Home > Ticino e Regioni > Ticino

Pioggia di critiche su "La scuola che verrà"

20.03.2017 - aggiornato: 20.03.2017 - 13:15

Presa di posizione dell’OCST-docenti e del Movimento della scuola. I dubbi sul ruolo del docente, sulla griglia oraria frammentata e sul sistema di valutazione.

di Nicola Mazzi

 

La riforma della scuola ticinese, denominata “La scuola che verrà” e voluta dal direttore del DECS Manuele Bertoli, crea molto dibattito. E in questi giorni sono giunte diverse prese di posizione alla consultazione diramata dallo stesso dipartimento.

In particolare l’OCST-docenti ha messo sul piatto diverse criticità. Se da un lato è apprezzato l’intento di migliorare la qualità della scuola e mantiene la sua disponibilità a collaborare, d’altro lato ritiene che sarebbe stato più utile partire da un bilancio dell’attuale sistema per individuare  i punti deboli su cui lavorare. Secondo l’OCST la riforma si presenta molto dispendiosa in termini di energie, tempo e denaro. Inoltre il ruolo del docente ne esce indebolito e peggiorato da un sovraccarico di lavoro. Per questo si chiede un maggiore coinvolgimento dello stesso all’interno della riforma. Entrando nel concreto l’OCST-docenti propone di organizzare attività opzionali in tempo extrascolastico, strutturate in attività professionalmente orientative, artistiche o sportive.

Chiede di ridurre il numero delle settimane-progetto, rinunciare all’orario settimanale con sequenze a blocchi, escludere gli atelier dalla griglia oraria, prevedendo delle lezioni facoltative fuori dall’orario. Inoltre chiede di prevedere due ore fisse di laboratorio con metà classe su discipline diverse. Si domanda anche un ridimensionamento della valutazione degli allievi e di definire in anticipo i contenuti della “Costellazione di argomenti pedagogici cruciali” di cui si parla nella riforma. Si chiede di chiarire con la famiglia le conseguenze della differenziazione pedagogica. E infine si suggerisce, per i docenti con più di 50 anni, di convertire due ore di lezioni alla formazione continua. 

Movimento della scuola

Anche il Movimento della Scuola ha preso posizione sulla riforma con un dossier di 25 pagine che cerchiamo di riassumere, in quanto il testo entra nel merito delle varie proposte. Questo movimento (che racchiude diverse associazioni di docenti) evidenzia diverse criticità nella riforma del DECS. Anzitutto sottolinea come il progetto operi una netta frattura con l’impostazione storica della scuola media elaborata 40 anni or sono. Ma più nel concreto il progetto del DECS «coinvolge l’allievo in un continuo rivoluzionamento delle modalità d’insegnamento e della gestione del tempo scolastico e questo potrebbe portare a una frammentazione che rischia di disorientarlo al pari del docente». La corsa alla personalizzazione e alla differenziazione potrebbe «scaturire in un bailamme organizzativo di difficile comprensione per l’allievo». 

Per il MdS anche il passaggio da una griglia oraria settimanale a una che cambia diverse volte durante l’anno potrebbe porre problemi organizzativi e pedagogico-didattiche. Così come sono giudicate irrealizzabili perché troppe (circa 30-32) le giornate-progetto. Diversi dubbi sono espressi anche sulla valutazione e in particolare sulla cartella dell’allievo nella quale si raccolgono informazioni sensibili su ogni studente. Così come è criticata l’abolizione del voto medio di 4,65 per entrare nella scuola post-obbligatoria in quanto esiste il rischio di un forte e ingestibile incremento delle entrate in queste scuole. Infine si insiste sul fatto che il docente sia sempre meno concepito dalle autorità come persona di cultura e interprete dell’azione educativa. Secondo il MdS l’insegnante è visto dal DECS solo come un attuatore e cioè come una persona che attua decisioni e modelli definiti da altri. Ma soprattutto «la frammentazione delle ore a classe intera, l’aumento delle forme didattiche e la moltiplicazione delle figure di riferimento sembrano portare a un contenitore che nei fatti corre il rischio di negare l’importanza che la continuità didattica che le materie scolastiche dovrebbero assicurare». 

 

Ticino

Un Gran Oro al Ticino ai Mondiali del Merlot

Il "Vigna d'Antan" dell'azienda Brivio di Mendrisio è stato giudicato "Miglior vino del concorso". Altre 20 medaglie d'oro sono state …

Ticino

77 nuovi diplomati all'USI

(LE FOTO) La consegna dei diplomi è avvenuta nell'aula magna dell'USI di Lugano. Sono stati consegnati 39 diplomi di Bachelor e 38 di Master.

Ticino

Tre laureati alla SUPSI da... Oscar

(LE FOTO) La famigerata statuetta per i migliori effetti speciali è andata a Blade Runner 2049. Nel team che ha curato la post-produzione del film c'erano tre …

Ticino

Casa dello studente, aperte le iscrizioni

La struttura, in particolare per giovani che scelgono di frequentare una scuola lontana da casa, si trova al Centro Gioventù e Sport di Bellinzona e offre 16 posti. …

Ticino

58 nuovi laureati in Scienze economiche

La consegna dei diplomi è avvenuta oggi pomeriggio, nell'aula magna dell'USI di Lugano a 58 studenti di 9 nazionalità diverse.

Ticino

Monete antiche restituite alla Serbia

Il lotto, sequestrato prima che venisse venduto e confiscato grazie a una procedura del Ministero pubblico ticinese, rappresentano testimonianze storiche e culturali.

Ticino

I Diplomati Master 2018 della SUPSI

La cerimonia si è tenuta al LAC di Lugano, durante la quale è intervenuto anche Daniele Finzi Pasca con un videomessaggio di auguri per i 52 neodiplomati.

Ticino

Dalle aziende ticinesi 60mila franchi a UNICEF

(LE FOTO) Si è tenuta ieri a Lugano la serata di beneficienza organizzata dal Comitato Svizzero per l’UNICEF dal titolo “L’impegno del Ticino per …

Ticino

I primi 16 ispettori ambientali ticinesi

La cerimonia di consegna degli attestati si è tenuta a Contone. Questa nuova formazione permetterà al Cantone di fare un passo avanti nella regolarità dei …

Ticino

Espoprofessioni, premiato un allievo di Cevio

Il concorso "SAMT CUBE" lanciato dalla Scuola d'arti e mestieri di Trevano è stato vinto da Athos Cadei, che si aggiudica una videocamera.

Ticino

La raccolta dei vestiti la fanno i postini

Nel mese di aprile Texaid dà la possibilità di lasciare presso la propria cassetta della posta gli indumenti usati. Gli appositi sacchi saranno poi raccolti dai …

Ticino

(Ri) Abbonati e... vincenti!

Ecco tutti i vincitori del concorso abbinato alla Campagna Abbonamenti del Giornale del Popolo; i premi in palio erano ben 82.

Ticino

Due locomotive storiche in transito

(LE FOTO) I due mezzi, che trainavano diverse carrozze storiche, sono arrivati ad Airolo martedì da Lyss e sono poi ripartiti alla volta di Bodio e poi di Locarno.

Ticino

Una raccolta fondi per Tavolino Magico

L'hanno lanciata Ars Medica e Genolier Foundation, tramite la riscossione di parte dell'incasso (poi da loro raddoppiato) sui menu "Charity" al ristorante …

Ticino

Difficoltà in matematica? Ecco perché

Una ricerca della SUPSI, svolta sugli allievi di quinta elementare, indica che i bambini tendono a effettuare una lettura poco profonda del testo di un problema.

Ticino

Fredda primavera meteorologica

È iniziata il 1. marzo all'insegna della neve. Per la primavera astronomica bisognerà attendere il 20 marzo, quando si verificherà l'equinozio di …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg