Home > Ticino e Regioni > Mendrisiotto

Cryptopolis fa sul serio: "Occorre unire le forze"

07.03.2018 - aggiornato: 07.03.2018 - 11:14

A Chiasso si attende la risposta dal Consiglio di Stato alla mozione con cui il Ticino dovrà decidere quale segnale dare a chi crede nella blockchain.

di Andrea Finessi

 

Blockchain, criptovalute, ICO, smart-contracts, bitcoin, etherium, token... sono le nuove parole del vocabolario chiassese, per ora ancora riservate agli addetti ai lavori che parlano questa nuova lingua della finanza e della tecnologia, ma che presto potrebbero entrare nel vocabolario di tutti e di tutto il Cantone, qualora anche il Governo ticinese dovesse decidere di sostenere il fermento che si sta creando intorno a questo nuovo paradigma di trasmissione dei dati che sta rivoluzionando internet e non solo, ossia la blockchain. Un fermento dal basso che continua a crescere, ma che ha bisogno di essere supportato anche dall’alto per poter fare un salto come è capitato alla Crypto Valley di Zugo, che gode del sostegno  del Governo e che oggi raggruppa oltre 550 soci, tra aziende e investitori. A Chiasso c’è invece Cryptopolis, che continua a lavorare per diffondere e far conoscere la cripto-logica dietro la blockchain. Giusto ieri si è riunita in assemblea per imporre ai soci un nuovo passo di marcia, ma quello in cui molti ripongono speranze  - in primis la stessa Cryptopolis e il Comune di Chiasso - è la risposta che arriverà dal Consiglio di Stato alla mozione dello scorso ottobre firmata dal granconsigliere Paolo Pamini: “Lanciare un segnale di fiducia al FinTech ticinese accettando il pagamento in bitcoin” per i servizi del Cantone. A fare da apripista a questa possibilità, non solo in Ticino, ma nel mondo, è stato il Comune di Chiasso, la cui apertura al pagamento delle imposte tramiete  bitcoin (per vincoli di legge trasformati in franchi al momento dell’incasso) è stata una notizia che ha fatto il giro del mondo in poche ore. Tuttavia più che l’accettazione dei pagamenti in criptovaluta, il vero segnale che il Cantone potrà dare sarà nella posizione che prenderà su tutto l’ambito blockchain, se apertura e stimolo, magari con altre iniziative concrete, oppure di chiusura. In quest’ultimo caso, va detto che per il Ticino sarebbe un po’ come remare controcorrente rispetto a quanto sta accadendo nei palazzi di Berna: non solo il Consigliere federale Johann Schneider-Ammann a fine gennaio ha detto che la Svizzera deve diventare «la prima crypto-nazione» (altra notizia che è rimbalzata in tutto il mondo), ma anche l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) a metà gennaio ha diramato le linee guida sulle ICO, ossia le offerte di moneta iniziale che avvengono con la creazione di nuove criptovalute. La rivoluzione blockchain è già entrata con forza in Svizzera, il Ticino saprà salire sul treno?

Se lo augurano soprattutto Ramona Gallo e Athos Cereghetti, rispettivamente presidente e vicepresidente di Cryptopolis che ci hanno raccontato, davanti a un caffé, che si confrontano ancora con molto scetticismo e sospetto, ovviamente davanti alle criptovalute. Un passaggio comprensibile, ci spiega Ramona Gallo, di professione avvocato: «È chiaro, non ci sono ancora delle regole e ci sono delle consuetudini, ma una volta fissata la normativa questo è il futuro. Ora come ora però c’è bisogno dell’apporto di tutti». Anche e soprattutto all’associazione, che finora vive soprattutto del volontariato di gente appassionata alla novità. Però questa “novità” ora richiede anche gente che si prepari a regolamentare una tecnologia che c’è già e andrà avanti, indipendentemente da Chiasso o da Zugo: «Ora servono professionisti e serve formare le persone, non solo tecnici, ma anche nelle aziende e nelle istituzioni. Noi stiamo unendo le nostre forze per capire dove andare e come regolamentare la tecnologia». Ma qual è lo scopo di un’associazione come Cryptopolisi, a Chiasso o in Ticino, pensando in grande? «Noi dobbiamo fare da trait d’union tra le aziende del fin tech e la società - ci dice Athos Cereghetti -. La blockchain sarà il nuovo modo di lavorare, noi crediamo di essere stati lungimiranti, pensando di aver dato una lettura a questo mondo». «Molti ritengono che dietro ci sia una grande speculazione, ma chi la pensa così è ancora indietro», prosegue Ramona Gallo. «Bisogna capire che non si potrà più farne a meno. Questo è solo un passettino dell’evoluzione». Tra chi lo ha già capito ci sono i giovani, come le due studentesse del liceo di Mendrisio che hanno chiesto a scuola di tenere una presentazione sulla blockchain. Un’occasione a cui Cryptopolis non mancherà, in aprile, ma che dimostra quanto i giovani siano affamati di informazioni e formazione sulla cripto-logica.

Mendrisiotto

Oro mondiale a uno Chardonnay ticinese

Il "Carisma" dell'azienda Gialdi SA di Mendrisio ha ricevuto il premio più ambito al concorso "Chardonnay du Monde", disputato nel cuore …

Mendrisiotto

Lo scultore con la Cambogia nel cuore

Enrico Sala pronto a partire per l’ennesimo viaggio (sono 25!). In primavera verranno inaugurati due nuovi edifici scolastici e una nuova maternità, grazie al …

Mendrisiotto

Dopo la lumaca ecco "Enrico il lombrico"

È andato alle stampe il nuovo libro per bambini dell'ex sindaco di Chiasso Moreno Colombo. Il ricavato andrà interamente in beneficenza.

Mendrisiotto

103 anni: auguri Candido!

Il decano di Riva San Vitale è stato festeggiato martedì scorso da una cinquantina di persone, tra cui il sindaco, presso il centro diurno "ai Gelsi". …

Mendrisiotto

Per le testuggini d’acqua serve un'oasi

Pubblicate a Mendrisio e Stabio le richieste di licenza edilizia per gli interventi di ripristino della palude di Colombera, sito per la riproduzione dei rettili tutelato …

Mendrisiotto

L'AS Castello compie mezzo secolo

La squadra celebrerà il 2 settembre il suo 50mo compleanno, per il quale è stato edito un libro che ne ripercorre la storia, con aneddoti, interviste e …

Mendrisiotto

La via sublime al Generoso

La SAT Mendrisio ha concluso la prima fase dei lavori di ripristino della “variante”: l'ardita via delle Guardie di confine che da Perostabbio porta fino in …

Mendrisiotto

Fiamme in un appartamento a Chiasso

(LE FOTO) L'incendio è avvenuto alle 12 in una palazzina di Via Guisan. Nessun ferito. Il rogo ha interessato la cucina.

Mendrisiotto

L'ultimo saluto a Diakite Youssouf

(LE FOTO) Al cimitero di Balerna la cerimonia di commiato del 20enne migrante maliano, morto sul tetto di un treno alla stazione FFS.

Mendrisiotto

Chiusura notturna dell'A2 a Mendrisio

Traffico deviato da sabato 25 marzo alle 23.00 a domenica 26 marzo alle 8.00 per consentire l'unione dei due nuovi viadotti della Tana, recentemente realizzati.

Mendrisiotto

Mendrisio si accende di blu

Il Borgo scelto come luogo centrale in Ticino della giornata per la consapevolezza dell’autismo: sabato 1 aprile ospiterà tanti eventi per sensibilizzare sul …

Mendrisiotto

Cordoglio a Balerna per il giovane maliano

Un momento di riflessione e preghiera guidato da don Marco Notari per il giovane migrante morto. Anche il Vescovo di Lugano ha partecipato con un messaggio.

Mendrisiotto

AIM: "Ecco perché votare sì"

Il capo dicastero Marco Romano spiega, in un'intervista, i tanti benefici per i cittadini con l'approvazione della trasformazione delle aziende industriali di Mendrisio …

Mendrisiotto

Lavori lungo via artisti Pozzi

Prenderanno il via lunedì 6 febbraio per il completamento del marciapiede e il rifacimento del tombinone nei Comuni di Mendrisio e Castel San Pietro.

Mendrisiotto

Si è spento don Ezio Lozza

Il parroco di Rancate è deceduto giovedì mattia all’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio in seguito a un malore improvviso.

Mendrisiotto

Lo sguardo rivolto ad Haiti

Le parrocchie di Balerna, Mendrisio, Novazzano e Vacallo uniscono gli sforzi  per la colletta natalizia a sostegno della missione di Anse à Veau-Miragoâne …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg