Home > Ticino e Regioni

Due anni e mezzo all'ex agente di Argo1

18.08.2017 - aggiornato: 18.08.2017 - 18:21

Il Tribunale penale federale ha confermato la condanna per il 33enne luganese di origine turca che ha fatto opera di proselitismo per un gruppo radicale islamico.

© foto Zocchetti

Il Tribunale penale federale (TPF) ha confermato la condanna di due anni e mezzo, di cui sei mesi da espiare, per il 33enne luganese di origine turca, ex agente di sicurezza della società Argo 1, che ha fatto opera di proselitismo per un gruppo islamista. L'uomo sarà rilasciato tra breve visto che ha già scontato la quasi totalità della pena.

L'imputato, che al momento dell'arresto lavorava come sorvegliante in alcuni centri per richiedenti l'asilo in Ticino, ha riconosciuto le accuse formulate dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Durante il dibattimento, che si è svolto con rito abbreviato, ha ammesso di aver sbagliato, ma ha aggiunto di non aver mai obbligato nessuno ad aderire alle sue idee.

È stato riconosciuto colpevole di violazione della legge federale che vieta i gruppi Al Qaeda e Stato islamico (Isis). Fra il gennaio del 2014 e fino al suo arresto, lo scorso 22 febbraio, ha organizzato azioni propagandistiche e di proselitismo per conto del gruppo ribelle "Jabhat Al-Nusra" e nel 2015 ha aiutato combattenti stranieri a raggiungere le zone di guerra in Siria e Iraq per unirsi all'Isis.

Il 33enne, definito un indottrinatore dal MPC, era diventato un punto di riferimento per diverse persone che hanno aderito alla sua visione radicale dell'islam, spiega l'atto d'accusa. Uno dei suoi "allievi", ad esempio, gli aveva chiesto l'approvazione per partire nelle zone di guerra, nell'ottobre del 2016; un'altra persona aveva espresso la volontà di partire in Siria o in Palestina per combattere. L'ex agente di Argo 1 era anche riuscito a convincere quattro persone ad allontanarsi dall'ideologia dello Stato islamico per aderire a quella del gruppo Jabhat Al-Nusra.

L'imputato svolgeva le sue attività di proselitismo e indottrinamento sia di persona, incontrando gli interessati in case private o in locali pubblici del Luganese, sia attraverso messaggi, telefonate e i social. "La morte da martire nell'islam è considerata la morte migliore poiché è scritto nel Corano e il martire che muore combattendo nel nome di Allah raggiunge il paradiso", figura su uno dei messaggi riportati nell'atto d'accusa.

In altri scritti il militante spiega la differenza fra il suo gruppo e lo Stato islamico: "Contrariamente a quanto fa l'Isis compiendo attentati in Europa e nel mondo, la terra per combattere e fare jihad armata sono Paesi come la Siria e l'Iraq in cui i musulmani sono oppressi e bisogna aiutare a liberare la popolazione, esattamente come sta facendo il gruppo Jabhat Al-Nusra".

Malgrado non aderisse alla visione dell'Isis, il turco-svizzero ha comunque facilitato il viaggio di due jihadisti per raggiungere lo Stato islamico in Siria. Nel primo caso, il 33enne ha fornito all'uomo indicazione sui bus da prendere per recarsi dalla Turchia in Siria e gli ha consegnato 100 franchi, nel secondo ha ospitato il futuro combattente e la moglie nella sua casa in Turchia prima che raggiungesse la Siria, dove è morto nel dicembre 2015.

L'ex agente di sicurezza è stato condannato anche a pagare 133'000 franchi di spese procedurali: dovrà inoltre rimborsare appena possibile la parcella dell'avvocato d'ufficio versata dalla Confederazione. L'uomo si trova in carcere dal 22 febbraio in detenzione preventiva e dal 19 maggio in esecuzione anticipata della pena, ha quindi quasi finito di scontare i sei mesi inflitti e sarà scarcerato tra breve.
La procedura abbreviata, introdotta nel 2011, prevede un patteggiamento tra pubblico ministero e imputato in cambio di una sua collaborazione, se la pena chiesta dall'accusa non è superiore ai cinque anni.

(Ats)

Ticino e Regioni

Un menu solidale dai sapori del Burundi e del Ticino

La particolare iniziativa è proposta dall'associazione Amtibu, attiva al Centre de Jeunes di Kamenge, in collaborazione con l'Osteria del Ponte a Iragna.

Ticino e Regioni

"il Caffé", Rezzonico e Ringier si separano

Dopo 19 anni di collaborazione, i coeditori de il Caffè, Rezzonico Editore SA e Ringier SA, hanno concordato la vendita al primo della quota azionaria del secondo.

Ticino e Regioni

Carnevale, altri costumi pericolosi

Alcuni sono infiammabili, mentre per altri c'è il rischio di ingestione e soffocamento. Sono in vendita in diversi negozi del Cantone.

Ticino e Regioni

Il Rotary ha incontrato gli studenti

Grande successo per l'evento al Liceo Lugano 2 con allievi e professionisti di molti settori, con filo conduttore l'uso consapevole delle nuove tecnologie.

Ticino e Regioni

L'arrivo dei Re Magi in Ticino

(LE FOTO) I tre viaggiatori carichi di doni per i bambini sono giunti in molte località del Cantone venerdì in occasione della festa dell'Epifania. .

Ticino e Regioni - VIDEO

GdP, 90 anni e non sentirli

Il 21 dicembre il nostro quotidiano spegne 90 candeline, in un VIDEO realizzato dai colleghi di Strada Regina raccontiamo le sfide di un giornale cattolico, ieri e oggi.

Ticino e Regioni

La riscoperta della Via Francisca

Un tempo era via per Papi e imperatori, oggi è una meta per pellegrini e turisti. Dal Lucomagno a Ponte Tresa, riscopriamo il tratto ticinese della Via Francigena.

Ticino e Regioni

Guarda il video di Natale di Radio 3i

Scopri la nuova canzone di Radio 3i e guarda il video.

Ticino e Regioni - Moesano

Riflettori sulle professioni

Seconda edizione di “Mestee in Vall” al Centro scolastico ai Mondan di Roveredo. Una ventina le aziende della regione (e due ticinesi) che si presentano agli …

Ticino e Regioni - Alimentari

Comarsa passa in mani italiane

Il Gruppo italiano Granarolo ha acquisito il 60% della società di distribuzione alimentare con sede in Ticino.

Ticino e Regioni - Festa popolare

Il Ticino alla "Züri Fäscht"

Dall’1 al 3 luglio il nostro Cantone sarà ospite a Zurigo della più grande festa popolare della Svizzera. Attesi oltre 2 milioni di visitatori.

Ticino e Regioni

Cambiamenti... semaforici a Vezia

Per 3 settimane l'impianto funzionerà solo su richiesta di pedoni e trasporto pubblico. L'obiettivo è snellire il deflusso del traffico.

Ticino e Regioni - Polizia

Ritrovato Geremia Solari

Il giovane scomparso il 28 giugno scorso a Bellinzona sta bene. 

Ticino e Regioni - Controlli antidroga

I semi della canapa in viaggio con la posta

Da inizio 2015 in Svizzera sono stati fermati 2.874 pacchi contenenti in totale 50mila semi di canapa acquistati online. 

Ticino e Regioni - Avvicendamenti

Alex Farinelli alla SSIC, lascia la segreteria del Plr

Il 33enne di Comano dovrebbe prendere il posto di Nicola Bagnovini, a sua volta successore del direttore uscente Vittorino Anastasia.

Ticino e Regioni - Abusi

Lacrimogeni e cani contro bambini in Kenya

I piccoli stavano manifestando contro la rimozione di un parco giochi scolastico in un terreno su cui un politico locale intende costruire un parcheggio per il suo hotel. La …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg