Home > Ticino e Regioni > Mendrisiotto

"Approfondiremo le accuse"

08.11.2017 - aggiornato: 08.11.2017 - 10:40

Dopo la lettera di un gruppo di genitori sull'inadeguatezza di alcuni insegnanti del Liceo di Mendrisio se ne discute a Bellinzona: "Modi sbagliati, ma risponderemo".

© Fotogonnella

di Andrea Finessi

 

Fare l’insegnante non è mai stato semplice. Insegnare, che lo si faccia in una scuola pubblica o privata, richiede dedizione, passione nell’insegnamento e amore per i ragazzi, che sono argilla nelle mani di un adulto. Infatti è più che una professione, perché serve una vocazione. E i genitori che affidano i propri figli nelle mani di un’altra persona devono poter essere certi di affidarli nelle mani giuste, certi che non vengano rovinati, tanto più nel periodo dell’adolescenza, quando la speranza nel futuro e fiducia nel prossimo si rafforzano o rischiano di sgretolarsi irreparabilmente. Educazione, giudizi e insegnamenti passano certamente prima dalla famiglia, ma è anche nell’ambiente quotidiano, la scuola, dove si forgiano i giovani. Perciò un genitore deve poter riporre a sua volta massima fiducia nella scuola e nel corpo docenti.

Una stima che starebbe venendo meno in alcuni genitori di studenti del liceo di Mendrisio, dove a detta di un gruppo di essi, alcuni insegnanti non starebbero onorando quel tacito patto tra famiglia e scuola, lavorando in modo inadeguato, a tratti finanche diseducativo. È quanto emergerebbe da una lettera pubblicata lunedì dal Giornale del Popolo (nei giorni precedenti anche sull’Informatore), in cui la famiglia Keller - esponendosi - si fa portavoce di questo gruppo di genitori preoccupati di quanto i loro figli avrebbero raccontato sull’esperienza quotidiana con alcuni docenti. Preoccupazioni già esternate privatamente alla direzione scolastica (con una missiva inviata in copia alla Direzione dell’Ufficio dell’insegnamento medio superiore e alla Direzione SUPSI – Dipartimento formazione e apprendimento), la quale – in sostanza – ha rispedito al mittente ogni accusa.  Da qui la nuova lettera di denuncia, pubblica, in cui si parla di «una serie reiterata di situazioni conflittuali e problematiche che non preludono a migliori prospettive per il futuro dell’Istituto». In particolare, si scriveva che l’atteggiamento di questi docenti lasciasse «trasparire chiaramente il fastidio di dover stare con gli studenti», fatto che avrebbe avuto come «unico effetto quello di smorzare gli entusiasmi e l’interesse per la materia proposta». I due genitori, i quali ben conoscerebbero la scuola, avendo avuto due figli in carico presso l’istituto per otto anni, riportano quindi di aver ricevuto testimonianze dai ragazzi e genitori di «comportamenti altamente diseducativi: angherie, umiliazioni verbali, minacce di mancata riuscita. Atteggiamenti che contravvengono alla deontologia dell’educatore e che hanno generato disamoramento per lo studio e causato disistima e frustrazioni negli allievi e spesso difficoltà e insuccessi anche in altre materie». 

 

Continua a leggere sul GdP di oggi

 

 

Mendrisiotto

103 anni: auguri Candido!

Il decano di Riva San Vitale è stato festeggiato martedì scorso da una cinquantina di persone, tra cui il sindaco, presso il centro diurno "ai Gelsi". …

Mendrisiotto

Per le testuggini d’acqua serve un'oasi

Pubblicate a Mendrisio e Stabio le richieste di licenza edilizia per gli interventi di ripristino della palude di Colombera, sito per la riproduzione dei rettili tutelato …

Mendrisiotto

L'AS Castello compie mezzo secolo

La squadra celebrerà il 2 settembre il suo 50mo compleanno, per il quale è stato edito un libro che ne ripercorre la storia, con aneddoti, interviste e …

Mendrisiotto

La via sublime al Generoso

La SAT Mendrisio ha concluso la prima fase dei lavori di ripristino della “variante”: l'ardita via delle Guardie di confine che da Perostabbio porta fino in …

Mendrisiotto

Fiamme in un appartamento a Chiasso

(LE FOTO) L'incendio è avvenuto alle 12 in una palazzina di Via Guisan. Nessun ferito. Il rogo ha interessato la cucina.

Mendrisiotto

L'ultimo saluto a Diakite Youssouf

(LE FOTO) Al cimitero di Balerna la cerimonia di commiato del 20enne migrante maliano, morto sul tetto di un treno alla stazione FFS.

Mendrisiotto

Chiusura notturna dell'A2 a Mendrisio

Traffico deviato da sabato 25 marzo alle 23.00 a domenica 26 marzo alle 8.00 per consentire l'unione dei due nuovi viadotti della Tana, recentemente realizzati.

Mendrisiotto

Mendrisio si accende di blu

Il Borgo scelto come luogo centrale in Ticino della giornata per la consapevolezza dell’autismo: sabato 1 aprile ospiterà tanti eventi per sensibilizzare sul …

Mendrisiotto

Cordoglio a Balerna per il giovane maliano

Un momento di riflessione e preghiera guidato da don Marco Notari per il giovane migrante morto. Anche il Vescovo di Lugano ha partecipato con un messaggio.

Mendrisiotto

AIM: "Ecco perché votare sì"

Il capo dicastero Marco Romano spiega, in un'intervista, i tanti benefici per i cittadini con l'approvazione della trasformazione delle aziende industriali di Mendrisio …

Mendrisiotto

Lavori lungo via artisti Pozzi

Prenderanno il via lunedì 6 febbraio per il completamento del marciapiede e il rifacimento del tombinone nei Comuni di Mendrisio e Castel San Pietro.

Mendrisiotto

Si è spento don Ezio Lozza

Il parroco di Rancate è deceduto giovedì mattia all’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio in seguito a un malore improvviso.

Mendrisiotto

Lo sguardo rivolto ad Haiti

Le parrocchie di Balerna, Mendrisio, Novazzano e Vacallo uniscono gli sforzi  per la colletta natalizia a sostegno della missione di Anse à Veau-Miragoâne …

Mendrisiotto

Principio di incendio a Balerna

I pompieri sono intervenuti presso una ditta situata in via Magazzini Generali a Balerna, domando sul nascere il rogo di un macchinario.

Mendrisiotto

In dogana con 25 kg di marijuana

A trasportarli è stato un cittadino serbo di 63 anni fermato sabato al valico di Brogeda mentre stava per entrare sul territorio elvetico.

Mendrisiotto - Incidente sul lavoro

Operaio ferito a Morbio Inferiore

Stava lavorando su una navicella a 20 metri d'altezza per smontare delle lampade, quando la sua mano è rimasta incastrata tra il palo delle luci e il corrimano dell …

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg