Home > Ticino e Regioni > Locarnese e valli

"Il volo più bello in carriera? L'ultimo"

25.01.2017 - aggiornato: 25.01.2017 - 15:57

Il sindaco Tiziano Ponti racconta l’altra dimensione in cui ha vissuto per 35 anni, l’aviazione militare. Pilota, collaudatore e comandante della Base aerea di Locarno.

© Foto Forze Aeree Svizzere
© Foto archivio CdT

di Maurizio Valsesia

 

Ai piloti militari non è mai piaciuto essere definiti “Top Gun”. Da quando uscì il film con Tom Cruise nei panni di un abile ma scapestrato pilota della marina USA, per molti giornalisti, “Top Gun” è diventato sinonimo di “super uomo”, un cowboy dell’aria avvezzo al pericolo. Credo che i piloti ormai si siano abituati e non si arrabbiano più. Sono gente pragmatica. Non sono e non si sentono un élite, tanto più nel nostro Paese, dove i professionisti sono affiancati dai piloti di milizia, che svolgono un lavoro nel settore civile e solo per tot giorni l’anno si calano nel cockpit di un jet o di un elicottero. 

Se poi uno di questi piloti, nella fattispecie un professionista, fa anche il sindaco, allora le occasioni di scambiare quattro chiacchiere si moltiplicano. Il sindaco in questione è Tiziano Ponti, l’anno scorso confermato brillantemente dai suoi concittadini alla guida del Municipio di Gambarogno per la quarta legislatura. In veste di amministratore comunale abbiamo approfittato spesso della sua disponibilità. Ora gli abbiamo chiesto di raccontarci l’altra dimensione in cui ha vissuto per 35 anni, quella dell’aviazione militare. Un mondo, come vedremo, vissuto a 360 gradi: da recluta, da graduato con uomini sotto il suo comando e da pilota, volando con apparecchi ad ala fissa e rotante. È stato - e qui gli appassionati di aviazione drizzeranno le antenne – anche collaudatore.

Iniziamo dalla fine. Con il grado di colonnello, ha comandato fino allo scorso ottobre la Base aerea di Locarno (l’ala militare dell’aeroporto cantonale). Ha passato le consegne al parigrado Martin Hösli per godere la meritata pensione dopo 35 anni da pilota di cui 23 anche a capo dell’aeroporto. Anni cruciali per la Base di Locarno, oggetto di importanti ampliamenti per investimenti complessivi di 60 milioni di franchi da parte della Confederazione.

"È stato entusiasmante e sono onorato di aver vissuto questa fetta di storia dell’aeroporto militare, del quale nel 2014 abbiamo celebrato i 75 anni di attività. Quando arrivai nel 1993 ero capo distaccamento, poi capo esercizio e dal 2005 comandante della base. Ho attraversato tutto il periodo di sviluppo e ammodernamento deciso nell’ambito della ristrutturazione delle Forze aeree che portò alla riduzione del numero di basi di ingaggio da una ventina a sette, compresa Locarno, la cui importanza si è consolidata di conseguenza. Oltre ad essere dal 1941 l’unico centro per la selezione e l’istruzione di base dei piloti militari (ndr. ognuno dei quali prima di passare ai jet o ad altri apparecchi passa dal cockpit dei PC7 a elica di Locarno), negli anni Settanta, l’aeroporto è diventato anche l’unico polo per la selezione e l’istruzione nella terza dimensione degli esploratori paracadutisti. La base assicura anche il trasporto aereo di truppe, guardie di confine e polizia, i voli anti-incendio e di aiuto in caso di catastrofe grazie agli elicotteri Eurocopter EC635 e Super Puma. La convivenza con la parte civile dell’aeroporto è sempre stata ottima (ndr. i militari assicurano servizi di base indispensabili al funzionamento dell’intero complesso)".

Comandante non solo da una scrivania, ha sempre volato. Quando ha iniziato?

“Ho preso il brevetto nel 1981 sul Vampire”, ricorda Ponti con un sorriso, ripensando a quel caccia di produzione britannica, primo jet, insieme al Venom, in dotazione alle squadriglie svizzere dopo la Seconda Guerra. “Poi per tre anni volai sull’Hunter (ndr. altra macchina su cui si sono fatti le ossa generazioni di piloti) seguiti da 12 anni con il Tiger (ndr, l’americano Northrop F-5, prodotto in circa 2000 esemplari per una ventina di aviazioni di tutto il Mondo)"".

Com’è il volo con i caccia di prima e, per il Tiger, di seconda generazione?

"Esaltante e impegnativo allo stesso tempo.  (...)

Leggi l'intervista completa sul GdP di oggi

Locarnese e valli

Il trekking Ascona-Venezia compie 10 anni

Sono stati festeggiati al Porto patriziale con una proiezione e la mostra di foto di Massimo Pedrazzini. Anche quest’anno viaggi in catamarano.

Locarnese e valli

La Gendarmeria di Magadino tra la gente

Organizzate quattro giornate, tra luglio e agosto, a contatto con i residenti in Valle Verzasca e nel Gambarogno "per favorire i contatti e migliorare il servizio offerto …

Locarnese e valli

Così superammo l’anno senza estate

Una serata a Locarno per raccontare un anno terribile, il 1815, in cui anche il Ticino subì le conseguenze dell'esplosione del vulcano …

Locarnese e valli

Bignasco, container in fiamme

(LE FOTO) L'incendio è divampato ieri sera, giovedì, forse a causa di un sacco di cenere ancora attiva. Un episodio simile alcuni giorni fa al deposito del …

Locarnese e valli

Gambarogno: le FFS preparano i cantieri

Al via la messa in sicurezza delle aree e degli accessi di cantiere, la posa della segnaletica e la realizzazione delle infrastrutture per consentire l'avvio dei …

Locarnese e valli

Record di uccelli migratori alle Bolle

Ficedula e Fondazione Bolle di Magadino segnalano una grande concentrazione di specie alle Bolle di Magadino. Il merito è delle piogge di questi giorni.

Locarnese e valli

Rinato lo storico Hotel Fusio

Ieri la presentazione da parte dell’arch. Giovan Luigi Dazio. Dispone di 24 posti letto. Rigoroso restauro conservativo dell’albergo del 1880.

Locarnese e valli

Passaggio di testimone a TicinoSentieri

Dopo 24 anni il presidente di TicinoSentieri Ettore Cavadini passa le consegne a Stéphane Grounauer. 

Locarnese e valli

Ottimismo nel turismo sul Verbano

Nel 2017 a Locarno, dopo un 2016 positivo, la promozione è mirata alla Svizzera interna. AlpTransit è apprezzato, ma si chiedono anche treni diretti.

Locarnese e valli

Porte aperte al Papio

Ad Ascona sabato 8 aprile avranno luogo le porte aperte al Collegio Papio. Si potranno inoltre scoprire diversi progetti come quello della nuova mensa.

Locarnese e valli

Frana sulla strada a Orselina

Alcuni massi e detriti sono franati sulla strada che da Orselina conduce a Locarno Monti, in via alla Basilica. Il tratto interessato è totalmente chiuso al …

Locarnese e valli

Quando l'arte si fa in quattro

I Dicasteri cultura di Locarno e di Ascona, insieme alla Fondazione Ghisla Art Collection, hanno presentato il nuovo “Cultural Pass Ascona Locarno”. 

Locarnese e valli

Sacri Monti, ricostruita la loro storia

Affollata conferenza dello storico Lorenzo Planzi che ha presentato pagine sconosciute della Madonna del Sasso e di Brissago.

Locarnese e valli

Si è spento l'ex direttore del Giardino di Ascona

Conosciuto come la leggenda degli alberghi confederati, Hans C. Leu è scomparso all'età di 86 anni. Vinse il premio come "miglior albergatore della …

Locarnese e valli

"Il volo più bello in carriera? L'ultimo"

Il sindaco Tiziano Ponti racconta l’altra dimensione in cui ha vissuto per 35 anni, l’aviazione militare. Pilota, collaudatore e comandante della Base aerea di …

Locarnese e valli

Christa Rigozzi mamma di Alissa e Zoe

L'ex Miss Svizzera ha dato alla luce due gemelle ieri mattina alla Clinica Santa Chiara di Locarno

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg