un tassello importante nelle relazioni fruttuose tra i due Stati.

Un altro problema che talora suscita frizioni è quello dei migranti…

È un tema tutt’ora aperto che riguarda anche i rapporti con la Svizzera in quanto non appartenete all’UE. In realtà è un tema controverso anche all’interno della stessa Comunità Europea. Siamo in una situazione complessiva che, al di là dei buoni propositi, deve tener presente l’equilibrio tra contenente e contenuto. Per quanto sul piano umanitario sia difficile non solidarizzare con le necessità delle persone, per poter affrontare adeguatamente il bisogno è necessario che vi siano risorse e spazi, denari, possibilità di offrire una vita adeguata nei confronti di chi ha bisogno di aiuto. L’Italia in questo senso sta pagando un prezzo altissimo, in quanto lasciata sola a gestire una situazione che in alcuni territori, come per esempio quello di Como, ha un’incidenza molto elevata. I migranti per inciso dicono di non essere particolarmente interessati a risiedere da noi poiché il nostro è un territorio di transito verso il resto dell’Europa e in particolare verso l’Europa centro settentrionale. Tutto ciò ha creato situazioni difficili da gestire. La Confederazione ha preso dei provvedimenti assolutamente legittimi dal punto di vista della tutela delle proprie frontiere, anche con polemiche molto aspre al proprio interno, offrendo questa possibilità di transito ad una quota limitata e respingendo gli altri. 

 

Leggi la pagina speciale con l'intervista completa sul GdP di oggi

 

 

Confine

Chiusa 3 notti l'A9 tra Como e Chiasso

Dalle 22.00 di lunedì 18 alle 5:00 di giovedì 21 dicembre il tratto autostradale in direzione della Svizzera non sarà transitabile per lavori di …

Confine

117 candeline per Emma Morano

La donna più anziana al mondo festeggia l'importante traguardo nella sua casa di Verbania. Ma come sta? "Credo bene, lo dice anche il mio dottore".

Confine

Saronno, maxi furto in ospedale

Nella notte di ieri, martedì, sono state rubate apparecchiature mediche del valore di 300mila euro da un reparto del nosocomio varesino. Le indagini sono in corso.

Confine - Inchiesta su Stefano Bruni

Ex sindaco di Como in manette

All'origine dell'arresto ci sarebbe il crac di un'agenzia privata di riscossione tributi, un’azienda di Pesaro che avrebbe utilizzato illecitamente  …

Confine - Sciavano in fuoripista

Slavina nel Lecchese, 3 feriti

Stavano raggiungendo il rifugio quando, in una zona impervia, si è staccata una valanga che li ha travolti. 

Confine - Entro fine maggio

Ecco cosa succederà all'area EXPO

In cantiere ci sono 7 centri di ricerca, per un totale di 1500 persone occupate: così lo Human Technopole vuole combattere la guerra contro il cancro e le malattie …

Confine

Svizzera sorpresa a rubare a Como

Tentativo di furto in un Esselunga sul confine. Insieme a una cittadina spagnola, la trentenne aveva nascosto alcuni prodotti nella borsetta. Le due sono state denunciate.

Confine - Guasto tecnico

Treni per l'Italia bloccati a Chiasso

A causa di un guasto tecnico non meglio precisato molti convogli non possono oltrepassare il confine. Previsti ritardi e soppressioni.

Confine - Misure anti padroncini

Artigiani in fermento

La Confederazione Nazionale dell’Artigianato e delle Piccole e Medie Imprese ha organizzato un incontro per spiegare come cambiano le regole per lavorare in …

Confine - Inchiesta per contrabbando

"Uova d'oro", trovate le prove

Gli inquirenti italiani hanno trovato i documenti che provano il traffico illecito venuto a galla due anni fa: 13 gli indagati, tra i quali anche due ticinesi.

Confine - Furti alla Rinascente di Milano

Arrestati tre cittadini di origini mongole

I taccheggiatori sono stati trovati in possesso di 6 tra giacche e piumini del valore complessivo di 2000 euro. Due di loro sono immigrati clandestini e saranno espulsi.

Confine - Ponte Chiasso

Sequestrate 16.800 lampadine contraffatte

Le confezioni indicavano la provenienza italiana del prodotto, ma in realtà si trattava di 'Made in China'. Il titolare della …

Confine - Tirolo

Scossa di terremoto vicino alla frontiera

La terra ha tremato ieri sera a a Sankt Anton am Arlberg. Il Servizio sismologico svizzero del Politecnico federale di Zurigo ha …

Confine - Incidente sull'A4

Tragico schianto nel Bergamasco

Si è verificato intorno all’una e mezza di notte nel tratto dell’autostrada A4 tra Seriate e Grumello del Monte. Morti tre giovani, 4 i feriti.

Confine - Varese

Falsa invalida incastrata dalle foto

Percepiva la pensione di accompagnamento per problemi di salute, ma nel weekend andava persino in montagna a fare passeggiate. La truffa scoperta nel Varesotto dalla Guardia di …

Confine - Riconferma

Gobbi presidente della Regio Insubrica 2.0

Oggi a Mezzana assemblea straordinaria successiva alla firma della nuova Convenzione e del riparto delle quote associative.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg