Home > Ticino e Regioni > Locarnese e valli

Approvato all'unanimità il PALoc3

06.11.2016 - aggiornato: 06.11.2016 - 19:51

I delegati della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese e Vallemaggia hanno dato il via libera alle misure del Programma d’agglomerato di terza generazione. 

© foto Crinari

L’incarto finale del PALoc3 verrà trasmesso al Dipartimento del territorio nel corso del mese. Il plenum dei delegati della Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese e Vallemaggia (CIT, presieduta dal vicesindaco di Locarno Paolo Caroni) ha infatti approvato all’unanimità dei presenti, nella seduta di giovedì scorso, il documento elaborato dalla Direzione di progetto (capo progetto l’ing. Mauro Rezzonico) con le diverse misure previste e i relativi finanziamenti. Il Consiglio di Stato entro fine dicembre dovrà quindi ratificare il PALoc3 e trasmetterlo ai competenti uffici federali chiamati ad esprimersi sulle misure previste e, soprattutto, a fissare i cofinanziamenti che la Confederazione garantirà peri diversi interventi programmati. Le decisioni di Berna dovrebbero poter giungere entro la fine del 2018.

Il Programma d’agglomerato, lo ricordiamo, permetterà di disegnare l’agglomerato Locarnese del dopo 2019 (gli interventi del PALoc 3 sono previsti fra il 2019 e il 2022) realizzando una serie di misure che andranno in particolare a favore del paesaggio, degli insediamenti e della mobilità (trasporto pubblico e privato). Per quest’ultime – le sole cofinanziabili da Berna – sono previsti investimenti prioritari che sfiorano il 64 milioni di franchi, mentre per le opere di seconda priorità si valuta una spesa di circa 32 milioni di franchi. Complessivamente, quindi, un centinaio di milioni di franchi a carico di Comuni e Cantone che potrebbero beneficiare di sussidi federali pari al 40% (una quarantina di milioni) della spesa totale, se dovesse essere confermata la stessa percentuale del PALoc 2. Il rimanente risulterebbe invece a carico di Cantone e Comuni con delle suddivisioni che variano a seconda della tipologia della misura da realizzare.

 

Si conclude un lavoro durato anni

“Con l’approvazione unanime dei delegati della CIT – osserva il suo presidente Paolo Caroni – si conclude un lavoro che ha richiesto diversi anni per la messa a punto di questo importante documento tecnico-pianificatorio. Il Programma d’agglomerato permette una visione d’assieme sovracomunale che consente di individuare una serie di misure e interventi molto importanti per lo sviluppo futuro, e soprattutto coordinato nonché armonico, dell’intero agglomerato Locarnese. L’approvazione unanime raccolta in seno ai delegati CIT è motivo di soddisfazione non solo per me, ma per tutta la Direzione di progetto che ha saputo anche rispettare in modo rigoroso la tempistica prevista nell’allestimento del PALoc3 che prossimamente verrà trasmesso a Berna”.

Oltre all'approvazione delle proposte contenute nel PALoc3 da parte dei Delegati della CIT, i Municipi dei diversi Comuni coinvolti hanno formalmente sottoscritto l’impegno a realizzare nei propri comprensori gli interventi programmati. Proprio in tal senso, su richiesta della Confederazione, i Municipi sono stati chiamati a firmare una specifica dichiarazione con la quale s'impegnano a mettere in atto quanto necessario per realizzare le misure del Programma d’agglomerato e ciò anche nel caso in cui non dovesse esservi, per determinati interventi previsti, un cofinanziamento da parte della Confederazione.

Questo impegno formale da parte dei Comuni a realizzare le misure nei termini e tempi stabiliti è determinante in quanto la mancata esecuzione di un intervento previsto e approvato da Berna andrebbe ad incidere sulla globalità del cofinanziamento federale. In altre parole, ciò determinerebbe una sorta di penalità che va a toccare tutti i Comuni coinvolti nei futuri PALoc e non solo quello in cui si registra la mancata esecuzione. In buona sostanza, quindi, vale la regola “tutti per uno, uno per tutti”.

 

PALoc2, cantieri al via

Nel frattempo, con il 2017 andranno in cantiere opere previste nel PALoc 2 (complessivamente ammontano a ca. 40 di milioni gli investimenti programmati per le misure di fascia prioritaria nel PALoc 2). Inevitabilmente, a tali realizzazioni si collegano anche diverse delle misure inserite nel PALoc 3, documento che in parte riprende e in parte approfondisce e sviluppa quanto già previsto nell’incarto di seconda generazione. È ad esempio il caso della Stazione FFS di Locarno-Muralto dove alle misure già previste dal PALoc 2 per la riqualifica dell’area (riorganizzazione strutturale generale, sottopasso pedonale, ecc.) si aggiungono quelle del PALoc 3 che porteranno (a partire dal 2019) alla messa a punto del nodo intermodale del trasporto pubblico in funzione anche dell’apertura di AlpTransit e della galleria di base del Ceneri. Sempre in ambito di misure di mobilità in priorità A il PALoc 3 prevede poi, fra i numerosi interventi, il potenziamento di varie linee del trasporto pubblico (linee urbane ed extraurbane), la sistemazione o la realizzazione a nuovo di significativi percorsi ciclabili, la riqualifica di assi urbani (in primis Via Locarno a Losone), nonché la riorganizzazione della viabilità in particolare a Solduno e del nodo di trasporto pubblico a Ponte Brolla.

 

(Red)
 

 

Locarnese e valli

Una luce a sostegno dell'autismo

In occasione della Giornata mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo il Comune di Losone ha acceso di blu la torre della più grande centrale termica del …

Locarnese e valli

103 candeline per Cesarina

La signora Binda ha festeggiato l'importante traguardo attorniata dai suoi cari presso la Casa San Giorgio di Brissago dove vive. È lei la decana del Comune.

Locarnese e valli

La Città in tasca con "Vivi Locarno"

La nuova app permetterà ai cittadini e ai sempre più numerosi turisti di essere informati sugli eventi promossi, nonché essere allertati in caso di …

Locarnese e valli

Si perde sul Gambarogno, salvato da un'app

Un giovane italiano ha perso l'orientamento e ha lanciato l'allarme con "GeoResq", sviluppata dal Soccorso Alpino italiano. Subito partiti, i soccorsi lo …

Locarnese e valli

Riecco il torneo di robotica per ragazzi

L’ottava edizione del First Lego League si terrà sabato 13 gennaio al DFA della SUPSI di Locarno e vi parteciperanno 13 squadre di ragazzi tra i 10 e i 16 …

Locarnese e valli

100 candeline per Laura Mattei

La signora ha festeggiato ieri, 14 dicembre, l'importante traguardo nella sua casa di Cevio, circondata da parenti e amici, ma anche dall'autorità comunale.

Locarnese e valli

Il trekking Ascona-Venezia compie 10 anni

Sono stati festeggiati al Porto patriziale con una proiezione e la mostra di foto di Massimo Pedrazzini. Anche quest’anno viaggi in catamarano.

Locarnese e valli

La Gendarmeria di Magadino tra la gente

Organizzate quattro giornate, tra luglio e agosto, a contatto con i residenti in Valle Verzasca e nel Gambarogno "per favorire i contatti e migliorare il servizio offerto …

Locarnese e valli

Così superammo l’anno senza estate

Una serata a Locarno per raccontare un anno terribile, il 1815, in cui anche il Ticino subì le conseguenze dell'esplosione del vulcano …

Locarnese e valli

Bignasco, container in fiamme

(LE FOTO) L'incendio è divampato ieri sera, giovedì, forse a causa di un sacco di cenere ancora attiva. Un episodio simile alcuni giorni fa al deposito del …

Locarnese e valli

Gambarogno: le FFS preparano i cantieri

Al via la messa in sicurezza delle aree e degli accessi di cantiere, la posa della segnaletica e la realizzazione delle infrastrutture per consentire l'avvio dei …

Locarnese e valli

Record di uccelli migratori alle Bolle

Ficedula e Fondazione Bolle di Magadino segnalano una grande concentrazione di specie alle Bolle di Magadino. Il merito è delle piogge di questi giorni.

Locarnese e valli

Rinato lo storico Hotel Fusio

Ieri la presentazione da parte dell’arch. Giovan Luigi Dazio. Dispone di 24 posti letto. Rigoroso restauro conservativo dell’albergo del 1880.

Locarnese e valli

Passaggio di testimone a TicinoSentieri

Dopo 24 anni il presidente di TicinoSentieri Ettore Cavadini passa le consegne a Stéphane Grounauer. 

Locarnese e valli

Ottimismo nel turismo sul Verbano

Nel 2017 a Locarno, dopo un 2016 positivo, la promozione è mirata alla Svizzera interna. AlpTransit è apprezzato, ma si chiedono anche treni diretti.

Locarnese e valli

Porte aperte al Papio

Ad Ascona sabato 8 aprile avranno luogo le porte aperte al Collegio Papio. Si potranno inoltre scoprire diversi progetti come quello della nuova mensa.

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg